Skip to content

La povertà educativa e le azioni di contrasto. Il contributo della progettazione sociale nell'abito scolastico

Povertà Minorile

Quest’ultima misura che ha come obbiettivo eliminare la povertà minorile per favorire la crescita educativa, analizza e tenta di fronteggiare la povertà educativa, partendo dall’eliminazione della povertà minorile. Soprattutto, perché, la povertà educativa è strettamente legata alla povertà e all’esclusione sociale dei genitori, tanto da avere una forte ripercussione sulla vita dei bambini.

Infatti, secondo dei dati provenienti da fonti del Miur, vi è una percentuale maggiore di ragazzi con esiti insufficienti sia in matematica che letteratura, che provengono da famiglie che hanno un basso livello socio culturale, al contrario, ragazzi che provengono da famiglie con un alto livello socio culturale, la cui percentuale di esiti negativi scende, radicalmente. Come obbiettivo, in questo caso, la ricerca propone l’eliminazione della povertà economica dei minori entro il 2030, misurata attraverso il tasso di povertà assoluta.

La situazione, però, sembrerebbe molto lontana dall’obbiettivo. Basti pensare ai dati Istat, che nel 2014, calcolavamo più di un milione di bambini che vivevano in povertà assoluta e poco meno di 2 milioni, che vivevano in povertà relativa. In Italia la povertà, sia quella relativa che assoluta, è superiore alla media e la povertà minorile viene stimata sulla base dei nuclei familiari nella quale sono presenti minorenni. Soprattutto, si assiste ad una forte, se non persistente, povertà minorile in Italia, che è caratterizzata anche da significativi squilibri regionali.

Tra le varie cause di povertà, vi sono la disoccupazione e il cosiddetto, working poors, ovvero misure utilizzate come integrazione al reddito, ma, che rappresentano un elemento cruciale per contrastare la povertà. Un’ altro fattore può essere rappresentato dalla non occupazione delle donne al mercato del lavoro. Come conferma un rapporto annuale dell’UNICEF del 2017, per consentire l ‘empowermen alle donne è necessario che le venga riconosciuto un forte potere decisionale, che influisce, positivamente, non solo, sulla loro vita ma anche su quella dei bambini. Soprattutto, questo rapporto dimostra che, quando le donne lavorano dignitosamente e generano reddito, aumenta, di conseguenza, il tenore di vita della famiglia e, di riflesso, anche dei loro figli.

E’ importante dire che, la politica sociale, che dovrebbe tutelate, al massimo, i bambini, soprattutto coloro che vertono in situazioni svantaggiate, se da un lato ha accresciuto il suo intervento con, ad esempio, l’aumento dei servizi per l’infanzia (spazi gioco, servizi educativi di tipo domiciliare) con servizi innovativi sui luoghi di lavoro, aumentando la presenza del privato sociale nella gestione stessa dei nidi, dall’altro il budget per il settore sociale è, drasticamente, ridotto. Anche l’istruzione può rappresentare un ostacolo di contrasto alla povertà. Infatti, come già dimostrato, se un genitore ha un livello di istruzione basso, di conseguenza, aumenta il rischio di povertà all’interno della famiglia e di esclusione sociale da parte dei bambini. Nonostante, come politica di contrasto vi è stata l’applicazione della scuola dell’obbligo, ancora, vi è un elevata interruzione degli anni scolastici e una forte alfabetizzazione.

E’ importante sottolineare come la povertà e l’esclusione sociale minorile, dipendano, anche molto dalle scelte politiche per quanto riguarda l’istruzione, la salute, le politiche abitative ed i servizi per l’infanzia, tanto da proporre, a livello Europeo, l’adozione di un children’s main streaming approach, ovvero di un approccio educativo per minori, che permetta di adottare, a livello di Governo centrale o locale, una valutazione dell’impatto sull’infanzia.

In particolar modo l’Unione Europea, chiede a tutti i paesi di fissare obiettivi quantitativi (basati sull’analisi delle cause della povertà minorile), di analizzare l’impatto delle politiche sulla povertà minorile e l’esclusione sociale, di monitorare la povertà e il benessere minorile (adottando un quadro di riferimento comune per analizzare e monitorare la povertà minorile e l’esclusione sociale), di rafforzare conseguentemente la capacità di realizzare analisi statistiche e di migliorare la governance e i sistemi di monitoraggio a tutti i livelli delle politiche nazionali, regionali e locali (Cfr. Ministero del lavoro e delle politiche sociali – ANCI – Cittalia, Le città ai margini Povertà estreme e governo delle aree urbane, 2010).

Anche in questo caso, per l’Italia, tale raccomandazione appare cruciale, in quanto l’adozione di una programmazione condivisa secondo i principi del metodo di aperto coordinamento tra governo centrale, regionale, provinciale e comunale, appare al quanto lontana e il quadro degli interventi locali in questo ambito è molto frammentario, sia per quanto riguarda gli strumenti di lettura dei bisogni che per quanto riguarda la rete dei servizi. E poi in Italia ancora non esiste un sistema universalistico di sostegno al costo dei figli e neanche un supporto mirato ai minori in famiglie povere, tranne che l’assegno del terzo figlio.

Nel 2016, però, è approdato, dal Governo, una nuova misura di contrasto alla povertà assoluta, mediante il cosiddetto Sostegno Alla Inclusione Attiva (SIA) che prevede l'erogazione di un beneficio economico (Carta SIA) alle famiglie in condizione di povertà, nelle quali almeno un componente sia minorenne oppure sia presente un figlio disabile, anche maggiorenne, o una donna in stato di gravidanza accertata. La famiglia che vuole godere di tale prestazione deve aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, sostenuta da una rete integrata di interventi individuati dai servizi sociali dei Comuni (coordinati a livello di Ambiti territoriali), in rete con gli altri servizi del territorio (i centri per l'impiego, i servizi sanitari, le scuole) e con i soggetti del terzo settore, le parti sociali e tutta la comunità.

Dal 1 gennaio 2018 il SIA è stato sostituito dal Reddito di Inclusione (REI), che presenta una misura di contrasto alla povertà più efficace, che non solo prevede un beneficio economico, erogato mensilmente tramite una carta di pagamento elettronica, ma prevede anche un progetto personalizzato, di attivazione e inclusione sociale e lavorativa, volto al superamento della condizione di povertà, predisposto dai servizi sociali del comune. Anche se le risorse stanziate sino ad oggi sembrerebbero insufficienti, queste prime misure di contrasto alla povertà potrebbero rappresentare un primo e vero passo, verso un sistema universalistico di contrasto alla povertà e, di conseguenza, di lotta per la liberazione della povertà minorile.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La povertà educativa e le azioni di contrasto. Il contributo della progettazione sociale nell'abito scolastico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Teresa Esposito
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze delle Politiche e dei Servizi Sociali
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Sabina  Licursi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

povertà educativa
cultura e povertà educativa
povertà minorile
povertà educativa in italia
progettazione sociale nelle scuole
povertà economica ed educativa
la scuola e povertà edutiva
l'importanza della progettazione sociale
la scuola come risorsa educativa
l'assistente sociale e la povertà educativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi