Skip to content

L'intervento in ambito penitenziario: una sfida per il terapeuta sistemico relazionale

Confini tra psicoterapia e sostegno

La differenza è sottile e soprattutto non si riesce a comprendere quale sia il punto di inizio.
In un contesto di vita “normale”, le persone hanno un problema, di natura psicologica e si recano da uno psicologo o da uno psicoterapeuta. Almeno sarebbe auspicabile lo facessero. Ma in carcere?
Le persone che si incontrano sono forse persone che fuori da quel contesto non avrebbero mai incontrato il mondo della psicoterapia. Si possono fare varie ipotesi.
Avevano disturbi ma non avrebbero cercato una cura, un supporto, un sostegno.

Oppure sono persone “sane” che la condizione di ristrettezza fisica e alienazione mentale porta ad avere disturbi che in un contesto normale non si sarebbero presentati. Gatti, nel lontano 1984, affermava che in ambito penitenziario non solo la psicoterapia è inutile ma è addirittura nociva, adducendo principalmente tre motivi:
• il detenuto usa lo psicologo in modo manipolativo e seduttivo per ottenere vantaggi e non per intraprendere un percorso di cambiamento
• avere contatti con uno psicologo è considerato “da deboli”, per cui anche chi potrebbe avvicinarsi non lo fa per rispettare le regole non dette del contesto penitenziario, seguite non solo dai detenuti ma anche dagli agenti (anzi forse più da loro)
• non c’è un costo a carico del detenuto, quindi la terapia è destinata ad essere un insuccesso

Probabilmente questi motivi erano validi 30 anni fa. Forse lo sono in molti casi anche oggi, ma credo che sia una generalizzazione che non ci possiamo permettere di fare.
E’ vero che molti, soprattutto i tossicodipendenti, hanno la tendenza a manipolare l’interlocutore (cosa che fanno anche al di fuori dal contesto penitenziario), ma è anche vero che io ho incontrato più di una persona che a fronte della possibilità di scegliere di fare degli incontri o meno, pur sapendo che sarebbe stato un lavoro utile solo a se stesso, senza alcun tipo di vantaggio rispetto a eventuali miglioramenti di trattamento, ha scelto di iniziare un percorso di cambiamento.

L’idea di chiedere supporto psicologico è ancora oggi visto come un’attività da non condividere anche nella popolazione non detenuta: basti pensare al manifesto pubblicitario apparso sui muri di Cuneo di recente “Fai shopping a…, costa meno ed è più piacevole che andare da uno psicologo”. Questo accade paradossalmente più tra gli agenti che tra i detenuti: quando convocano una persona per andare dallo psicologo non gli dicono per che cosa è, mentre di solito urlano “colloquio”, “avvocato”, “medico”. Questa sorta di pudore legato alla rappresentazione socio-culturale del fatto che andare dallo psicologo sia da nascondere è sintomatico di una cultura del fare, dell’avere più che dell’essere.

Ci sono alcuni suggerimenti per trattamento con persone recluse, ci segnala sempre Gatti, che sono, a parer mio, valide anche in qualsiasi altro contesto:
• evitare di dare consigli, la persona non ama sentirsi di “serie B”, avere bisogno di qualcuno, soprattutto in situazione di detenzione
• usare la formula “vediamo come puoi fare”: dà l’idea della co-costruzione, ma lascia la responsabilità all’individuo delle scelte da effettuare
• porsi in posizione di ascolto e connotare positivamente le risorse presenti

In ogni caso il focus è sulla persona, sulla relazione, sulla possibilità di cambiare cornici, di scardinare le convinzioni che hanno portato alla situazione di sofferenza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'intervento in ambito penitenziario: una sfida per il terapeuta sistemico relazionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Martini
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia sistemico relazionale
Anno: 2014
Docente/Relatore: Pasquale Busso
Istituito da: Centro Studi Eteropoiesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi