Skip to content

GREEN POLICY. Le metropoli europee verso il 2050

Verde verticale

Il verde verticale o giardino verticale, indica tutte le forme di chiusura verticale vegetata. L'inverdimento può essere ottenuto con specie vegetali piantumate al suolo, con pannelli di supporto ancorati sulla facciata o attraverso strutture che sono integrate alla chiusura verticale. I sistemi di verde verticale si dividono in facciate verdi e sistemi living wall (LWS) in base al metodo di coltivazione: l'impiego, o meno, di sistemi computerizzati per la distribuzione di acqua e nutrimento necessarie alla vita delle piante che, in verticale, non possiedono un substrato organico in cui svilupparsi come in natura.

La scelta del tipo di sistema determina soluzioni tecniche, specie vegetali, materiali, manutenzione ed estetiche diverse. Oltre alla scelta del sistema, e quindi del supporto, è possibile impiegare specie vegetali con ciclo vegetativo stagionale o sempreverde, in base alle esigenze funzionali ed estetiche.

L'uso di facciate verdi e sistemi di living wall permettono di sfruttare la vastità delle superfici verticali delle città densamente costruite e possono, quindi, migliorare in modo significativo il microclima e i fattori ambientali urbani sia su macro scala che a livello locale dell'edificio: migliora la qualità dell'aria – le piante rampicanti sono in grado di intrappolare e concentrare, all'interno della trama delle foglie, le polveri sottili e alcuni inquinanti da esse derivati (Perini, 2013) - e della biodiversità, influisce sul fenomeno isola di calore e sulla gestione dell'acqua meteorica, migliora il comfort interno dell'edificio.

Dal 2000 sono stati stanziati con diversi programmi (Life, Horizon 2020, Cosme 2014-2020) 1,4 milioni di Euro per il verde urbano e il verde pensile. Dal 2008 i programmi di supporto riguardano anche le facciate verdi, con finanziamenti che coprono fino al 50% del costo totale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

GREEN POLICY. Le metropoli europee verso il 2050

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Gagliano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Architettura
  Corso: Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile
  Relatore: Ilaria Oberti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 283

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

energia
trasporti
città
strategie
rigenerazione urbana
paesaggio urbano
smart city
politiche green
green policy
european green capital

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi