Skip to content

La frode Rca in Italia. Un'analisi dei modus operandi e delle possibili misure preventive

Casistiche e attività antifrode sul territorio: il ruolo del liquidatore

Le frodi professionali sono costruite “a tavolino” da professionisti allo scopo di “fare reddito” e hanno competenze tecniche e expertise rilevanti e differenziate da organizzazione a organizzazione e da zona a zona.
Non solo: le frodi one shot spesso si trasformano in “professionali”.
Un esempio semplice coinvolge il riparatore come “attore” principale, che offre la propria prestazione in cambio di due o più Cai (constatazioni amichevoli) non compilate, ma già firmate che verranno poi utilizzate per inscenare falsi sinistri.

Le frodi professionali classiche hanno origine con la stipula della polizza presso la compagnia, generalmente quella più “morbida” in tema di repressione in caso di accertata frode.
Il costo della polizza non è una pregiudiziale: si sceglie, invece, una zona diversa non tanto per la tariffa quanto per la minore conoscenza da parte dell’intermediario dei soggetti inviati ad assicurarsi.
I veicoli non sono quasi mai di nuova fabbricazione, né nuovi né vecchi, e spesso “ritargati”, così da cancellare la storia pregressa, oppure dichiarati come “in corso il passaggio di proprietà”; in più, i professionisti conoscono molto bene gli indicatori di anomalia usati dal comparto assicurativo che attivano gli alert dei software antifrode.

Di norma, vengono utilizzati due o tre riparatori - a seconda dell’ampiezza dell’organizzazione -; utilizzano un pronto soccorso principale e spesso lo stesso medico compiacente: eclatante a Bari, il caso delle radiografie di pazienti con lesioni, “vendute” a 100 euro.

La “costruzione” dei danni è anch’essa eseguita ad arte da professionisti; non è raro che i veicoli si facciano realmente scontrare, tipo crash test, per avere danni compatibili e, paradossalmente, anche i segni sulle persone vengano fatti ad hoc: ne è un esempio il caso in cui è stata usata della carta vetrata per simulare lo strisciamento sull’asfalto del conducente per caduta del motorino, quando invece il danno grave al trasportato era avvenuto per altra causa.
Come conclude l’antifraud manager: il contrasto alle frodi va condotta con fantasia perché è la fantasia che scatena l’opportunità per l’attore che vuole compiere l’atto fraudolento.

Non c’è allora soluzione alla fantasia italica?
Il punto debole risiede nella coerenza delle dichiarazioni e, sebbene testi e attori siano “preparati” a dovere, gestire più casi, prima o poi, porta tali attori a tradirsi o a confondersi, laddove l’accertatore sia sufficientemente in grado di chiedere le informazioni, e sappia come e quali.

Nell’attività antifrode, il liquidatore riveste un ruolo strategico: deve essere in grado di esaminare gli elaborati peritali e gli accertamenti con estrema attenzione e competenza; deve inoltre saper interpretare i segnali - non sempre scritti e quasi mai in forma “certificabile” - e decidere quando muoversi e scegliere quale azione potrebbe dare il migliore risultato alla risoluzione del problema.
Nel caso di sospetta frode, il liquidatore, deve essere molto preciso nell’indirizzare i fiduciari in maniera specifica su cosa realmente esaminare e accertare, tenere sotto controllo un gruppo di sinistri quando si è in presenza di “filoni” e acquisire più notizie possibili sui soggetti maggiormente esposti alle vicende.

Una volta identificati i possibili eventi o comportamenti sospetti o di natura fraudolenta, al processo di segnalazione segue il processo di investigazione. La fase di investigazione, quindi, si articola in un processo:
Sulla base dei riscontri dell’investigazione, le funzioni aziendali competenti sviluppano le azioni di risposta al fatto fraudolento che possono comportare, a titolo meramente esemplificativo, l’adozione di provvedimenti di natura civile (sospensione o risoluzione di contratto), la denuncia per le fattispecie a rilevanza penale, etc.

Il fattore tempo è estremamente rilevante per l’esecuzione delle investigazioni per il rischio di frode: dovrebbero essere svolte entro tempi stabiliti dalla normativa di riferimento, cioè compliant; nel caso in cui la fattispecie di frode sotto investigazione abbia rilevanza penale, o comunque giuridica e vi sarà il coinvolgimento e l’interfaccia con le forze di polizia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La frode Rca in Italia. Un'analisi dei modus operandi e delle possibili misure preventive

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Binetti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze Sociali Applicate
  Relatore: Stefano Caneppele
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rca
frode
auto
modus operandi
misure preventive frodi
frode rca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi