Skip to content

Politica e società in Italia nel secondo dopoguerra

Verso il Referendum

Il governo di Ferruccio Parri fallì nel suo tentativo di rinnovamento, causato dal peggioramento dell’ordine pubblico, messo in crisi dalle occupazioni delle terre nel Meridione e dagli scioperi nelle fabbriche del Nord; altre cause di questo fallimento furono l’opposizione da parte dei liberali, capeggiati da Benedetto Croce e Luigi Einaudi, ed il mancato appoggio dei partiti di sinistra.

Tale governo, dopo soli cinque mesi di mandato, dal giugno al novembre 1945, fu sostituito dal governo De Gasperi: quest’ultimo era riuscito a riscuotere molta fiducia da parte dei partiti di sinistra, i quali ritenevano il leader democristiano l’unica figura in grado di tenere lontane ulteriori crisi politiche in vista delle elezioni amministrative.

In effetti egli riuscì ad ottenere dalla sinistra diverse concessioni, riuscendo contemporaneamente a rinviare la data delle elezioni politiche, dal momento che, essendo Ministro degli Esteri, era in abituale contatto con gli Alleati e questi gli consigliarono di far precedere le elezioni nazionali da quelle amministrative. In sostanza il ragionamento di base era ovvio, in quanto, come sostenuto da Lombardi, più tempo c’era perché “la lava incandescente del 1945” si raffreddasse, maggiori erano le possibilità per i moderati di vincere le elezioni.

A tal fine, De Gasperi minacciò una crisi ministeriale se il suo ragionamento non fosse stato condiviso da tutti gli altri, e dunque, le elezioni amministrative furono fissate nella primavera del 1946, ben più tardi rispetto agli altri paesi che, al pari dell’Italia, avevano sofferto fortemente l’occupazione nazista.

Intanto, nel novembre 1945, i liberali annunciarono di volersi ritirare dal governo dal momento che ritenevano oramai chiusa l’esperienza di Parri, De Gasperi appoggiò la loro mossa politica e al “Presidente” non rimase altra scelta che quella di presentare le proprie dimissioni, dichiarando al contempo la sua profonda amarezza per il “colpo di stato” realizzato contro di lui; ma i maggiori partiti di sinistra, comunisti e socialisti, non manifestarono alcun dissenso, in quanto già pensavano di conferire l’incarico a De Gasperi.

In effetti, il 10 dicembre egli diventò Presidente del Consiglio con una squadra formata da Nenni, come vice – presidente, Togliatti, come Ministro di Grazia e Giustizia ed il socialista Romita, come Ministro degli Interni.
Nei mesi successivi, De Gasperi propose numerose volte il referendum, per risolvere l’importante questione istituzionale relativa alla permanenza della Monarchia in Italia contro la forma repubblicana, non tanto perché auspicava la vittoria della prima, quanto perché voleva nascondere la diversità ideologica tra l’elettorato democristiano, favorevole alla Monarchia, e i dirigenti del partito, propensi alla Repubblica.

In relazione ai poteri da attribuire all’Assemblea Costituente, egli propose che la stessa non dovesse avere alcun potere legislativo, ma la sua funzione si sarebbe dovuta limitare alla stesura della nuova Costituzione, dal momento che egli temeva, con la presenza di Nenni e Togliatti al governo, un’evoluzione di tale organo in una “convenzione” improntata sul modello della Rivoluzione Francese.

A fronte della dura posizione assunta da De Gasperi su entrambe le questioni, la sinistra fu molto morbida, tanto che Nenni nel febbraio del 1946 annotò nel suo diario le proposte insistenti che erano state fatte nei suoi confronti per ottenere diverse concessioni: il timore di manifestazioni violente contro i ritardi e le polemiche del governo, di una crisi ministeriale, la possibilità di un intervento alleato, il rischio di provocazioni fasciste e monarchiche.

Oltre a questo aspetto, occorre rilevare che durante i governi Parri e De Gasperi, il tradizionale apparato burocratico – amministrativo, ereditato dal fascismo, non fu affatto modificato, anzi, il sistema fu consolidato nella sua interezza.
In effetti, comunisti e socialisti non erano interessati alla questione della riforma del potere centrale a Roma, dal momento che erano convinti della neutralità delle istituzioni statali e, contemporaneamente, rivolgevano il loro totale interesse a raggiungere il potere con le elezioni amministrative.

La conseguenza di tutto ciò fu che nel biennio 1945 – 1947 nulla fu realizzato per riformare “la macchina burocratica” dello Stato, neanche nel settore della giustizia, dove Togliatti rivestiva il ruolo di ministro.
Invece, fu fatto qualche tentativo per epurare il personale, ovvero per punire coloro che avevano in qualche modo sostenuto il regime fascista; tale rivendicazione era chiesta soprattutto dai battaglieri della Resistenza e dalle persone che avevano sofferto durante il regime di Mussolini.

Occorre però precisare che molti settori dell’amministrazione pubblica, tra i quali la magistratura, non furono nemmeno toccati: si osserva che su sessantaquattro prefetti in servizio, sessantadue erano stati funzionari sotto il fascismo, e quindi soltanto due di loro erano stati rimossi; la medesima osservazione può essere fatta per i centotrentacinque questori e per i loro centotrentanove vice, in quanto solo cinque di essi avevano partecipato in qualche modo alla Resistenza.
Anche diversi dirigenti fascisti furono assolti in modo scandaloso: Paolo Orano, capo di stato maggiore di Mussolini durante la marcia su Roma, venne dichiarato non colpevole in quanto mancava un nesso causale tra i suoi comportamenti e la distruzione della democrazia, stessa sorte toccò a Renato Ricci in quanto la guarda nazionale di Salò venne giudicata una forza di polizia interna.

Il processo di epurazione, pur se poco efficace, terminò nel giugno 1946 con la promulgazione di un’amnistia da parte di Togliatti; ciò fu molto criticato in quanto permise a molti torturatori fascisti di sfuggire alla giustizia.
Nello specifico, occorre ricordare l’assurda distinzione tra torture ordinarie e quelle particolarmente efferate: attraverso tale meccanismo, i tribunali riuscirono ad assolvere crimini terribili, quali lo stupro di gruppo ad una partigiana, la tortura di alcuni partigiani appesi al soffitto come fossero sacchi da pugilato, e infine la tortura tramite scariche elettriche sugli organi genitali.

In sostanza, l’unica reale epurazione fu effettuata dai Ministri democristiani contro i partigiani e gli antifascisti occupati nell’amministrazione statale; in effetti, gradualmente, De Gasperi sostituì tutti i prefetti nominati dal Comitato di liberazione nazionale Alta Italia (Clnai), con funzionari di carriera scelti personalmente.
Infine, anche nell’ambito della polizia, il Ministro democristiano Mario Scelba, nel 1947 – 1948, epurò rapidamente il corpo poliziesco dal consistente numero di partigiani che vi erano entrati con la liberazione nel 1945.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Politica e società in Italia nel secondo dopoguerra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Bernardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Camerino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Paolo Giovannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

camera dei deputati
alcide de gasperi
democrazia cristiana
referendum
repubblica italiana
senato della repubblica
elezioni 1948
giuseppe saragat
campofiorito
dopoguerra in italia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi