Skip to content

Il ruolo dell'ideologia islamista nei processi politico-identitari del Medio Oriente. La Nuova Guerra Fredda tra Iran e Arabia Saudita

Le Primavere arabe: opportunità o minaccia?

I sovvertimenti popolari iniziati nel 2010 in Tunisia, estesesi in tutta la zona compresa tra Medio Oriente e Nord Africa e sfociati, in alcuni casi, in lunghe e sanguinose guerre civili hanno scosso profondamente l'ordine regionale, rovesciando diversi regimi autoritari che parevano ben saldi al potere e rimettendo in gioco la lotta per l'egemonia tra gli attori più influenti. Ovviamente, come la maggior parte delle dinamiche che interessano il mondo islamico, l'eco delle Primavere arabe non è rimasto intra-confine né tantomeno limitato alle richieste iniziali di democratizzazione, ma si è diffuso sulle spalle di un'orda di masse sommoventi che hanno provocato dure o durissime repliche dei governi locali e degli alleati annessi. Alcuni intellettuali arabi ritengono, infatti, che le rivolte abbiano fortemente indebolito il potere statale dei Paesi interessati e creato condizioni propizie per una rinascita del settarismo e per un ritorno alle identità primordiali, religiose e nazionalistiche.

A differenza di altri scenari in cui erano gli stati stessi ad alimentare lo scontro settario, in questa catena di avvenimenti il processo politico-identitario ha conosciuto uno sviluppo più naturale, partito dal basso e dai sentimenti individualisti di varie frange della popolazione che hanno rievocato l'impatto delle ideologie islamiste. Le classi sociali ancora fedeli ai regimi, o comunque restie ad accogliere una secolarizzazione della società, hanno affievolito l'efficacia delle proteste e generato una linea di frattura ancor più demarcata all'interno dell'azione politica mediorientale.

A rendere le Primavere arabe parte integrante del mosaico che compone la Nuova Guerra Fredda del Medio Oriente è il fatto che esse abbiano prodotto un contraccolpo immediato al quale, ancora una volta in veste di egemoni e patrocinatori del “vero Islam”, Iran e Arabia Saudita hanno avuto reazioni tanto più contrapposte a seconda della visione dei singoli eventi come un'opportunità per l'estensione o, al contrario, come una minaccia per il proprio establishment. Nella fase posteriore ai tumulti popolari, l'Iran ha guardato di buon occhio alle Primavere arabe considerandole un entusiastico punto di partenza per il “Risveglio dell'Islam”, ovvero quella continuazione e concretizzazione dell'ideologia rivoluzionaria che tanto auspicava il regime teocratico sin dai tempi di Khomeini. Più precisamente, forzando connessioni dirette tra il malcontento sociale e la necessità di unificare le correnti islamiste riemergenti, le mosse politiche iraniane si sono servite della retorica politico-religiosa al fine di riportare in voga le tematiche del sogno panislamista.

Se nel breve termine tali obbiettivi appaiono ancora molto distanti dall'essere raggiunti, in ottica futura l'Iran ha diverse ragioni per credere che l'instabilità interna dei propri nemici sia una chiara opportunità per profondare le proprie strategie espansionistiche nella regione e per sottolineare un'irrinunciabile vicinanza al mondo islamico. Forte dei consensi che queste premesse hanno rinvenuto tra gli sciiti e consapevole dell'impatto di un'ideologia rivoluzionaria in tale contesto, l'ayatollah Khamenei ha più volte dichiarato che il proprio supporto non esclude a priori gli ambienti sunniti, ma che piuttosto “si fa protettore di tutti coloro che hanno il coraggio di alzare la voce contro gli oppressori, indistintamente dalle differenze di fede o di ideali”. Questa visione a largo raggio ed eccessivamente ottimistica ha però indotto Teheran a sottovalutare l'eco e le conseguenze di questo tipo di discorsi nei propri confini, entro i quali sono scoppiate nuove tensioni tra il clero tradizionalista, più propenso a mantenersi distante dalle altre correnti religiose, e le nuove élite politiche che stanno tentando di far combaciare il concetto dell'Umma con una realpolitik strettamente necessaria per l'andamento politico attuale. Inoltre, alcune azioni hanno avuto un effetto boomerang poiché l'Iran stesso ha dovuto fronteggiare le proteste sollevate dal Green Movement durante le elezioni del 2011 e, per evitare futuri grattacapi, ridimensionare le proprie aspettative dalle Primavere arabe.

Con una percezione totalmente differente, l'Arabia Saudita ha scelto istintivamente posizioni più difensive poiché, intimorita dagli squilibri generati dalle rivolte negli ambienti sunniti, ha ritenuto opportuno porre come obbiettivo principale il mantenimento della propria sfera di influenza, sia in prospettiva geopolitica che di domestic security. Persa definitivamente la corsia preferenziale nelle politiche del Nord Africa a seguito della caduta dei regimi alleati e fronte alla capacità di Teheran di esportare un'ideologia sovversiva, i leader si sono dedicati esclusivamente ad una politica controrivoluzionaria mirata a preservare le monarchie del Golfo da qualsiasi tipo di influenza esterna. L'Arabia Saudita ha quindi propugnato una forte retorica anti-iraniana che ha sì unificato il sunnismo contro un nemico comune, ma che ha dato un'ulteriore impulso alle dinamiche settarie incoraggiando le proteste sciite e favorendo l'estremizzazione di alcuni gruppi salafiti che designano l'anti-sciismo come caposaldo della propria agenda. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'ideologia islamista nei processi politico-identitari del Medio Oriente. La Nuova Guerra Fredda tra Iran e Arabia Saudita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Samuele Carlo Ayrton Abrami
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Esperto linguistico per le Relazioni Internazionali
  Relatore: Alessandro Quarenghi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi