Skip to content

Metodi di stabilizzazione di ammassi rocciosi mediante resine sintetiche

Tecnologia usata per il grouting

La miscelazione delle componenti della resina è realizzata nella camera di miscelazione che si trova nella parte posteriore della pompa.

La pompa aspira entrambe le componenti della resina da due serbatoi distinti, in rapporto appropriato, e le versa nella camera di miscelazione, dove vengono mescolate assieme e, successivamente, iniettate nella roccia.

La resina penetra sotto pressione nelle fessure circostanti e nelle cavità fino a pochi metri dal foro o dalla frattura.

Si raggiunge, in questo modo, un risultato di consolidazione della massa rocciosa. Dopo aver terminato il grouting è necessario svuotare la pompa e pulire tutta l'apparecchiatura, in modo da evitare deterioramenti della stessa, soprattutto in caso di uso non regolare e prolungato.

I parametri del grouting, come posizione delle iniezioni, quantità di miscela adoperata, pressione di iniezione e temperatura, sono registrati e tenuti sotto controllo costante durante i lavori.

L’iniezione di materiale nella roccia può procedere:
- Senza il rimodellamento della massa rocciosa iniettata, che avviene attraverso il solo riempimento dei vuoti dell’ammasso;
- Con rimodellamento della massa rocciosa iniettata, dove invece si realizza un cosiddetto claquage o fratturazione idraulica, tecnica già utilizzata per il reperimento di petrolio e gas; questa operazione comporta la generazione di nuove fratture (a causa dell'alta pressione idraulica impressa durante l’iniezione) che vengono però subito riempite con la miscela impressa

La lunghezza e la larghezza delle fratture generate dipendono dalla pressione della resina, dalla velocità di penetrazione e dalla quantità di resina presente, nonché dalla tenacità della roccia e da eventuali altre fratture preesistenti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Metodi di stabilizzazione di ammassi rocciosi mediante resine sintetiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Cordisco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Corrado Fidelibus
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

infrastrutture
geotecnica
gallerie
terreno
resine
strade
p.u.r.
rocce
ammassi rocciosi
poliuretaniche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi