Skip to content

Annunciazione: lo spazio invisibile

Lo stile umbro: Pinturicchio a Spello

Ottimo esempio di Annunciazione in ambiente umbro è quella facente parte della serie di affreschi del Pinturicchio nella cappella Baglioni della chiesa di Santa Maria Maggiore a Spello (fig. 26), la quale dimostra come la rappresentazione architettonica dell'opera entri in relazione alla sua realizzazione nel contesto reale.

La cappella presenta un'Annunciazione affrescata sulla sinistra, una Natività al centro e una Disputa di Gesù con i dottori della legge sulla destra e ciascuna delle tre pareti è composta da un'architettura dipinta come scenario dell'episodio affrescato.

La Natività mostra la rovina di un tempio romano sulla metà destra; la Disputa è composta da un edificio con cupola e due ali gradinate, interessante è il lastricato di marmo con decorazioni geometriche; stessa pavimentazione per l'Annunciazione in cui tre arcate si aprono su di un giardino – hortus conclusus – recintato la cui porta ad arco lascia percepire il mondo esterno.

La terrazza del retroscena, mostra il giardino chiuso di Maria nello spazio immaginario, che si contrappone allo spazio reale della cappella nella Chiesa in cui lo spettatore si trova cioè lo spazio religioso ed esso si oppone a quello profano della città di Spello; così come la scena centrale sovrastata dall'arcata triplice, si oppone al mondo esterno sullo sfondo.

L'impianto che introduce alla scena non trova una corrispondenza nello spazio reale sempre che non si consideri che la cappella sia rappresentata, nel contempo, dal giardino e dalla piattaforma.

Prendendo in considerazione quest'affermazione, l'edificio con tre arcate, è sia l'immaginaria rappresentazione della chiesa di Santa Maria Maggiore sia il segno simbolico dell'altare della cappella Baglioni.

L'episodio prende vita su di una ribalta fittizia, decorata con motivi marmorei; questa alza il pavimento scenico rispetto a quello della cappella, costruendo il supporto di un proscenio su cui sono disposti Gabriele e Maria.

Ciò che è presentato perciò è “l'immagine dell'episodio, la sua messa in rappresentazione, che è offerta alla contemplazione” (Marin 2012, p. 58) e non l'episodio iconico.

L'arcata iniziale costituisce la cornice della superficie muraria ma anche quella dello spazio dipinto, costituendo la decorazione dell'una e dell'altro; introducendo lo sguardo dello spettatore sulla scena e da vita all'Annunciazione nello spazio illusorio.

Nasce, così, la conversione dell'architettura reale della cappella in quella immaginaria; in più la decorazione ornamentale della cappella si trasforma in cornice della rappresentazione. L'edificio a tre arcate, poi, permette l'attraversamento dello sguardo in profondità, dalla scena in primo piano e interna, fino al giardino esterno.

Lo spazio del proscenio, tra l'arcata di sipario e la prima arcata dell'edificio, è caratterizzato verso la parete di sinistra con la porta chiusa e il loculo, indicando così un'esteriorità verso lo spettatore e un'interiorità nel quadro.

La decorazione del muro di destra, con la mensola, i libri, la bugia, il festone di stoffa, suggeriscono gli elementi della camera di Maria, evocando l'intimità di un luogo hemlich e interno.

Due luoghi dunque, uno esterno, quello dell'Angelo a sinistra, e uno interno, quello di Maria a destra e la zona centrale che marca il limite ideale, sottolineato dal leggio della Vergine.

Pinturicchio costruisce, così, il luogo labile di un passaggio fra interno ed esterno che si compone secondo una direzione laterale, da destra verso sinistra, e una frontale, dal primo piano allo sfondo.

A sinistra della parete del proscenio, una porta chiusa che esprime un esterno nell'interno, la venuta di Dio – dipinto in maniera arcaica – verso il ventre della Vergine; così come lo scenario del muro di destra, che esprime l'accettazione del messaggio divino. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Annunciazione: lo spazio invisibile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Villa
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Lucia Corrain
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

semiotica
rinascimento
spazio
vangelo
spirituale
invisibile
marin
annunciazione
religione
enunciazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi