Skip to content

Modelli e strategie di internazionalizzazione: il caso Angelini Acraf S.p.A

La scelta dei mercati di destinazione

Come abbiamo fatto presente in precedenza, un elemento da cui l’azienda che vuole internazionalizzarsi non può prescindere è la corretta scelta del mercato sui cui entrare e concentrare la proprie forze. Senza ripetere quanto già esposto, la selezione del paese o del mercato di riferimento terrà conto di una serie di fattori di primaria importanza, primo fra tutti l’individuazione di un favorevole contesto in cui l’impresa potrà operare.

L’attività di analisi dei paesi esteri da selezionare richiede tempi e costi elevati, e deve quindi essere ottimizzata per rendersi compatibile con le condizioni di operatività dell’impresa. La metodologia deve essere di analisi e selezione allo stesso tempo, con un processo che inizialmente è fortemente selettivo e che termina con l’analisi in profondità finalizzata alla predisposizione del piano di marketing.

Nella scelta del paese-mercato è opportuno analizzare inizialmente due elementi:
1. Attrattività del mercato, cioè la probabilità di trovare operatori interessati ai prodotti o servizi offerti dall’impresa
2. Accessibilità del mercato, cioê la possibilità per l’impresa di gestire il nuovo mercato nel prosieguo dei rapporti commercia

Il grado di attrattività delle nazioni è determinato dall’analisi di quattro fattori fondamentali (screening) che oltre a prevedere la presenza dei fattori politico-economici, demografici e geografici, vede farsi largo l’aspetto culturale del mercato di origine.

* Fattori politico – economici: principalmente lo studio dei fattori politici si basa sull’aspetto istituzionale ed ideologico del paese. Infatti non ê affatto raro imbattersi verso nazioni caratterizzate da un’instabilità politica dovuta a cambi di governo oppure verso paesi conservativi con cui le relazioni internazionali fanno fatica a decollare. Un’analisi poco dettagliata porterebbe dunque a problematiche di tipo fiscale, legale e doganale. A livello economico, l’analisi ê molto più amplia e presuppone lo studio del mercato del lavoro, del mercato dei capitali, della qualità delle infrastrutture e della tecnologia senza sottovalutare l’interesse per il PIL, il PIL pro-capite e la distribuzione del reddito.

* Fattori geografici: per quanto riguarda questo tipo di fattori, lo studio viene intensificato soprattutto nelle caratteristiche morfologiche o di posizionamento piuttosto che nelle dimensioni del Paese o nelle sue condizioni climatiche. Infatti, nonostante un paese possa risultare relativamente piccolo o poco incidente nell’economia globale, potrebbe essere comunque appetibile per la strategia dei “mercati sequenziali”, cioè essere scelto come primo mercato di destinazione che faccia da rampa per lo sviluppo in un mercato limitrofe molto più grande.

* Fattori culturali: l’analisi culturale ê forse quella più complicata e soggettiva. Ciò a cui ci riferiamo sono gli interessi e la tipologia di consumatori da fronteggiare, la segmentazione del mercato, le sue dimensioni, le caratteristiche ed il funzionamento. La cultura è la principale determinante di base dei bisogni percepiti da un individuo e dei comportamenti che ne conseguono. Comprendere il comportamento del consumatore è difficile, sebbene i consumatori di diverse nazionalità possano avere qualche caratteristica in comune, i loro valori, i loro atteggiamenti e i loro comportamenti spesso variano. Gli operatori internazionali devono comprendere queste differenze e modificare propri prodotti e le politiche di marketing in base alla domanda.

* Fattori demografici: sono forse i meni importanti ma comunque sono in grado di fornire analisi dettagliate sui tassi di crescita, la struttura della popolazione, il livello urbanistico e le correnti migratorie che comunque non sono da sottovalutare.

Attraverso tale analisi, è possibile delineare la gamma dei paesi tipo, andando poi a suddividerli secondo il loro grado di accessibilità. Per concludere l’attività si completa con l’individuazione della posizione competitiva acquisibile dall’impresa all’interno del mercato di destinazione.

Ogni potenziale nazione ospitante, specialmente quelle in via di sviluppo, ospita al suo interno un ambiente in continua evoluzione da generazioni e generazioni. Per questo motivo, un’impresa, durante la fase di analisi, dovrà tenere conto di tutti i fattori che interagiscono con l’ambiente nella nazione di destinazione. Come abbiamo mostrato, una buona analisi dei mercati competitivi, della cultura nazionale, delle istituzioni e dell’ ideologia politica aiuterà l’organizzazione entrante a decidere a sua volta come reagire all’ambiente interno, che potrebbe anche rigettarla. Infine, un fattore chiave sarà soprattutto capire in che misura farsi influenzare (la struttura potrebbe adattarsi al nuovo mercato) e in che misura cercare di influenzare il nuovo ambiente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Modelli e strategie di internazionalizzazione: il caso Angelini Acraf S.p.A

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Prudenza
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e commercio
  Relatore: Alessia Lo Turco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

globalizzazione
franchising
licensing
internazionalizzazione
joint ventures
settore farmaceutico
buckley-casson
ide e exports
angelini acraf s.p.a
mercati di destinazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi