Skip to content

Biblioteche carcerarie tra cultura e reinserimento: la biblioteca della casa circondariale di Lecco

Il bibliotecario carcerario: verso una nuova professione?

I convegni e i lavori all’interno delle biblioteche carcerarie hanno fatto emergere sempre più la consapevolezza che occorre delineare in modo specifico la figura professionale del bibliotecario carcerario, individuandone specifiche competenze, ruolo e funzioni.

Per le biblioteche carcerarie, è prevista la figura del bibliotecario detenuto che, dopo uno specifico percorso di formazione, si occupa delle raccolte e della gestione dei prestiti.

Il detenuto bibliotecario riceve uno stipendio per il suo lavoro, ma come semplice conseguenza del lavoro da lui svolto come scrivano, ossia colui che si occupa di aiutare gli altri detenuti a scrivere le proprie richieste o domande, in modo da poter migliorare il loro stato detentivo, come per esempio richieste di arresti domiciliari, riduzione della pena per buona condotta, richieste di lavoro esterno.

A questo punto ci si chiede se sia facile o meno trovare in un carcere personale detenuto da impiegare nella biblioteca: la risposta è affermativa. Tra i tanti detenuti, soprattutto quelli con pene medio-lunghe, non è difficile, soprattutto perché così si ha il tempo per prepararli adeguatamente.

La situazione è un po' diversa per le Case Circondariali, nelle quali si trovano detenuti in attesa di giudizio oppure con condanne brevi o alla fine del loro percorso detentivo, in questo caso non si ha il tempo necessario per istruirli e per avere quindi un buon collaboratore.

Questa opportunità offerta ai detenuti è molto importante e sottolinea i progressi importantissimi che si sono fatti per un miglioramento delle biblioteche carcerarie, dove inizialmente era addirittura il libro che raggiungeva il detenuto nella cella e non il detenuto a recarsi in biblioteca, e per altro in alcuni casi è ancora così.

Ora si sta cercando di andare verso un sistema che prevede maggiore spazio di movimento per il detenuto, uno spazio che consente l’accesso diretto alla biblioteca, con una frequenza più assidua, un uso più strutturato.

È in quest’ottica che la biblioteca diviene una sorta di “centro culturale”, all’interno della quale i detenuti possono assumere un ruolo centrale e dove possono essere i protagonisti.

La possibilità per un detenuto di diventare bibliotecario, quindi impegnarsi in qualcosa di culturalmente significativo, va in questa direzione, nella voglia di responsabilizzare il detenuto, non più visto solo come il destinatario di interventi scelti sulla base di riflessioni di persone esterne o attraverso la compilazione di questionari, ma visto ora come protagonista, che prende parte in prima persona alla scelta delle iniziative, degli eventi culturali. Questo coinvolgimento attivo del detenuto non fa che stimolarlo sempre più, anche a far si che arrivino più libri secondo i desideri e le richieste dei ristretti che in questo modo si fanno sentire maggiormente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Biblioteche carcerarie tra cultura e reinserimento: la biblioteca della casa circondariale di Lecco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlotta Sandionigi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Giorgio Montecchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lettura
carcere
cultura
biblioteca
pena
intervista
detenuti
reinserimento
casa circondariale
bibliotecario carcerario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi