Skip to content

Comparing Game-based and Grammar-translation methods: the simple present tense in A1-A2 learners of English

Memory: the warehouse of our knowledge

Memory is a change occurring as a result of experience (learning) that allows the organism to alter future behaviour based on past experience. When we learn a foreign language, it is common to have the feeling of not remembering words or how to speak. But as soon as we are in an international environment we start speaking, often to our great surprise. This depends on many factors. Firstly, there is a whole variety of memories. Memory is not a single faculty of the mind, there are different forms of it and it also depends on a different brain system.
When we receive an input, it is first processed by the sensory memory. For example, someone is talking to us moving his hands. The sensory memory allows a first elaboration of the environment on the basis of our senses. It holds the information of sounds (noises and words), and the visual image of the person speaking in front of us for a timeframe that does not exceed three seconds. Then, the input is cancelled, if it is not important, or transferred to other memory registers where it is elaborated in a deeper way. Its function is to extend the time of input for some seconds longer than the sensory exposure so that the brain can have the time to select what has to be further processed.

Then, the information is processed by the working memory. It is the type of memory that holds information temporarily. The selective attention is activated to identify the relevant aspects (e.g. the word “hello” and shaking hands) of the input and inhibiting the distractors (noises, other people walking on the street). The input can be held for a time span that doesn't exceed thirty seconds. Also, the amount of information that can be held is limited. Its function is essential for the first elaboration of information, but it is not enough to deeply internalise the items.
At this point, two different memories can be activated: the explicit memory, or the implicit memory (Aglioti, Fabbro, 2006).
The explicit, or declarative, memory is the conscious ability to remember facts and events. It is perceived to be the most important one because we mostly rely on it. It allows us to remember events (episodic memory) or declarative knowledge, information, notions (semantic memory). In the language learning context, it is mostly used to memorise words (Cardona, 2001), as well as grammar rules (metalanguage).

The hippocampus plays an important role in the explicit memorisation process. Input is stored in the hippocampus for a couple of days before consolidating, that is moving to other parts of the brain for long-term storage. It is part of the limbic system, responsible for our emotional life. Thus, information is transferred from the working memory to the cortex according to the emotional impact that the input triggers (see Motivation and emotion paragraph). In the learning process, the explicit memory is activated consciously, requiring a high level of attention and willpower. Learners can consciously explain what they are learning, they have to keep focused for a long period of time, and no information can be learnt without their willingness.
The implicit, or nondeclarative, memory is the unconscious ability to acquire skills. Thanks to this memory we remember how to perform everyday tasks. It doesn't require conscious thought and we create this type of memory through constant practice of a skill until our neural system is able to perform the task on autopilot. For example, if we consider the action of walking, we can't consciously explain how we learnt it, but we can demonstrate we can walk. In the language learning context, this memory helps the learner to interiorise language routine, the language permanently associated with actions that frequently occurs in a specific context. Going back to our example, after watching people shaking hands and saying “hello” many times, the implicit memory will store this input and reuse it automatically any time that a similar situation occurs. It also plays an important role in the memorisation of phonological and morphological aspects of a language (Fabbro, 2004). In the learning process, the implicit memory simultaneously acquires information casually, unconsciously, with minimal levels of attention. It means that inputs are not acquired according to specific sequences. The memorisation occurs without realising it and most of the time, without being able to explain the process. A lot of effort is also not required to focus on the input and keep the level of attention higher. But it is possible to internalise input while doing other activities.

The neuroscience shows aspects of memory system that language teaching methods have to consider in order to facilitate the language learning process. Methods that combine a variety of techniques can better influence the memory processes of the learners. For instance, to remember a list of words linked to a topic it might be useful to stimulate different senses (sight, hearing, smell, touch, taste) (Daloiso, 2005), as well as create associations (grouping, ordering, comparing, contextualising), and include systematic repetitions during the lesson (regular repetitions every twenty minutes, mechanical repetitions of words lists). The variety of input can increase the probability of neurons firing together.

Explicit memory is tightly connected with emotions. In the following paragraph emotions and motivation processes are described from a neuropsychological point of view.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Comparing Game-based and Grammar-translation methods: the simple present tense in A1-A2 learners of English

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariateresa Paolicelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Linguistica
  Relatore: Cristina Onesti
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 142

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

didattica della lingua inglese
gamification
metodo ludico
metodo grammaticale traduttivo
insegnare lingue
didattica innovativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi