Skip to content

Jaak Panksepp e le neuroscienze

Le 7 emozioni di base viste da Jaak Panksepp

Dopo aver affrontato, anche se in maniera sommaria il cervello, darò una breve descrizione di ciascuno dei sette stati emotivi che Jaak Panksepp ha individuato. Prima di intraprendere la descrizione degli stati emotivi è doveroso menzionare i comportamenti animali, che saranno meglio illustrati nelle pagine che seguiranno. Gli animali è dentro ogni uno di noi, come su di una superficie tridimensionale è impressa una superficie bidimensionale, o ancora come le colonne di una chiesa pagana che si impongono al futuro e alla successiva nascita di un culto cristiano. Ogni uno di noi dovrebbe abbandonare quella propulsione di schizzinosità dell'idea che qualcosa, o più di qualcosa, ci accomuni al mondo animale, e se ciò accade dobbiamo essere consapevoli che la risposta a questo evento è da ricercare in noi stessi alla nostra interpretazione. Gli animali godono di una coscienza limpida, sicuramente più limpida di quella che possediamo noi umani, e ciò da cui cerchiamo di allontanarci pensando agli animali e molto verosimilmente una brutta esperienza dell'uomo.

La nostra spiritualità va intesa come in grado di ricevere e fondere in unità una moltitudine di contributi tutti diversi fra loro. Gli esempi sugli animali, non sono per niente riduzionistici, anzi sono contributi che devono condurre a una unitaria sintesi. Qualcosa di molto simile possiamo affermare anche di tutte le osservazioni più esatte e tecniche, come quelle anatomiche, chimiche o quelle che riguardano il comportamento. Queste non sono affatto le verità più supreme su cui condizionarsi, ma dei punti di riferimento a cui delegare il nostro resoconto più completo. Senza dubbio, sono anch'essi dei contributi che vanno portati ad unità, voci che devono farsi sentire tra le moltissime altre voci, oppure essere la bacchetta del direttore d'orchestra. Il primo stato emotivo è la ricerca, o la voglia di fare. Allo scoccare degli anni cinquanta dello scorso secolo, alcuni scienziati si resero conto che tutti gli animali che loro avevano testato erano tremendamente affascinati dalla stimolazione elettrica di una parte del cervello precisa, tanto da lavorare fino allo sfinimento per ottenere la stimolazione elettrica.

Questo tipo di esperimento lo si può osservare anche in animali la cui neocorteccia è stata asportata. Si parla del fascio mediale del proencefalo-ipotalamo laterale, la cui sigla in inglese è: MFB-LH, questa zona del cervello rientra in quello che Panksepp chiama sistema di aspettativa o di ricerca, proprio perché conduce ad uno stato euforico e di aspettativa intensa, che inizialmente non aveva un obiettivo ben preciso. Questi due concetti, di aspettativa e di euforia, pare che caratterizzino questo sistema emotivo in modo più esaustivo rispetto al sistema di ricompensa che inizialmente gli studiosi utilizzavano.

Nel discorso di Panksepp le altre emozioni sono indicate con termini che possiamo facilmente riscontrare nel linguaggio comune, che possono immediatamente sostenere un'intuizione, invece la parola ricerca, seeking in inglese, non sembra darci lo stesso sostegno.

Perché nel linguaggio comune e quotidiano questo termine non viene pronunciato ed utilizzato con lo stesso senso che Panksepp gli attribuisce, e quindi questo può condurre ad un rallentamento nella fase di comprensione. L'espressione che si indica con il termine voglia di fare, è comunemente usato nel linguaggio quotidiano. Un paio di opzioni potrebbero essere le espressioni come livello di attività oppure l'espressione grado di coinvolgimento nel mondo, ma se analizziamo bene l'espressione voglia di fare ci accorgiamo presto che questa si posiziona ad un gradino superiore della scala della casualità interna o interiore, accostandosi al riposizionamento dei sistemi emotivi di base nelle zone più antiche dell'esperienza personale.

Un punto a sfavore dell'espressione voglia di fare è sicuramente quello della laboriosità della sua applicazione al mondo animale, specialmente a quelli più primitivi. Questo impedimento può essere superato attraverso una tendenza all'azione più generale, che nel caso dell'uomo è direttamente collegata alla percezione della voglia di fare. Altri studiosi hanno esposto anche il termine wanting, che secondo Panksepp è estremamente cognitivo, perché si riferisce al modo in cui guardiamo il mondo, invece con il termine seeking è annoverato un'idea di azione. Secondo Panksepp il cervello che posseggono i mammiferi non è precisamente un sistema fatto per apprendere ma piuttosto un sistema che ci esorta, che stimola ad agire nel mondo. [. . . ]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Jaak Panksepp e le neuroscienze

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Santabarbara
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Gloria Di Filippo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

neuroscienze
jaak panksepp

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi