Skip to content

Il ruolo delle funzioni genitoriali nei casi di “trauma complesso”

La variabilità di risposta correlata ad un trauma

Condividere l'esperienza traumatica vissuta, sia con coloro che sono più vicini al soggetto che con la società, è una precondizione per la risoluzione del trauma. Infatti, la sicurezza dell'attaccamento precoce è sicuramente un fattore di resilienza qualora il bambino sia esposto a traumi, ma solo questo punto di vista appare riduttivo in quanto grazie a numerosi studi è emerso che esistono altri fattori influenti nella risposta ad un trauma.

Il trauma complesso non sempre sfocia, in adolescenza e in età adulta, in esiti psicopatologici, grazie all'intervento posto dal supporto sociale ed anche all'incidenza di eventi di vita protettivi, quali il supporto precoce del padre nei casi di una madre irrisolta, una buona relazione di coppia in età adulta, la presenza di una figura di sostegno alternativa esterna al nucleo familiare, esperienze scolastiche positive. La ricerca dimostra inoltre che vi sono fattori protettivi anche all'interno di uno sviluppo traumatico, che permettono di sviluppare una buona capacità di resilienza, ovvero la capacità di resistere e far fronte in modo adattivo ad una situazione fortemente dolorosa, al punto che quest'ultima venga colta come esperienza formativa e non traumatica (Caretti et al., 2008).

L'assenza di tali fattori protettivi, rende il soggetto più vulnerabile alla psicopatologia, in quanto ciò impedisce alla vittima di percepire di ricevere aiuto, non facilitando lo svolgimento della funzione di contenimento del sistema di difesa da parte del sistema di attaccamento, nonostante questo sia connotato da modelli operativi interni sicuri (Brewin, Andrews, Rose, 2003; Lauterbach, Back, Reiland, Mason, Lute, Earls, 2007a).

La resilienza può essere intesa come un fattore immunitario (Schimmenti et al., 2008) che dipende da fattori socioculturali, e si pone come un processo in grado di modificarsi nel corso dello sviluppo. Tale qualità non scaturisce solo in presenza di un attaccamento precoce sicuro, ma anche grazie alla capacità del soggetto di dedicarsi ad interessi, coinvolgersi in attività creative e strutturare nuove relazioni che gli permettono di contrastare gli esiti patogeni derivanti da un esperienza traumatica vissuta (Liotti, 2011).

Secondo i teorici della Psicopatologia dello Sviluppo, è il contesto relazionale primario del soggetto a determinare o meno l'insorgenza psicopatologica come risposta a situazioni traumatiche, sulla base della presenza di fattori di rischio e/o protettivi che intervengono nel percorso evolutivo dell'individuo (V. Giamundo, 2013).

Si deduce dunque che non è il trauma in sé a far scatenare e cronicizzare un disturbo psicopatologico in quanto, la maggiore o minore vulnerabilità del soggetto alla psicopatologia, dipende anche da una serie di problematiche di natura biologica, sociale e psicologica: il livello di tolleranza allo stress, la capacità di controllare le emozioni negative, la presenza di malattie psichiatriche nella storia familiare e l'incidenza di ulteriori traumi avvenuti nel tempo (McFarlane, A.C. e Yehuda, R., 2009). La vulnerabilità al trauma dipende inoltre dal periodo evolutivo in cui l'esperienza traumatica avviene, dalla tipologia di trauma subito e dalla durata temporale di esso.

In base all'età in cui avviene il maltrattamento e la sua durata, vengono infatti colpiti determinati compiti di sviluppo specifici di ogni fase della crescita e si ritiene che più precocemente avviene il maltrattamento, più gravi saranno gli esiti (Caretti, V., Craparo, G., Mangiapane, E., 2005): bambini più piccoli rispondono ai traumi con disturbi del sonno e dell'alimentazione, mentre i bambini più grandi (verso i 5 anni) mostrano il ricorso alla dissociazione come strategie di difesa. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo delle funzioni genitoriali nei casi di “trauma complesso”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Verdiana Privitera
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Concetta De Pasquale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
figura paterna
psicopatologia
trauma
borderline
attaccamento
ptsd
legame di coppia
maltrattamento e abuso
depressione post-traumatica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi