Skip to content

Ruolo del TSRM nei trattamenti stereotassici: Precisione nel posizionamento del paziente e corretto utilizzo dei sistemi di immobilizzazione

Posizionamento e comfort del paziente per la radioterapia stereotassica body (SBRT) e dispositivi di immobilizzazione

Lo sviluppo della radioterapia stereotassica extracranica, o body (SBRT) è avvenuto dopo aver dimostrato che un miglioramento nell’accuratezza spaziale della dose poteva permettere l’uso di margini molto più piccoli per il target rispetto a quelli usati nella tradizionale radioterapia. Ovviamente questo migliorava anche il ratio terapeutico rendendo possibile l’incremento dell’effetto biologico della dose, caratteristica principale della SBRT.

Per realizzare una riduzione dei margini sia al target che agli organi a rischio circostanti (OAR) bisogna porre molta attenzione alla posizione del paziente e all’impostazione del piano di trattamento. Per un buon trattamento SBRT:
- le posizioni relative al target e agli OAR nella scansione TC devono essere riproducibili nel bunker prima di erogare la dose;
- è necessario porre molta attenzione ai punti di repere anatomici posizionati all’isocentro;
- le posizioni del target e degli OAR durante l’erogazione della dose devono rimanere fisse o, nel caso di target influenzati da movimento respiratorio, l’ escursione respiratoria deve restare costante.

Infatti la distribuzione della dose erogata al paziente potrebbe anche differire da quella pianificata sia perché la posizione del paziente potrebbe cambiare tra la TC di centratura e il trattamento, sia perché i tessuti molli sono soggetti a movimenti o anche perché i pazienti non sono in grado di rimanere fermi durante la seduta, a volte lunga, di trattamento. Queste problematiche possono essere ridotte o quantomeno migliorate con l’utilizzo di sistemi di immobilizzazione prodotti ad hoc per trattamenti SBRT. È fondamentale utilizzare il SIR (Sistema di Immobilizzazione e Riposizionamento) più appropriato ed adatto al paziente, alle sue condizioni psico-fisiche e al distretto da irradiare. Questa scelta viene effettuata in seguito al parere consuntivo di TSRM, medico oncologo radioterapista e fisico medico.

Questi sistemi, in generale, assolvono a diverse funzioni tra cui:
- immobilizzano il paziente così da minimizzare le possibilità di movimenti involontari durante la terapia, che portano a variazioni significative di dose agli OAR;
- massimizzano il comfort del paziente;
- garantiscono che la posizione del paziente in fase di trattamento sia la stessa usata per la TC;
- attraverso l’uso di scale di valori esterne o localizzatori stereotassici danno la possibilità di utilizzare l’IGRT;
- attraverso supporti come il compressore addominale, è possibile ridurre notevolmente il movimento respiratorio.

Dispositivi di immobilizzazione stereotassici body
L’immobilizzazione dei pazienti per i quali è stato predisposto un trattamento stereotassico in distretti extracranici, è realizzabile attraverso presidi specifici reperibili in commercio, diversi per la varietà delle ditte fornitrici. Le due macro categorie in cui sono divisi prevedono i presidi di riposizionamento e i presidi di immobilizzazione. I primi non bloccano il paziente ma ne permettono il costante riposizionamento nel tempo, attraverso reperi; i secondi immobilizzano il paziente o il distretto corporeo su cui verrà eseguito il trattamento.

In generale è possibile effettuare il posizionamento dalla combinazione di basi in carbonio predisposte per l’ancoraggio di Vac Loc o maschere, spesso anche congiuntamente, sui quali, generalmente, verrà poi applicato un localizzatore che favorirà l’individuazione, attraverso i laser della sala di simulazione, dell’isocentro mediante coordinate stereotassiche. Diversamente, altre tipologie, sostituiscono al localizzatore, delle sfere fluorescenti apposte sul paziente, rilevate ed individuate al TPS durante l’elaborazione del piano di trattamento e la cui posizione deve essere controllata automaticamente nel bunker di terapia attraverso telecamere ad infrarosso e appositi software.

Tra i principali dispositivi dedicati, per il trattamento di stereotassi extracranica, si identificano:
- Stereotactic Body Frame;
- Body Frame Dyn Art Fix;
- ExacTrac IR patient positioning;
- BodyFix patient immobilization;
- Body Pro-Lock system.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ruolo del TSRM nei trattamenti stereotassici: Precisione nel posizionamento del paziente e corretto utilizzo dei sistemi di immobilizzazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Rossetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche - Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia
  Relatore: Danilo Spiniello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

radioterapia
tecnico di radiologia
imrt
igrt
radioterapia stereotassica
sistemi di immobilizzazione
pet/ct
breath hold
gating respiratorio
4dct

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi