Skip to content

Strategie di comunicazione e marketing per Montalcino e il suo Brunello

Brunello: analisi di un brand vincente

Il vino Brunello è il filo conduttore dello sviluppo territoriale di Montalcino in virtù del legame vino-territorio precedentemente illustrato. Per comprendere il valore della marca Montalcino e il suo mantenimento nel tempo è necessario analizzare nel dettaglio il prodotto Brunello. Nel presente paragrafo si procede quindi alla brand analysis del Brunello di Montalcino.

Gli obiettivi cognitivi che guidano l’analisi sono principalmente due:
• verificare l’ipotesi secondo la quale il Brunello sarebbe una marca di successo
• chiarire quali sono i core values che rappresentano il vantaggio competitivo del brand rispetto ai competitors

Il metodo utilizzato per l’analisi è quello comparativo e il competitor prescelto per il confronto è la denominazione enologica Chianti, tutelata dal Consorzio del vino Chianti DOCG. L’individuazione di questo concorrente deriva dalla similarità dei due marchi nelle seguenti caratteristiche:
° comunanza di denominazione (DOCG)
° utilizzo dello stesso vitigno per la produzione (Sangiovese)
° simile contesto territoriale (Toscana)

Per ragioni metodologiche e per garantire l’omogeneità dei risultati si fa riferimento ai dati che riguardano la produzione vinicola nel complesso. I due vini DOCG sono analizzati dal punto di vista dei rispettivi Consorzi di tutela, in modo da evitare i particolarismi delle singole aziende produttrici e da fornire una visione olistica. L’analisi si basa su dati riguardanti l’anno 2015, divulgati dai principali istituiti di ricerca, dalle associazioni enologiche regionali e nazionali e dai Consorzi di tutela stessi. A fare da sfondo al confronto sono proposti dati di contesto riguardanti il vino in Italia e la situazione della Toscana, regione che secondo recenti studi si piazza al primo posto nella classifica dei brand regionali con maggiore notorietà di marca, associata principalmente all’offerta turistica e alla produzione enogastronomica.

In una prima fase viene svolta un’analisi benchmarking tra i brand Brunello di Montalcino e Chianti. I due marchi vinicoli sono confrontati secondo parametri tecnici, di mercato, di qualità e di comunicazione. Si passa poi all’analisi della brand identity dei due marchi attraverso la lente teorica del prisma di Kapferer. Infine, alla luce delle analisi precedenti, si procede al posizionamento dei brand rispetto ad un set di valori stabilito, seguendo la tecnica del brand mapping.

I paragrafi che seguono si concentrano sulle quattro fasi della brand analysis appena descritte. La scelta di servirci di queste tecniche deriva dall’esigenza di comporre un’analisi più completa possibile e che offra un confronto multi-livello tra i due brand chiamati in causa.
Le tecniche utilizzate hanno infatti il pregio di mettere in evidenza le discrepanze tra i due casi presi in esame da punti di vista differenti:
• i dati di contesto: sono una sorta di introduzione all’analisi e mostrano la situazione d’insieme all’interno della quale i due brand si trovano ad operare
• il benchmarking: confronta i due brand su parametri scelti in funzione degli obiettivi di ricerca
• l’analisi della brand identity: ricostruisce l’identità che il Consorzio titolare del marchio intende trasmettere ai consumatori del prodotto vino
• il brand positioning: presenta il posizionamento grafico e riassuntivo dei due brand sulla base di valori funzionali all’obiettivo di ricerca

In chiusura, nel paragrafo dedicato al commento conclusivo, verranno discussi i principali risultati emersi nel corso dell’analisi, alla luce degli obiettivi prefissati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Strategie di comunicazione e marketing per Montalcino e il suo Brunello

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Martini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Barbara Mazza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 320

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing territoriale
marketing turismo
marketing del vino
terroir
brunello di montalcino
organizzazione di eventi
marca territoriale
brand territoriale
marketing vino tesi
brand montalcino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi