Skip to content

Persuasione e tecniche di vendita

La nostalgia

Il marketing della nostalgia è una strategia di cui le aziende si servono per il lancio di nuovi prodotti o per le proprie campagne promozionali che fa leva proprio sulla memoria e cerca di ricreare un legame emozionale molto forte con il passato, con immagini e messaggi che evocano frammenti di un’era perduta.

Questo avviene perché il cervello è programmato per ricordare le esperienze passate come molto più piacevoli di quanto le avessimo ritenute sul momento: un fenomeno detto “ricordo roseo”. Pensiamo all’ultima vacanza fatta: ricordiamo con chi eravamo, il divertimento, la bellezza dei posti che abbiamo visto, e tendiamo a non ricordare gli aspetti negativi come il caldo, le camminate faticose o eventuali litigi. Oppure pensiamo alle molte persone di una certa età che millantano come alla loro epoca le cose andavano molto meglio.

Il ricordo addolcisce, la memoria è rassicurante, la nostalgia ti fa sentire protetto. Per molti ricercatori si tratta di un meccanismo adattivo, nato per proteggerci dai ricordi dolorosi (se le donne ricordassero con esattezza il dolore del parto non ce ne sarebbe un secondo). Quando la memoria prende il sopravvento gli aspetti negativi svaniscono, si limano e restano le parti migliori, cioè tendiamo a valutare gli eventi passati in una luce più positiva, talvolta idealizzandoli o amplificandoli oltre la realtà dei fatti cioè addirittura ricordando eventi piacevoli mai avvenuti.

Un elemento cruciale del marketing della nostalgia è l’età psicologica: gli anni che ognuno di noi si sente, rispetto a quelli che ha realmente. E l'età percepita è un elemento fondamentale nelle decisioni e nelle abitudini di acquisto. Donne cinquantenni che comprano tinte per capelli, creme anti invecchiamento o lifting facciali. Uomini che comprano jeans attillati e scarpe da ginnastica Converse.

Non è solo per sentirsi più giovani, ma è per cercare il più possibile di colmare il divario tra l’età che si ha e quella che si sente di avere. Anche solo menzionare la parola “tempo” in una campagna pubblicitaria aumenta le probabilità di comprare quel prodotto. Non appena ci viene ricordato quanto il tempo scorre veloce, siamo portati all’acquisto, prima che sia troppo tardi. Se un produttore di valige o di caffè annuncia: “È tempo di un nuovo trolley” o “È tempo di un espresso”, è più probabile che reagiamo positivamente a queste pubblicità.

Semplicemente perché il tempo è una cosa che tutti vorremmo avere in abbondanza, e che raramente ci concediamo di assaporare. Di fronte all’insicurezza del futuro desideriamo solo tornare a un tempo di stabilità. I ricordi del passato ci danno conforto e sicurezza e ci fanno sentire più ottimisti per il futuro e pronti per le sfide che ci si prospettano davanti. Da questi meccanismi psicologici nascono tutta una serie di fenomeni che hanno invaso molteplici aree.

A titolo esemplificativo pensiamo alla “recente” moda delle barbe vintage e l’esplosione dei “barber shop”; il fiorire delle birre artigianali, la recente popolarità acquisita da Pokemon Go, gioco per smartphone dallo strabiliante successo con decine di milioni di utenti attivi nel mondo, dai giovani ai “vecchi giovani”. Oppure Nokia, celebre multinazionale finlandese, che quest’anno ha rilanciato il Nokia 3310 (uscito per la prima volta nel lontano anno 2000). O lo slogan che ha portato Trump alla presidenza degli Stati Uniti: “Make America great again” (“rendiamo l’America grande di nuovo”).

Uno dei modi più classici ed efficaci con cui le aziende creano il fattore nostalgia consiste nel rispolverare vecchi spot, slogan o campagne pubblicitarie, oppure come abbiamo visto, riproponendo vecchi prodotti con una leggera rivisitazione moderna.
Il rischio del marketing della nostalgia è che puntando sul passato e sulla “tradizione”, senza costruire dei ponti emotivi che possano legare i valori precedenti ai nuovi e al cambiamento che si vuole comunicare, si può costruire un’immagine del brand troppo polverosa e antiquata. Ma ciò su cui fa leva è il fatto che il cervello, proteggendoci dai ricordi dolorosi e spingendoci a nutrire ottimismo per il futuro, ci rende però vulnerabili a qualsiasi cosa ci ricordi la giovinezza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Persuasione e tecniche di vendita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Napolitano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Ankica Kosic
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi