Skip to content

Economia, Etica e Psicologia: Comportamento Economico E Motivazionale Delle Scelte Del Consumatore

Psicologia e Economia: un rapporto difficile

Se il rapporto tra Psicologia ed Economia è da sempre risultato difficile, in realtà svariati sono i tentativi di avvicinamento.

Nel 1902 lo Psicologo Tarde scrive un libro dal titolo "Psicologia Economica" dove si occupa soprattutto del concetto di scelta razionale.

Successivamente al secondo conflitto mondiale, la Psicologia Economica riscuote notevoli interessi soprattutto grazie allo Psicologo Katona che nel 1975 scrive il testo "Psychological Economics", dove l'autore integra l'approccio Economico a quello Psicologico per lo studio della prevenzione dei periodi di inflazione.

Katona scrive:
"l'economia senza la psicologia è incapace di spiegare importanti processi economici, così come la psicologia senza l'economia non è in grado di far luce su alcuni fra i più comuni aspetti del comportamento umano".

Katona sostiene che il comportamento del consumatore conseguente agli stimoli economici può essere previsto e spiegato grazie alla nozione di aspettativa.

Le aspettative possono essere misurate attraverso lo strumento ideato dall'autore stesso, chiamato "Indice del sentimento del consumatore", cioè un questionario con domande che mirano a rivelare la fiducia del soggetto rispetto alla situazione economica personale, e sulle possibilità di spesa futura delle quote di reddito disponibili. In questo modo lo strumento di Katona diventa anche un indicatore dell'andamento dell'Economia.

Il successo della teoria di Katona è da rintracciare già precedentemente alla pubblicazione del suo libro, infatti nel 1964 grazie al suo strumento fu in grado di anticipare il periodo di forte sviluppo economico degli Stati Uniti, trainato da un aumento dei consumi, quando in realtà i sistemi classici avevano previsto una fase di recessione.

Se l'oggetto di studio è rappresentato dal comportamento del consumatore, il comportamento è mosso anche dall'Etica.

Amartya Sen afferma che
"Lo studio dell'economia non può limitarsi allo studio dell'accumulo della ricchezza. L'economia deve considerare anche i risultati sociali, come sosteneva Aristotele".

L'Economia ha bisogno dell'Etica perché risulta necessaria per decidere se le cose vanno meglio o se vanno peggio, se tal provvedimento sarebbe un bene o un male.

L'Etica influisce sui valori che ciascuno possiede e il comportamento umano è motivato da valori: i valori rappresentano i desideri più profondi, identificano la direzione delle scelte e si riferiscono alla qualità delle azioni.
Gli ambiti di applicazione dell'Etica toccano l'area del marketing diventando studio sistematico di come gli standard morali siano applicati alle decisioni, ai comportamenti.

Un contributo importante della Psicologia allo studio Economico delle scelte del consumatore deriva dalla teoria della "dissonanza cognitiva" di Festinger.

L'autore sostiene che l'individuo è animato dalla necessità di coerenza rispetto a sé stesso, al proprio modo di pensare e di agire.

Nel processo decisionale, se manca tale coerenza si va a formare una situazione di dissonanza cognitiva.

La conseguenza più importante deriva dal disagio psicologico conseguente, che porta successivamente il soggetto al tentativo di ridurre la dissonanza, e dal fatto che inevitabile sarà il comportamento di evitamento messo in atto nel futuro di fronte a situazioni del tutto simili.

La dissonanza, secondo Festinger, è una funzione della scelta.

Il contributo della teoria della dissonanza cognitiva è anche da rintracciare nel fatto che alcuni comportamenti dei consumatori, che siano prima o dopo la scelta, possono essere proprio la conseguenza diretta del tentativo di riduzione della stessa dissonanza.

L'attenzione dell'Economia nei confronti della scelta si è spostata verso lo studio dell'essere umano nella sua complessità e verso il suo osservabile comportamento.

Per procedere in questa direzione, l'economia si è aperta all'interazione con altri campi di studio, in particolare con la psicologia e le neuroscienze.

Le emozioni vengono aggiunte al modello della scelta tradizionale, senza modificarne la struttura teorica di fondo.

Gli individui sono dotati di la razionalità e le emozioni influenzano le scelte attraverso i benefici e/o i costi che comportano.

La ricerca ha prodotto una vasta mole di lavori sperimentali sui meccanismi di scelta:
• le emozioni diventano una fonte di informazione e aiutano il soggetto nei processi di scelta;
• la mente diventa una sorta di variabile intermedia che collega l'ambiente al soggetto;
• per comprendere fenomeni micro e macroeconomici complessi diventa rilevante studiare l'interazione sociale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Economia, Etica e Psicologia: Comportamento Economico E Motivazionale Delle Scelte Del Consumatore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Armando Biamonte
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Antonella Laino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi