Skip to content

Riforme pro concorrenziali e crescita della produttività nell'Unione Europea

L’evidenza empirica

Diversi studi, a livello d'impresa, di settore, o di Paesi, hanno esaminato le correlazioni sia a livello micro sia macroeconomico, tra riforme del mercato dei prodotti, produttività e innovazioni, misurandone i tassi e i livelli di crescita.
La nostra ricerca interessa però nello specifico i Paesi aderenti all'UE, verranno perciò considerati solo due recenti studi che han tentato di analizzare l'efficacia delle riforme relative al Mercato Unico Europeo, cercando di individuare e valutare le performance
macroeconomiche in termini di rafforzamento della concorrenza e incremento di produttività e innovazioni, esclusivamente ad esse attribuibili.

Problemi di misurazione
Nello svolgimento di questo tipo di analisi sono molteplici le difficoltà che gli autori incontrano. In primis la misurazione stessa del grado di concorrenza e di regolamentazione può risultare complicata, specialmente se, come nei casi a riferimento, non si prende in considerazione solo un singolo settore bensì una macroregione costituita da numerosi Paesi; inoltre le riforme pro-concorrenziali non hanno una relazione diretta con la produttività, ma fungono da strumenti attraverso i quali ottenere delle condizione necessarie ad aumentarne i livelli ed (eventualmente) i tassi, ecco che la valutazione degli effetti può esser imprecisa ed incerta.

Variazioni nella produttività possono poi verificarsi a prescindere dalla modifiche nella regolamentazione del mercato, anche solo per il semplice fatto che il grado di concorrenza può migliorare senza un intervento normativo.
Generalmente per valutare il grado di concorrenza e dunque il potere di mercato, si utilizzano indicatori quali l'indice di concentrazione di Herfindahl e/o, ancor meglio, il margine di profitto (mark-up). È chiaro che in presenza di elevato potere di mercato i suddetti indicatori risultano moto alti, viceversa in caso di buona concorrenzialità.

Le misure in questione possono fornire però, in situazioni particolari, indicazioni fuorvianti: in caso di assenza di barriere all'entrata ad esempio, la forte minaccia di nuovi concorrenti fa sì che anche in mercati apparentemente oligopolistici il prezzo tenda comunque ad avvicinarsi al costo marginale (“mercati contendibili”), perciò un alto indice di concentrazione fornisce in questo caso un'informazione non veritiera del potere di mercato. Inoltre calcolare le quote di mercato di ciascun impresa richiede di possedere appunto i dati per ogni impresa, e di esser in grado di definire e misurare l'estensione dei mercati rilevanti sia in termini di prodotti che in termini geografici, cosa non affatto elementare e facilmente suscettibile ad errori di valutazione.

A seconda poi del momento in cui questi indici vengono misurati, essi possono mostrare risultati divergenti dovuti al “processo di selezione naturale”, infatti una maggior concentrazione e maggiori livelli di mark-up possono esser conseguenza di un ottimo grado di concorrenza del mercato che ha garantito l'efficienza allocativa e premiato le imprese più produttive (Aghion et al 2001).

Infine le alterazioni dei margini di profitto potrebbero verificarsi indipendentemente dal grado di concorrenzialità del mercato, ad esempio perché determinate da variazione del ciclo economico oppure soprattutto da variazioni del costo dei fattori produttivi (forza lavoro, materie prime, energia, capitale ecc).

Per quanto riguarda la misurazione del progresso tecnico, essendo incompleti i dati sulle innovazioni, si guarda all'intensità di Ricerca&Sviluppo (misurata dalla percentuale di spesa in R&S in rapporto al valore aggiunto) e al numero di Brevetti depositati, rispettivamente determinanti fondamentali e indicatori principali delle innovazioni tecniche. Entrambe però risultano essere delle misure imprecise, dato che la spesa in R&S delle imprese è solo uno degli svariati impulsi all'innovazione (istruzione, invenzioni, ricerca pubblica ecc.), mentre i brevetti rappresentano solo in parte il frutto dell'attività innovativa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Riforme pro concorrenziali e crescita della produttività nell'Unione Europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dario Cibin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Elena Podrecca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aiuti di stato
concorrenza
efficienza allocativa
abuso di posizione dominante
produttività
concentrazioni
efficienza produttiva
efficienza dinamica
intese e accordi tra imprese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi