Skip to content

Analizzare la performance cognitiva mediante la metodologia del mouse tracking: uno studio preliminare su un adattamento del test delle matrici di Raven in tre gruppi di partecipanti

Alcune considerazioni sull'uso del mouse tracking

Non è facile comprendere come opera il sistema cognitivo e come elabora le informazioni anche perché frequentemente i compiti cognitivi che desideriamo studiare avvengono molto rapidamente, in un arco temporale di centinaia di millisecondi e sulla base di queste considerazioni, risulta conveniente utilizzare strumenti che possiedano un’alta risoluzione temporale come le misure online.
L’eye-tracking e il potenziale relato all’evento (ERP) sono due strumenti che si sono utilizzati molto a questo scopo ma entrambi hanno lo svantaggio di essere costosi.
D'altra parte, il rilevamento dei tempi di reazione e il conteggio del numero di errori sono indici facili da rilevare e poco costosi ma non permettono di fare molte inferenze sui processi percettivi o cognitivi in atto.
Il mouse tracking permette di misurare in tempo reale i movimenti compiuti dalla mano e di analizzare i dati raccolti fornendoci un indice continuo a due dimensioni.
Sistemi di puntamento diversi, come ad esempio il touchpad, possono determinare una perdita di accuratezza e precisione ed inficiare in questo modo l'accuratezza delle traiettorie rilevate.
Con la tecnica del mouse tracking possiamo rilevare i movimenti del soggetto da 60 fino a 75 volte in un secondo, che equivale a dire che lo strumento lavora con una potenza che va dai 60 ai 75 Hz.
Questo significa che lo strumento ogni 13 – 16 millisecondi (ms) raccoglie una serie di informazioni e nel dettaglio rileva quanto tempo è trascorso (raw time, riportato in ms), le coordinate x del mouse, riportate in pixel, e infine le coordinate y del mouse, anche queste riportate in pixel.
Lo spazio viene poi ridimensionato, tutte le traiettorie vengono ricalibrate in uno spazio standard e il tempo viene normalizzato poiché ogni traiettoria registrata tende ad avere lunghezze diverse.
Con questa tecnica possiamo per esempio verificare se le traiettorie in una condizione sono più vicine allo stimolo distrattore rispetto a quanto avviene nell'altra condizione considerata.
Con la metodologia dell'eye tracking, invece, si possono rilevare le informazioni ogni 3-4 secondi.
Come abbiamo accennato, l'eye tracker è uno strumento decisamente più costoso rispetto al mouse tracking, costa circa 170 euro mentre per poter rilevare i movimenti manuali è sufficiente avere a disposizione un computer ed un mouse.
I movimenti manuali, come riporta anche Magnuson (2005), sono in larga misura sotto il controllo cosciente mentre le persone non hanno consapevolezza delle proprie saccadi.
Infatti, le saccadi spesso sono balistiche mentre i movimenti manuali non lo sono.
Come affermano Spivey, Grojean et al.
(2005), quando si registrano movimenti manuali è possibile osservare un effetto di competizione nei confronti dell'alternativa non scelta che cresce e decresce in maniera graduale e continua nel corso dell'esecuzione del movimento mentre non si può cogliere l'interezza e la complessità di questo andamento misurando i movimenti oculari.
Nella maggioranza dei casi, il rilevamento dei movimenti oculari ci fornisce solo un'informazione dicotomica, indicando se il target distrattore attrae o meno l'attenzione del soggetto (ovvero se il soggetto lo fissa oppure no).
Il mouse tracking inoltre consente una valutazione maggiormente ecologica poiché tipicamente gli individui utilizzano il mouse nella vita reale, al di là del contesto sperimentale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analizzare la performance cognitiva mediante la metodologia del mouse tracking: uno studio preliminare su un adattamento del test delle matrici di Raven in tre gruppi di partecipanti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Bearzotti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Scienze Cognitive
  Corso: Psicologia
  Relatore: Luigi Lombardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anziani
cpm
eye tracking
mouse-tracking
matrici di raven
prova digitalizzata
test computerizzato
versione modificata del test
matrici progressive colorate

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi