Skip to content

La Corporate social responsability e il ruolo del bilancio sociale

Le caratteristiche della Responsabilità Sociale nelle imprese italiane e le principali iniziative istituzionali

Per comprendere al meglio i tratti distintivi della responsabilità sociale all’interno delle imprese italiane è necessario effettuare preventivamente una analisi delle stesse imprese. Il tessuto economico italiano è rappresentato prevalentemente da aziende di piccole e medie dimensioni (le cosiddette PMI), in cui la struttura organizzativa è generalmente orientata al contesto famigliare e l’imprenditore non riveste esclusivamente il ruolo di finanziatore dell’attività ma è impegnato personalmente nella direzione e nell’organizzazione dell’impresa.

In una realtà simile, la responsabilità sociale è percepita come un fatto spiccatamente personale; le PMI non dispongono degli strumenti necessari ad implementare una corretta strategia di Corporate Social Responsability. Si potrebbe erroneamente pensare che la responsabilità sociale riguardi esclusivamente il modo di svolgere l’attività d’impresa, in realtà vi è molto più di questo: cospicui investimenti devono essere fatti per attuare i modelli di CSR in termini di personale, di risorse, strumenti di comunicazione, valutazione dei risultati. Fondamentale è il ruolo della comunicazione in quanto i valori perseguiti e gli obiettivi raggiunti devono essere necessariamente trasmessi ai molteplici interlocutori dell’azienda, consentendo in tal modo all’impresa stessa di trarre vantaggi in merito all’immagine, alle relazioni con gli stakeholders, alla stabilità e di conseguenza al profitto.

Le PMI, oltre all’aspetto finanziario, sono nettamente differenti rispetto alle macroaziende o multinazionali su cui sono stati studiati, presumibilmente, i modelli di RSI. Tali imprese, infatti, non presentano una struttura organizzativa ben definita e spesso non vi sono delle figure che ricoprono specifici ruoli e i rapporti con i dipendenti sono di natura personale o comunque vengono gestiti direttamente. Nelle PMI, la RSI viene considerata un’attività da sviluppare all’interno del contesto aziendale dato che non è presente una forte cultura della comunicazione, quindi le pratiche sociali sono scarse e poco frequenti. Si può affermare che la responsabilità sociale è diffusa in Italia, anche se ancora in via di formalizzazione, ma nello specifico delle PMI essa non viene considerata, ancora, un fattore strategico.
I diversi metodi utilizzati dalle aziende italiane possono essere classificati in cinque categorie, secondo uno studio effettuato dall’Università Bocconi. Questa classificazione considera due aspetti quali l’intensità del fenomeno e la qualità delle pratiche e dei comportamenti aziendali, in base ai quali si distinguono le imprese coesive, multi-certificate, consapevoli, mobilitabili e scettiche.

Le imprese coesive sono caratterizzate dal più elevato livello di impegno sociale, svolgono l’attività orientandola ai valori di fondo che caratterizzano la cultura aziendale e implementano sistematicamente diverse iniziative. I progetti riguardano la valorizzazione dei dipendenti, creazioni di beni di valore sociale, iniziative al fine di migliorare il contesto territoriale, la convergenza verso un commercio equo solidale, lo svolgimento di attività socialmente utili durante l’orario di lavoro, la redazione di report di natura sociale al fine di trasmettere all’estero l’impegno assunto dall’impresa. La maggior parte delle aziende che fanno parte di questa categoria sono di media e grande dimensione. A livello geografico non sono state identificate grosse differenze, solo una maggiore concentrazione in Lombardia, Emilia Romagna e Toscana.

Nella categoria multi-certificate vengono inserite tutte quelle imprese caratterizzate da un maggiore interesse alle certificazioni di ogni fase del processo produttivo, anche su richiesta dei clienti stessi; interesse in parte giustificato da una intensa politica di comunicazione. Queste imprese presentano diverse dimensioni, ma la maggior parte sono medie o grandi realtà. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Corporate social responsability e il ruolo del bilancio sociale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Renzo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Giustino Fortunato
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Nadia  Oliva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi