Skip to content

Importanza della posturologia in pediatria: dall’indagine posturale clinica/computerizzata alle solette di riprogrammazione posturale

Esame clinico posturale e podobarometrico

L’esame clinico posturale comprende diverse fasi di acquisizione di informazioni senza l’ausilio di apparecchiature elettroniche e/o metodi di laboratorio. Un’accurata anamnesi è alla base della conoscenza del problema del soggetto in esame. Sarà compito del podologo esaminatore valutare la durata della sintomatologia, l’evoluzione e l’espressione clinica dei sintomi tali da giustificare l’utilizzo di un plantare di stimolazione come ausilio terapeudico.

L’esame fisico viene eseguito mediante numerosi step, sia in ortostasi che in clinostasi. E’ chiaro che il piede non verrà trattato in ogni caso, infatti molto spesso un disturbo posturale è un disturbo multifattoriale.

Infatti si parla di Piede causativo, adattivo, compensatore:

Piede causativo. E’ associato a dismorfismi congeniti: piede torto, astragalo verticale, piede piatto e piede cavo. Anche piccole crisi epigenetiche in periodo embrionario, per eccesso e per difetto possono far coesistere in uno stesso soggetto un piede valgo ed un piede piattovalgo.
Può verificarsi inoltre nel caso di disformismi acquisisti, per incidenti o per iatropatie chirurgiche o ortesiche(trattamento ortesico inappropriato durante l’età evolutiva). Inoltre può verificarsi dopo rilevanti eventi distorsivi della tibio tarsica o nel caso di eterometrie accertate.

Piede adattivo: Il piede è adattivo a problematiche oculari, cranio occlusali, a cicatrici patologiche, a problematiche viscerali ecc.
E’ molto difficile in un sistema complesso, aperto e non lineare, definire i confini tra la componente causativa e quella adattiva di ogni singolo recettore. Con il passare del tempo il piede assume una posizione adattava fissata, a testimonianza del fatto che nella pratica clinica spesso non si può definire in maniera certa un disturbo di origine ascendente o discendente.

Piede compensatore: E’ riferito esclusivamente al caso di un eterometria, dove il piede ipsilaterale dell’arto più corto varizzerà per tentare un allungamento funzionale, mentre il piede omolaterale all’arto più lungo valgizzerà per tentare un accorciamento funzionale.

Esame della marcia: La deambulazione bipodale è un’alternanza tra momenti biomeccanici che richiamano il concetto di stabilità e momenti fisiologici che richiamano il concetto di movimento. L’esame della marcia viene effettuato da tergo, si invita il paziente a camminare per circa 4 o 5 metri nella maniera più naturale possibile a piedi nudi e lo si invita a tornare verso di noi marcia all’indietro. Dinamicamente fornisce utili informazioni sul grado di avvolgimento astragalo-calcaneare.

Manovra dei pollici: con paziente in ortostasi l’esaminatore posiziona le mani di taglio al di sopra delle creste iliache sviluppando circa 30g di pressione per verificare l’altezza dal suolo delle stesse. Nella maggior parte dei casi l’altezza è maggiore dal lato omologo all’elica podalica più avvolta, dove vi è programmazione di maggior “apertura” o di minor “chiusura”. Si invita il paziente a flettersi in avanti il più in basso possibile e lasciar cadere le spalle e il tronco come se volesse toccare la punta dei piedi, ma senza piegare le ginocchia.
Il test può essere eseguito a diversi livelli del rachide, quando un pollice risale più dell’altro è verosimile un asimmetria del tono posturale. Il podologo utilizza questo test per confrontare la situazione baseline e quella con gli stimoli podalici. La correzione del piede di norma normalizza il tono del paziente.

Stiloidi radiali: Questo esame nel piano frontale valuta le cinture scapolari attraverso gli stiloidi radiali, si esegue prendendoli delicatamente e portandoli verso la linea centrale del corpo. Questo esame sommato al precedente, ci indica se le inclinazioni delle spalle e del bacino sono omolaterali o contro-laterali. Nell’inclinazione omo-laterale si deve porre attenzione alle problematiche del recettore oculare. La partecipazione del paziente portando gli stiloidi in avanti gli permette di rendersi conto dell’eventuale squilibrio degli arti superiori.

Rotazione del capo: il movimento di rotazione del capo riflette l’equilibrio delle catene muscolari. Il vantaggio di questo test è facilmente visibile sia dall’operatore sia dal paziente. E’ un test utile per valutare le correzioni effettuate del sistema posturale.
Si esegue alle spalle del paziente, la rotazione del capo dai due lati deve essere massima, dolce, progressiva.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Importanza della posturologia in pediatria: dall’indagine posturale clinica/computerizzata alle solette di riprogrammazione posturale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dionisio Traiano
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Posturologia Clinica
Anno: 2010
Docente/Relatore: Fabio Moro
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

postura
pediatria
sistema tonico-posturale
posturologia
piede piatto
podoposturologia
solette di riprogrammazione posturale
bricot
sistema cibernetico
piede valgo evolutivo dell'infanzia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi