Skip to content

Il Biomeccanico: una nuova figura professionale al servizio del calcio

Preparatore atletico

Il preparatore atletico nel calcio è la figura professionale che si occupa di gestire la preparazione motoria fisica generale ed individuale degli atleti. In generale, la sua attività consiste nel programmare e realizzare allenamenti mirati che consentano ai giocatori di raggiungere la condizione fisica ideale. Determina gli obiettivi di performance da raggiungere nel breve, medio e lungo termine ed elabora piani progressivi di preparazione fisica sia individuali che collettivi.

In passato i risultati agonistici ottenuti dagli sportivi erano dovuti principalmente alle doti naturali. Nei nostri giorni, invece, per raggiungere dei risultati occorre un’appropriata preparazione atletica che sviluppi le doti naturali e può essere fornita soltanto da questa figura.
Per svolgere al meglio questa professione è necessario avere un’ottima preparazione tecnica e conoscenze supplementari relative alla medicina, alla fisiologia, all’anatomia umana, alla biomeccanica, all’igiene dello sport, ecc.
Deve inoltre possedere conoscenze relative alla psicologia dello sport e avere un’ottima capacità comunicativa: il preparatore deve essere in grado di motivare psicologicamente i giocatori, infondendo loro grinta, determinazione e soprattutto la carica necessaria per ottenere dei buoni risultati in allenamento e in partita.

Come collabora il biomeccanico con il preparatore atletico?
Il biomeccanico mette a punto valutazioni che hanno lo scopo di analizzare la condizione fisica relativa agli aspetti condizionali e coordinativi allenati dal preparatore.
Valuta il training load (o carico di allenamento), valuta il recupero post gara fornendo dati e informazioni relative alla condizione fisica dell’atleta in modo da personalizzare gli allenamenti successivi. Mette a punto strumenti innovativi per l’allenamento e per la valutazione funzionale allo scopo di dare al preparatore elementi che gli permettano di conoscere la condizione fisica del giocatore giornaliera e nel meso ciclo di allenamento allo scopo di evitare gli overload (sovraccarichi) e di poter personalizzare l’allenamento stesso.
Dà informazioni relative a cadute prestative evidenti del giocatore stesso, per esempio durante l’allenamento quando il giocatore deve essere fermato per evitare un infortunio.
Il biomeccanico collabora strettamente con il preparatore sin dal ritiro pre-stagione, momento cardine per la raccolta dei dati fisici, atletici e biomeccanici.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Biomeccanico: una nuova figura professionale al servizio del calcio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Testa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Giancarlo Camolese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi