Skip to content

La valutazione

Come valutare la qualità dell’insegnamento?

La valutazione scolastica è un tema molto importante, perché la formazione rappresenta la risorsa fondamentale che interessa la società intera e ciascuno dei suoi membri. Essa è il fattore fondante di ogni realtà scolastica, costituisce l’elemento centrale di tutto il sistema -scuola, garantisce il collaudo, il funzionamento e la possibilità di potenziamento dell’intero impianto formativo. La valutazione, infatti, potrebbe ricostruire quella armonia tra società civile e scuola che si è deteriorata in seguito all’indebolimento della scuola come nucleo centrale delle politiche pubbliche. Dalla critica dei criteri soggettivi degli anni ’60 si è passati a dare più importanza ai processi attraverso cui arrivare ad un’efficacia del rapporto insegnamento-apprendimento. La valutazione rappresenta la coscienza critica di tutta l’attività didattica, da essa partono tutte le decisioni operative e le azioni di miglioramento.

Come suggerisce lo Scriven, la valutazione deve avere un senso formativo, cioè avere il precipuo scopo di sostenere il lavoro di insegnanti e studenti e migliorarlo ad ogni passo: utilizzando il principio di retroazione permette all’attività didattica di procedere solo dopo aver osservato quanto è avvenuto.

Esistono diversi profili della valutazione scolastica: a scopo strettamente “didattico”, volta ad apprezzare i processi e gli esiti dell’apprendimento; a scopo di “istituto”, intesa a rilevare le caratteristiche del servizio erogato da uno stabilimento scolastico; e, infine, quella a scopo di “sistema”, orientata a cogliere le grandi tendenze, il rapporto costo/benefici, i macroindicatori, il peso delle variabili geografiche e territoriali.

I singoli istituti devono dotarsi di una propria autonomia attraverso lo sviluppo di una cultura e un’inclinazione all’attività valutativa che li renda capaci di verificare la propria produttività e il raggiungimento di obiettivi e standard nazionali. La definizione di standard nazionali rappresenta un modo per dare al progetto educativo un criterio di qualità, per raggiungere il livello di servizio desiderato, dando la possibilità alla società di fissare dei punti fermi, in un periodo di trasformazioni. Inoltre, la definizione di standard è importante anche per affrontare il problema della certificazione, ovvero di attestare “erga omnes” le competenze acquisite dopo il percorso di istruzione (scolastica) e di formazione (professionale).

Alcuni documenti europei, hanno espresso la necessità di costruire una carta personale capace di riconoscere le conoscenze fondamentali, tecniche o trasversali, dal contenuto chiaro ed univoco, che siano spendibili sul mercato del lavoro. In seguito, al riconoscimento di ampie sfere di autonomia alle istituzioni scolastiche, avvenuta negli anni ’90, la valutazione diviene un obbligo per legge e si arriva al raggiungimento del binomio discrezionalità - rendicontazione.

L’autonomia scolastica necessita di conoscere non solo lo studente come “oggetto” del percorso di valutazione, ma anche la qualità del processo formativo e dell’istituzione scolastica nel suo insieme. Infatti sono molteplici i fattori che determinano il processo di apprendimento: l’ “efficienza ottimale” è definibile come corrispondenza tra la quantità di apprendimento che si vuole raggiungere e la quantità di apprendimento che è stata effettivamente realizzata dalla scuola. La scuola dell’autonomia deve sempre autovalutarsi al fine di utilizzare i risultati di quest’azione per migliorare le proprie azioni.

La valutazione scolastica in passato ha sempre fatto riferimento al soggetto di studio, ovvero lo studente, ma oggi si specifica diversamente rispetto all’oggetto che viene valutato.
Si può parlare di valutazione del soggetto che apprende, dell’operatore della scuola, d’istituto, di valutazione comparativa di sistema o valutazione del profitto del soggetto che apprende. Il “mastery learning” dà alla proposta didattica un’interpretazione nuova, non più data per scontata, bensì sottoposta continuamente a verifica, in relazione alle caratteristiche per niente consuete degli allievi.

Nel tempo, questa metodologia ha perso lo smalto iniziale e si è caricata di un significato utopico (tutti possono raggiungere gli stessi risultati) contribuendo così, secondo alcuni, ad abbassare i livelli mentre si cercava di perseguire l’equità. Recentemente (2007-2012) si è riscoperto il valore del Mastery Learning; I suoi presupposti (apprendimento per la padronanza) sono stati chiariti da Bloom negli anni 70: l’idea è che la maggior parte degli studenti possa raggiungere un elevato livello di apprendimento se vengono create le condizioni favorevoli, adeguate alle caratteristiche e ai bisogni di ciascuno.

Nella valutazione di contesto, oggetto della valutazione è l’insieme degli aspetti che caratterizzano un’agenzia educativa, ovvero le risorse strutturali, le pratiche, l’organizzazione. Compiere una valutazione di contesto significa individuare delle “dimensioni formative e organizzative”, da considerare come un sistema complesso in base ai significati attribuiti al contesto stesso da tutti gli attori coinvolti (insegnanti, studenti, dirigente, genitori, ecc.). Secondo Fetterman , la valutazione formativa “educa e trasforma i soggetti che vi si impegnano fornendo loro strumenti per l’assunzione di consapevolezza, autodeterminazione, senso di responsabilità, capacità professionali”.

La valutazione formativa, inoltre, ha anche funzione “trasformativa inducendo una modificazione di atteggiamenti, fornendo l’opportunità di acquisizione di capacità e conoscenze, arricchendo e articolando l’esperienza dei partecipanti relativamente all’oggetto che si è andati a valutare, promuovendo un processo di formazione continua”. Questo tipo di valutazione è affidato maggiormente al docente, e quindi dipende dalla sua professionalità, in quanto sembra necessario fare in modo che la verifica dei dati non sia compiuta da agenzie esterne e soprattutto che non sia fondato sulla tipologia di strumenti standardizzati o sull’unicità delle prove.

Scriven definisce la valutazione come una disciplina che sviluppa modelli, teorie e procedure propri, al fine di “determinare il valore (worth), il merito (merit) o la significatività di qualche entità” e propone una distinzione tra “summative” e “formative evaluation”: la prima, volta all’espressione di un giudizio finale circa la validità di un programma, di un curricolo o di un’istituzione educativa; la seconda, compiuta durante lo svolgimento del programma e finalizzata ad introdurre innovazioni migliorative in itinere. “La differenza tra i due tipi di valutazione sta esclusivamente nel momento in cui vengono realizzate, nei destinatari e nel modo in cui i risultati vengono utilizzati”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La valutazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vittoria Olivieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Melania Verde
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

valutazione
valutare
valutazione scolastica
la valutazione
la valutazione scolastica
la valutazione a scuola

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi