Skip to content

L'infermiere militare in prima linea nelle missioni del nuovo millennio. Soccorso immediato ed assistenza specialistica ad un paziente con paraplegia post traumatica.

Il peacekeeping e l'infermiere militare

L'impegno italiano, nelle missioni di pace nel mondo, ebbe inizio negli anni '60 del 900 con la partecipazione militare a numerose missioni dell'ONU. Nel 63 in Congo e negli anni '80 in Libano, per rispettare il suo impegno nella ricostruzione e nel consolidamento della pace, l'Italia dovette pagare un alto tributo di vite umane. Si tratta del "peacekeeping" definito dall'ONU come "un modo per aiutare i paesi tormentati da conflitti a creare condizioni di pace sostenibile".

A livello europeo, la competenza dell'Unione europea alla costituzione e alla gestione di missioni di peacekeeping è stata prevista per la prima volta, in modo espresso, dal trattato di Amsterdam del 1997. Spesso l'attività implica l'utilizzo di forze armate internazionali (come ad esempio, nel caso delle Nazioni Unite, i celebri caschi blu), che devono agire in maniera terza ed imparziale nel conflitto ed essere presenti soltanto col consenso dei Paesi coinvolti nella guerra.

Tali truppe hanno il fine di sorvegliare ed osservare i processi di pace nelle aree post-conflittuali ed assistono gli ex-combattenti nel dare pratica applicazione agli accordi di pace che essi hanno sottoscritto. Tale assistenza si estrinseca in diverse forme: misure per creare fiducia, sostegno ad operazioni elettorali, consolidamento dell'ordinamento giuridico (specie sotto il profilo della cosiddetta effettività, ovvero dell'applicazione concreta delle norme e/o delle sentenze), sviluppo sociale ed economico. I vari ambiti di intervento dei peacekeepers, detti anche operatori di pace, sono:
I. Prevenzione dei conflitti (“conflict prevention”);
II. Edificazione della pace (“peace making”);
III. Mantenimento della pace (“peacekeeping”);
IV. Assistenza umanitaria (“humanitarian aid”);
V. Consolidamento della pace (“peace building”).

Nell'ambito di queste missioni, il team sanitario attivo è costituito da due medici e tre infermieri militari per infermeria che lavorano in sale operatorie h24. È presente una farmacia fornita di medicazioni avanzate non reperibili in ambito civile e di materiali idonei alle condizioni di emergenza: cateteri venosi e vescicali di tutti i tipi, disinfettanti, kit per accessi venosi periferici o centrali, per la sutura e il tamponamento in emergenza-urgenza, kit per il trasporto dei traumatizzati e dei politraumatizzati e una serie di monitor multi parametrici innovativi.

L'infermiere dovrà, inoltre, interagire con la realtà locale, comprendendone le esigenze specifiche, assolutamente necessarie, per il supporto e la cura dei civili rimasti coinvolti negli scontri bellici.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'infermiere militare in prima linea nelle missioni del nuovo millennio. Soccorso immediato ed assistenza specialistica ad un paziente con paraplegia post traumatica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daiane Messina
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Felice Esposito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paraplegia
infermiere militare
neurochirurgia
infermiere di guerra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi