Skip to content

Rito e Catarsi nell'opera artistica di Hermann Nitsch

Il trionfo dell'effimero nell'arte: il Gruppo Fluxus

Fluxus è probabilmente uno dei fenomeni artistici più difficili da analizzare. È un movimento di sua natura sfuggente e quindi particolarmente complesso da definire.

Per uno dei suoi esponenti, Dick Higgins, "Fluxus non è un momento della storia, né un movimento artistico. Fluxus è un modo di fare le cose, una tradizione, un modo di vivere e morire".

In realtà ancora oggi non è chiaro se possiamo parlare di Fluxus come di un movimento, oppure come di un gruppo connotato storicamente, o ancora come di un'attitudine. Ad ogni modo il gruppo nasce agli inizi degli anni sessanta.

Il termine Fluxus appare per la prima volta in Europa, nel 1961, su di un invito a partecipare a tre conferenze dell'artista e architetto lituano George Maciunas, dal titolo Musica Antiqua et Nova.

Lo stesso Maciunas è considerato ufficialmente fondatore e principale ideatore del Fluxus, che non parte da manifesti ufficiali o da un organico di artisti ben definito, ma è piuttosto una comunità unita, nella quale tutti possono entrare ed uscire liberamente.

Inoltre Fluxus è spesso associato all'etichetta "New Dada", proprio per sottolineare il suo stretto legame con quelle avanguardie degli anni sessanta che, sulla lezione del Dadaismo, miravano a rivendicare una pratica artistica che facesse riferimento alla realtà ed alla vita nei suoi aspetti più semplici e quotidiani. Non a caso Maciunas discuteva con il fondatore del Dadaismo, Tristan Tzara, della possibilità di applicare questa etichetta al suo gruppo.

L'esperienza Fluxus si avvia in Germania a Wiesbaden nel 1962 con il concerto Fluxus Internationale Festspiele Neuester Musik, e da quel momento si protrae in ogni parte del mondo, dall'America all'Europa, fino ad arrivare in Giappone e in Corea.

Con Fluxus infatti si tentano di infrangere le barriere geografiche e culturali, coinvolgendo artisti americani, coreani, giapponesi, europei.

Lo scopo è creare una vera e propria rete internazionale con nodi a New York, Dusseldorf, Praga, Madrid, Berlino,Tokio, e altre importanti città del mondo.

Alcuni tra i tanti protagonisti di questa rete erano: George Brecht, Ben Patterson, Ben Vautier, La Monte Young, Eric Andersen, Philip Corner, Wolf Vostell, Joseph Beuys, Nam June Paik, Yoko Ono, Ray Johnson oltre ai già citati Higgins e Maciunas.

L'intenzione che accomuna questo gruppo di artisti è etica, e non estetica, e consiste nel rinnovare profondamente l'arte per indirizzarla verso un rapporto con la vita, separando la linea di divisione tra esistenza e creazione artistica.

Gli artisti Fluxus tendono al rifiuto degli schemi artistici tradizionali per esprimere invece la quotidianità e la casualità degli eventi, attraverso un concetto di arte decisamente ludico.
L'ironia è difatti un aspetto fondamentale del fenomeno.

Come già negli spettacoli dadaisti che si tenevano al Cabaret Voltaire di Zurigo, anche in Fluxus l'ironia e il sarcasmo vengono proiettati agli occhi degli spettatori come modelli di comportamento.

Anche Maciunas era un convinto sostenitore dell'idea di arte come divertimento, affermando: "l'arte deve essere semplice, divertente, senza pretese, deve coinvolgere cose insignificanti senza richiedere alcuna abilità particolare…tutto può essere arte e chiunque può fare dell'arte".

Questi principi rappresentano per Fluxus anche il pretesto per uscire dai canali istituzionali dell'arte come musei e gallerie.

Nella loro concezione infatti, l'arte ha perso quel principio di finalità del mercato e di confezione del prodotto. Di conseguenza ogni spazio diventa un possibile luogo per realizzare l'evento artistico.

La scelta di rifiutare i circuiti ufficiali dell'arte promuove negli artisti Fluxus la necessità di creare un proprio ambito di ascolto che possa scavalcare i confini territoriali dei vari paesi e stabilire una rete internazionale di comunicazione. Per realizzare ciò, nasce un altro grande apporto del Fluxus alla storia dell'arte, la mail-art.

Questa pratica artistica nacque nel 1963 da un'idea di Ray Johnson e George Brecht che, attraverso la rete postale, si proponevano di creare una rete di comunicazione senza confini, inviando ad altri mail-artisti, o persone comuni in giro per il mondo, lettere, fotografie, francobolli, adesivi. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Rito e Catarsi nell'opera artistica di Hermann Nitsch

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Eduardo Emanuele Pragliola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Maria De Vivo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

opera d'arte totale
happening
hermann nitsch
gunter brus
gruppo fluxus
otto muehl
azionismo viennese
teatro delle orge e dei misteri
arte austriaca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi