Skip to content

Analisi Morfologiche e Strutturali per l'Indagine delle Ceramiche Archeologiche

Tecniche porosimetriche a base di acqua o azoto

Per l’analisi della struttura porosa sono diffuse alcune tecniche porosimetriche, oltre alla porosimetria ad intrusione di mercurio, che si basano sulla penetrazione di un liquido o di un gas all’interno del campione in esame. Esse permettono innanzitutto di misurare la porosità aperta del campione ed alcune forniscono anche informazioni riguardo la distribuzione volumetrica dei pori e la superficie specifica.

Queste tecniche possono essere impiegate in alternativa alla MIP o fornire informazioni complementari, permettendo di ampliare l’intervallo dimensionale dei pori indagati. Sono utilizzate soprattutto per test industriali su materiali da costruzione, come piastrelle, malte, calcestruzzi, intonaci, etc., per i quali i valori di porosità assumono una certa rilevanza nella definizione delle proprietà come la resistenza e la permeabilità (Republic of China National Standard Institute 2006; Pia 2008).

I metodi più utilizzati in ambito archeologico sono a base di azoto o di acqua distillata. Oltre ai metodi più tradizionali si riporta anche una tecnica poco diffusa, ideata nel 2004 da Harry & Johnson, che sfrutta l’assorbimento di azoto liquido e promette ottimi risultati in termini di compatibilità con i materiali archeologici (Harry & Johnson 2004).

Tutte le tecniche presentate in questo capitolo prevedono una strumentazione molto semplice ed una bassa specializzazione dell’operatore, rendendole quindi accessibili in termini pratici ed economici.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi Morfologiche e Strutturali per l'Indagine delle Ceramiche Archeologiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manuele Mondini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
  Relatore: Eleonora Balliana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi