Skip to content

Città e genere: un'analisi dell'Urbanistica moderna per ripensare le politiche urbane con una prospettiva di genere

Critica alla pianificazione tradizionale, lo sguardo delle donne

Le ricerche elaborate dalla geografia femminista sono state fondamentali nell’analisi della relazione fra divisione spaziale e divisione dei ruoli in base al genere. Diverse studiose partirono dalle loro proprie esperienze nella città per costruire la critica ai modelli urbani dominanti, quello progressista e funzionalista, costruiti in base a dualità come lavoro-casa, città-periferia, vita pubblica-vita privata. Ambiti che nella città si manifestano in separazioni di funzioni - dentro e fuori le città - come si osserva nelle città del XX secolo, e che ha nelle aree urbane degli Stati Uniti e Inghilterra le massime espressioni.

Anche per questo motivo la maggior parte degli studi sullo spazio e la città con una prospettiva di genere vengono dagli Stati Uniti e dall’Inghilterra. Una delle prime teoriche dell’approccio di genere sulla pianificazione e la qualità delle abitazioni è stata l’architetta Statunitense Dolores Hayden: nelle sue opere espone le rigide divisioni che governano gli spazi della città e le sue possibili configurazioni con una visione non sessista. Hayden raccoglie alcune delle utopie femministe del XIX secolo, per esempio il desiderio di “infrastruttura per la vita quotidiana” con cucine, sale da pranzo, lavanderia e spazi per svolgere i lavori di cura dei figli, per liberare le donne dalle mura domestiche e dai compiti di casa.

L’autrice studia il contesto americano nel suo libro “The grand domestic revolution” (1980) e dimostra gli svantaggi del modello dominante d’occupazione del territorio: relaziona il tipo di città ai vantaggi e svantaggi della vita quotidiana, in uno dei suoi esempi descrive una casalinga che abita in centro città e un’altra che abita nelle periferie. La seconda, a differenza della prima, affronterà più difficoltà nell’accedere alle zone di commercio, all’attrezzatura urbana, ai servizi pubblici, al lavoro e altre attività.

Nel libro “Redesigning the American Dream The Future of housing, Work and Family”, Hyden analizza le periferie americane degli anni 50 e dimostra come quest’organizzazione del territorio rafforza la divisione sessuale del lavoro: le periferie sono il contesto che contiene il lavoro femminile non retribuito, in contrapposizione al lavoro maschile, retribuito e lontano dalle periferie.

In Inghilterra, Clara Greed scrisse la sua opera “Women and planning”(1994) che critica la disciplina della pianificazione, la quale ha nascosto l’esperienza delle donne come pianificatrici e utenti della città. Secondo l’autrice sono stati soltanto gli uomini a modificare le diverse realtà urbane, partendo dalle loro percezioni e necessità e con molta poca attenzione verso le reali necessità della popolazione.

La geografa urbana Linda McDowell spiega come la divisione spaziale fra ambito privato della casa e ambito pubblico del lavoro retribuito, politica e potere, sono stati utilizzati nelle società industriali per costruire attributi che vengono assegnati ad ogni sesso. Questa divisione si materializza all’interno delle mura domestiche e anche nel tracciato delle aree urbanizzate, ovvero nell’organizzazione monofunzionale del territorio, lo zoning: si divide la città in aree di residenza, associate alla vita di quartiere, alla famiglia, e dall’altra parte i poli dell’industria, dove si svolge il lavoro produttivo e la componente maschile è dominante, la città viene divisa secondo i sessi.

Ovvero, nelle sue parole:
“Le relazioni di potere, che determinano gli spazi, instaurano le norme che definiscono i confini spaziali (situazione o posizione di una determinata esperienza) e sociali (chi appartiene ad un luogo e chi viene escluso)”

Le critiche verso il modello di città dominante si concentrano nell’affermare l’esistenza degli svantaggi notevoli nell’attuale modello di città funzionalista segregata di fronte ai vantaggi nei quartieri che costruiscono ambienti adatti alla vita quotidiana e di prossimità. La critica è rivolta alla dicotomia degli spazi pubblici e privati, visti come due sfere independenti e impenetrabili, che in realtà si combinano e complementano nella realtà quotidiana.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Città e genere: un'analisi dell'Urbanistica moderna per ripensare le politiche urbane con una prospettiva di genere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dalia Bertila Mercado Tanchiva
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università IUAV di Venezia
  Facoltà: Pianificazione del Territorio
  Corso: Urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale
  Relatore: Francesca Gelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donne
donna
femminismo
città
genere
politiche urbane
disuguaglianze
femminismi
diritto alla città
cura e città

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi