Skip to content

Stato senza nazione: dibattito su un Risorgimento fallito

La Francia dalla “Dichiarazione dei diritti dell’Uomo e del Cittadino” (26 agosto 1789) alla Costituzione dell’anno III° (1795)

Di ben maggiore importanza per la storia europea - e quindi anche italiana - furono la Déclaration des droits de l'homme et du citoyen e le Costituzioni nate dalla Rivoluzione francese. La prima (la Dichiarazione dei diritti più famosa di ogni altra), votata dalla Assemblea costituente a Versailles il 26 agosto 1789, già condensava, nel suo primo articolo, gli immortali principi dell'Ottantanove: «Gli uomini nascono e vivono liberi ed eguali nei diritti». Essa non solo riecheggiava gli analoghi testi della rivoluzione americana e raccoglieva gli insegnamenti e le aspirazioni più audaci del pensiero politico europeo, oltre agli autori sopra citati, gli Enciclopedisti e Rousseau, ma era anche il segno del combattivo ripudio di una data situazione storica. (Mirabeau l'aveva scultoreamente definita un «atto di guerra ai tiranni»).

Le sue affermazioni in apparenza erano astratte: la sovranità appartiene alla nazione; non si deve obbedienza che alla legge; nessuno può essere arrestato O detenuto se non legalmente; l'accusato è da considerarsi innocente fino a che non sia definitivamente dichiarato colpevole; i cittadini sono eguali davanti alla legge; e così via. Nella realtà, esse erano l'espressione di una pugnace volontà rivoluzionaria, e significavano che la Francia non era più la proprietà del re, che la volontà arbitraria del monarca e dei suoi ministri e agenti non poteva più imporsi a suo libito, che non ci sarebbero più state lettres de cachet per «imbastigliare» i sudditi - ossia per rinchiuderli senza giudizio, magari per anni, nella Bastiglia o in altre fortezze - che la tortura era abolita, che i privilegi erano ingiustificati, e così via. E non si trattava soltanto di una condanna e insurrezione contro tutto un passato, ma di una promessa d'avvenire, di impliciti sviluppi allora in parte impensati e impensabili, nel senso a noi familiare, di una democrazia politica e perfino sociale, di germi reconditi che la storia futura avrebbe maturato.

Rispetto alla Dichiarazione dei diritti, la prima Costituzione rivoluzionaria della Francia, quella del 1791 con la sua distinzione fra cittadini «attivi» e «passivi», rinnegante il principio del suffragio universale), ci appare come un ripiegamento, un compromesso fra tendenze contrastanti. Del resto, tale era anche apparsa la Costituzione americana del 1787 definita da Franklin un «fascio di compromessi») se paragonata alla jeffersoniana Dichiarazione d'indipendenza; e lo stesso si sarebbe potuto dire, più tardi, di molte altre Costituzioni, anch'esse, per forza di cose, frutto di cauti equilibri e mutue concessioni. Ben più avanzata sul terreno politico e sociale fu la Costituzione del 1793, votata dalla Convenzione quando la spinta rivoluzionaria era al suo apice.

La sua entrata in vigore, prima rinviata per le necessità della guerra e della lotta ad oltranza condotta dal Comitato di salute pubblica fu poi definitivamente impedita dalla caduta di Robespierre; ma la sua fama sarebbe stata rinverdita nel corso delle lotte politiche e sociali della Francia dell’Ottocento. Ben più moderata fu la Costituzione del 1795, denotante la preoccupazione di arginare gli ecce i del '93 e di consolidare la vittoria della borghesia e le conquiste civili della Rivoluzione. a spese e dell'aristocrazia e insieme delle classi popolari. dei sanculotti e dei giacobini repressi dalla reazione termidoriana.
Tale Costituzione fu di lì a poco adottata dalle repubbliche sorte in Italia alla fine del Settecento, dopo le prime vittorie del Bonaparte. Sebbene lontana dalle audacie rivoluzionarie del 1793, essa ebbe, rispetto agli antichi regimi della penisola, una forza dirompente.

Le Costituzioni dell’età napoleonica, dal Consolato all’Impero, seguirono un graduale abbandono delle libertà e dei diritti dell’uomo e del cittadino proclamati dalla grande Rivoluzione francese, e l’approdo ad un nuovo dispotismo, sia pure su basi giuridiche, economiche, sociali profondamente mutate rispetto all’antico regime: un mutamento orami irrevocabile. Abbattuto il dominio napoleonico e tornati in Francia i Borboni, non si poté negare ai francesi, nell'interesse stesso della monarchia restaurata, qualche blanda concessione, ad onta della rabbiosa intransigenza dei reazionari, gli ultras. Si ebbe così la Charte di Luigi XVIII (1814). Il nome stesso (Carta e non Costituzione) indicava trattarsi di
una limitata concessione fatta dal monarca ai suoi sudditi. Come allora si volle dire e ribadire, era una Costituzione octroyée, ossia «elargita» benignamente dal sovrano, anziché deliberata da un'assemblea costituente come quelle della Rivoluzione francese.

Questo timido moderatismo della Charte non era soltanto nel suo nome e nella sua origine esclusivamente regale, ma altresì nel suo contenuto. In essa infatti il re si era proposto ed era riuscito ad assicurarsi una funzione preponderante: non solo vi si sanciva che a lui faceva capo il potere esecutivo, ma a quest'ultimo era riservato l'esclusivo diritto dell'iniziativa legislativa, con esclusione del Parlamento; e si .attribuiva al sovrano il potere di emettere « i regolamenti e le ordinanze per l'esecuzione delle leggi e la sicurezza dello Stato ». (Di qui, nel 1830, le famose ordinanze di Carlo X, che avrebbero provocato la rivoluzione di Luglio).

Si reintroduceva inoltre un sistema bicamerale: una Camera dei Pari, in parte ereditaria, destinata a essere il baluardo delle forze aristocratiche e conservatrici, e una Camera dei Rappresentanti, eletta a suffragio assai ristretto. Parco e misurato, in confronto ai testi rivoluzionari, era poi l'elenco dei diritti di libertà, per giunta rigorosamente limitati dai poteri che, come si è detto, erano riservati al monarca. Ma facendo leva su queste pur blande libertà costituzionali (“la liberté selon la Charte”) l'opposizione liberale francese sotto la Restaurazione sostenne una lunga e spesso dura battaglia, che risvegliò l'opinione pubblica più avanzata in quel paese e in tutta l'Europa, e alla fine concorse anch'essa alla rivoluzione del 1830, che portò all'ascesa al trono di Luigi Filippo d'Orléans. La nuova carta costituzionale, modificata qua e là in senso più liberale, ma pur sempre ristretta entro i limitati interessi oligarchici della borghesia del juste-milieu, fu in sostanza un compromesso fra la dinastia orleanista e la nazione. Il frutto più notevole e duraturo di questa ripresa liberale in Europa fu la Costituzione che si diede nel 1831 il Belgio, staccatosi dall'Olanda con una rivoluzione vittoriosa.

In Italia la Restaurazione aveva visto il ritorno dei governi assoluti, senza neppur l'ombra di una Costituzione qualsiasi, fosse pur moderata come quella di Luigi XVIII. La rivoluzione napoletana del 1820 e quella piemontese del 1821 portarono all'adozione, nei due paesi, di una Costituzione, modellata con poche varianti su quella di Cadice del 1812, a sua volta ispiratasi a quella francese del 1791, e rimessa in auge dalla rivoluzione spagnola del 1820. Ma l’una e l’altra Costituzione, nel Napoletano e nel Piemonte, ebbero vita breve, per l’intervento delle truppe austriache che soffocarono i moti rivoluzionari nei due Stati della penisola. Tra il 1821 ed il 1830 le aspirazioni costituzionali in Italia, alimentate dagli scritti e discorsi dell’opposizione liberale francese, si diffusero in ceti soprattutto borghesi, e, all’indomani della rivoluzione di luglio, vennero alla luce durante i moti del 1831 nell’Italia centrale. A Bologna fu perfino votata una Costituzione delle 7 “Province Insorte ed Unite Italiane”: uno Statuto provvisorio del nuovo Stato, di contenuto piuttosto meschino, che non ebbe neppure il tempo di prendere vita, soffocato sul nascere dall’intervento austriaco. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Stato senza nazione: dibattito su un Risorgimento fallito

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Martini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in "Cittadinanza e Costituzione"
Anno: 2018
Docente/Relatore: Di Marco Daniela
Istituito da: Consorzio Interuniversitario europeo "For.com."
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi