Skip to content

Implementazione di un sistema integrato di gestione del rischio clinico nelle aziende sanitarie

Responsabilità professionale in ambito penale

L’art. 27 della Costituzione afferma che la responsabilità penale è personale. Significa che ognuno risponde penalmente dei propri comportamenti e non del fatto di altri. Lo stesso articolo afferma che l'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva che interviene dopo essere stati condannati in 1° grado, in Appello e poi in Cassazione.
Il diritto penale è l'insieme di norme giuridiche attraverso cui lo Stato proibisce determinati comportamenti umani considerati illeciti, mediante la minaccia di una sanzione. La necessità della società di ricorrere al diritto penale è la salvaguardia della società dalla reiterazione materiale dei reati che renderebbe impossibile la convivenza sociale. Il reato è quel comportamento umano che si attua mediante azione od omissione e per il quale l’ordinamento giuridico stabilisce come sanzione l’applicazione di una pena.

Le pene previste dal nostro ordinamento sono di due tipi:
* pene pecuniarie, che consistono nel pagamento di una somma allo Stato (multa, ammenda)
* pene detentive, che consistono nella privazione della libertà personale (arresto, reclusione, ergastolo).

Nel reato sono presenti un elemento oggettivo e uno soggettivo.
-> Nell’elemento oggettivo si distinguono la condotta, il danno e il nesso di causalità:
* la condotta: la condotta del soggetto attivo del reato che può consistere in un’azione o in un’omissione. Prende il nome di condotta commissiva se il soggetto fa qualcosa che non avrebbe dovuto fare, di condotta omissiva se non fa qualcosa che avrebbe dovuto fare
* il danno: è il risultato dell’azione o dell’omissione, cioè la conseguenza della condotta del soggetto
* il nesso di causalità: è il rapporto necessario che deve intercorrere tra la condotta e danno.

-> L’elemento soggettivo del reato (anche detto elemento psicologico del reato) è il motivo che spinge l’autore a commettere un reato. Infatti per compiere un reato non è sufficiente che il soggetto commetta un fatto, ma occorre che questo fatto gli appartenga psicologicamente.23 A seconda della volontà del soggetto il fatto può essere distinto in doloso, colposo, preterintenzionale:
* doloso vuol dire che il soggetto ha agito volontariamente
* colposo vuol dire che non vi era la volontà di compiere un determinato fatto-reato, che però si è verificato ugualmente. Viene detta colpa soggettiva se nasce da negligenza, imprudenza o imperizia (la negligenza è la scarsa attenzione, la superficialità, lo scarso impegno nel proprio operato, l’imprudenza consiste nella realizzazione di una attività non accompagnata da cautela laddove l’ordinaria esperienza ne suggerisce l’uso, l’imperizia è la mancata conoscenza delle tecniche da esercitare).
Si parla invece di colpa oggettiva (art. 43 c. p.) in caso di inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline (per esempio mancata osservanza di linee guida, protocolli, ecc.)
* preterintenzionale significa letteralmente “oltre l’intenzione” e dal punto di vista giuridico si verifica quando il soggetto parte con l’intenzione dolosa di commettere un certo tipo di reato, che ha un certo articolo di legge, ma poi ne ottiene un altro, che ha un altro articolo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Implementazione di un sistema integrato di gestione del rischio clinico nelle aziende sanitarie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Ferrarini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master universitario di 1° livello in Infermieristica Forense
Anno: 2017
Docente/Relatore: Bugiolacchi Leonardo
Istituito da: Università degli Studi di Roma “Unitelma Sapienza”
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

responsabilità professionale
risk management
rischio clinico
gestione del rischio clinico
errori sanitari
sicurezza delle cure
eventi avversi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi