Skip to content

Identità, futuro, tradizione: Sacca Fisola 2.0

Il Nuovo come opportunità, l'Antico come risorsa

Troppo spesso, quando ci si trova di fronte a situazioni in cui si deve necessariamente intervenire in un contesto urbanizzato e preesistente, si tende a considerare il vecchio come opportunità per mettere in luce il nuovo. Così facendo, l’esistente assume il carattere di pretesto, pretesto in cui il nuovo deve quasi necessariamente affermarsi. Il processo seguito nel progetto invece, ha preso la direzione opposta.

Il rapporto con l’antico è stato gestito e visto come opportunità, più che come pretesto: opportunità per garantire alla città funzioni necessarie e richieste dagli abitanti, opportunità per migliorare gli edifici presenti dal punto di vista gestionale e donar loro nuova vita. In senso ampio, il rapporto fra il nuovo e l’antico è stato sviluppato secondo 2 differenti accezioni.

Da un lato infatti, la progettazione del Nuovo è relazionato all’antico dal punto di vista tipologico e insediativo, riprendendo i caratteri basilari della città; dall’altro si esplicita in un rapporto fisico diretto fra nuova costruzione, fra modifica/aggiunta ed edificio esistente, in un contesto in cui la disciplina del restauro si pone al limite della sua applicazione, con le complicazioni etiche e formali che questo comporta.

Il rapporto tipologico si è basato sulla reinterpretazione di alcuni elementi insiti nella tradizione della città e che sono dettati dal topos, dal luogo in cui stiamo operando.

Infatti, al pari dell’intervento portato a termine da Gino Valle nella vicina Giudecca, l’alta densità abitativa, l’introversione delle abitazioni, i fronti puliti, netti e compatti, la presenza delle altane, il sistema costruttivo in muratura portante ecc sono elementi che vengono reintrodotti nel progetto in modo ammiccante ma non imitativo. Nella tematica invece strettamente fisica, ruolo fondamentale ha svolto la comprensione della storia di questo luogo.

Attraverso la comprensione della genesi degli edifici, della loro storia e della loro origine, si è potuto comprendere il motivo per il quali essi devono essere conservati, nonché i caratteri fondamentali che li denotano come edifici storici e che pertanto non possono essere persi. Se perso il carattere dell’edificio infatti, ne viene persa la sua identità e di conseguenza perde senso l’intervento conservativo.

Di conseguenza, in determinate situazioni, la stratificazione del nuovo sul vecchio è stata resa evidente mediante strategie apposte, mirate non all’esaltazione del nuovo in quanto tale, ma anzi in segno di rispetto verso il vecchio: la stratificazione degli interventi potrà infatti permettere un domani alle generazioni future di riconoscere il nucleo edilizio originario.

Illuminante è la massima di Viollet, che, seppur legata alla disciplina del restauro, si può considerare come traccia portante che ha caratterizzato le scelte eseguite nell’ambito della conservazione:
“Restaurare un edificio è ripristinarlo in uno stato di completezza che può non essere mai esistito in un dato tempo [...]. se l’ Architetto deve conoscere le forme, gli stili propri e la scuola da cui l’edificio è uscito, deve ancor meglio conoscerne la struttura, l’autonomia, il suo temperamento....perché prima di tutto bisogna lo faccia vivere.”

A seguito, si farà una disamina puntuale delle tematiche affrontare, corrispondenti alle porzioni di progetto. La ricerca bibliografica e teorica ha costituito elemento essenziale di supporto e spunto per ogni fase della progettazione. Le tematiche, seguendo l’ordine morfologico e topografico in cui si susseguono, riguardano il fronte Nord e la spina centrale che porta alla piazza, e nello specifico sono:
1. la residenza contemporanea;
2. la casa dello studente;
3. la casa a patio;
4. rigenerazione urbana e conservazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Identità, futuro, tradizione: Sacca Fisola 2.0

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Piacentini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università IUAV di Venezia
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura per il Nuovo e l'Antico
  Relatore: Pierantonio  Val
Coautore: Camilla Pozzani, Andrea Zubelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi