Skip to content

L'identificazione del carbonizzato

Circostanze del rinvenimento di resti umani carbonizzati

Le circostanze in cui si possono rinvenire cadaveri carbonizzati sono svariate: dall’auto incendiata ai disastri di massa come incidenti aerei, esplosioni, incendi di palazzi, attentati dinamitardi etc..

Nel corso del sopralluogo, in particolare, a fronte di rinvenimento di un singolo cadavere completamente carbonizzato, va innanzitutto tenuto presente che potrebbe trattarsi di un tentativo di cancellare le tracce del reato con la distruzione del cadavere stesso e con l'intento di dissimulare la reale causa di morte e non di meno al contempo impedirne l'identificazione.

È, pertanto, buona norma cercare di stabilire, per quanto possibile, se le ustioni siano vitali o post-mortali e, quindi, procedere con estrema accortezza alla raccolta delle tracce, essendo molto cauti nel preliminare giudizio circa la natura del fatto, in attesa dei fondamentali risultati autoptici.

Spesso il cadavere carbonizzato presenta un particolare tipo di atteggiamento, propriamente patognomonico e definito cosiddetto "da lottatore", caratterizzato dalla spiccata flessione degli arti superiori ed inferiori in ragione della retrazione dei muscoli e conseguente all'azione delle fiamme.

Fiamme che, peraltro, possono determinare anche amputazioni di segmenti corporei, specialmente delle mani, ovvero ampie crepe cutanee simili a lesioni da taglio, che non vanno confuse con lesioni prodotte in tal senso in vita.

Parimenti, la presenza di aspetti fratturativi coinvolgenti segnatamente la teca cranica potrebbe essere espressione del cosiddetto "scoppio da calore" e non già di trauma contusivo inferto prima della morte.

L'omicidio per mezzo del calore, se escludiamo l’attentato dinamitardo, è raro e prevede che la vittima venga colta di sorpresa ovvero si trovi in condizioni di non potersi difendere o sfuggire alle fiamme; è invece assai frequente, come precedentemente accennato, che il fuoco sia appiccato con lo scopo di cancellare le tracce di un delitto e di rendere il cadavere non riconoscibile.

È sempre bene, quindi, nei casi di rinvenimento di cadavere carbonizzato, prendere in considerazione tale evenienza.

L'eventualità accidentale è senza dubbio prevalente: può riguardare persone che rimangono coinvolte in incendi, ed ancora, soggetti che non possono sfuggire a fiamme sviluppatesi improvvisamente perché impossibilitati a muoversi (anziani, malati, neonati e o bambini) o per repentina perdita di coscienza dovuta ad inalazione di fumi o gas tossici sviluppatesi nell'incendio, o perché colte nel sonno oppure perché in stato di ebbrezza o sotto gli effetti di stupefacenti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'identificazione del carbonizzato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Faella
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Antropologia e odontologia forense
Anno: 2014
Docente/Relatore: Antonio Della Valle
Istituito da: Università degli Studi di Foggia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

identificazione
dattiloscopia
incendio
antropologia forense
genetica forense
radiologia forense
carbonizzato
disastri di massa
odontologia forense
resti umani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi