Skip to content

Icefish, i pesci che persero i globuli rossi

Effetti dell’NO sul sistema cardiocircolatorio

L’Ossido Nitrico (NO) è un radicale libero di azoto considerato per decenni un gas altamente inquinante ma recentemente riconosciuto come un importante mediatore biochimico, in grado di influenzare profondamente la fisiologia degli organismi viventi.
Oggi si ritiene che l’NO possa aver contribuito allo sviluppo di molti dei caratteri distintivi degli Icefish (e.g. albero vascolare molto sviluppato e cellule muscolari ricche di mitocondri), ottimizzando così l’attività respiratoria cellulare di questi animali e quindi la sintesi di ATP.

Conosciuto da molto tempo come potente vasodilatatore miorilassante (Furchgott and Zawadzki 1980; Ignarro et al. 1987; Palmer et al. 1987), l’NO è in realtà una molecola altamente reattiva multifunzionale in grado di diffondere liberamente attraverso le membrane biologiche per raggiungere gli opportuni bersagli (Malinsky et al., 1993).

La biosintesi dell’NO può avvenire attraverso due meccanismi: per ossidazione sequenziale dell’aminoacido L-arginina e per conversione dei nitriti (NO2-) a NO.

In presenza di deossiHb, gli eritrociti sono un importante sito di sintesi dell’NO a partire dai nitriti; tuttavia, anche la Mb lo è, funzionando da riduttasi del nitrito (Shiva et al., 2007) anche in Icefish come il C. hamatus che manca di Hb.

La biosintesi dell’NO dai nitriti è un meccanismo protettivo importante in condizioni ischemiche, poiché la generazione di NO da L-arginina da parte degli enzimi NOS dipendente dall’Ossigeno risulterebbe inibita in assenza di totale mancanza di afflusso di sangue a un organo.

Fu Jensen (2007) a verificare per la prima volta nei pesci che l’accumulo di NO2- attraverso le branchie degli zebrafish causava rilevante produzione di NO dal nitrito.
Gli Zebrafish sono stati esposti a livelli crescenti di nitrito (come NaNO2 disciolto nell’acqua ambientale) per tempi variabili, riscontrando corrispondenti valori crescenti di NO. La quantificazione dell’NO è stata realizzata indirettamente con spettrometria usando l’HbNO come biomarcatore dell’NO.

Il nitrito non è solo sorgente di NO ma agisce anche come molecola di segnalazione, esercitando azioni inotropiche specifiche della specie, come dimostrato da valutazioni comparative della prestazione del cuore di C. hamatus (Hb-/Mb+), Anguilla anguilla a sangue rosso di area temperata e di Rana esculenta.

In condizioni basali il nitrito induce inotropismo negativo nell’anguilla e nella rana (Vs/Ws decrescente nella Figura 16; Ws=Lavoro cardiaco), mentre nel C. hamatus agisce come inotropo positivo (Vs/Ws crescente).
La biosintesi dell’NO a partire da L. arginina è catalizzata da specifici enzimi noti complessivamente come NOS (NO-sintasi o sintetasi).

Studi di Amelio et al (2006), Pellegrino et al. (2004) e Garofalo et al. (2009), rispettivamente sul cuore di C. hamatus (Hb-/Mb+) e T. bernacchii (Hb+/Mb+), di C. hamatus e di C. aceratus (Hb-/Mb-) e T. bernacchii, hanno mostrato in dettaglio, mediante immulocalizzazione, l’espressione delle NOS sia nelle specie antartiche a sangue rosso sia negli Icefish.
Le analisi hanno permesso di riconoscere la presenza di due diverse isoforme enzimatiche: l’Ossido nitrico sintetasi endoteliale (eNOS) e la sintetasi inducibile dell’Ossido Nitrico (iNOS).
La tabella mostra la distribuzione delle due isoforme enzimatiche nel ventricolo cardiaco delle tre specie analizzate. Risulta evidente una più ristretta localizzazione dell’iNOS, dato presente esclusivamente nei miocardiociti ventricolari; in essi l’NO generato sembra agire come fattore di regolazione sia della respirazione mitocondriale (Giulivi 2003; cfr. riferimenti bibl. 1) sia della contrattilità miocardica (Tatsumi et al. 2000; cfr. riff. bibl. 1).

A conferma di quanto sopra, studi condotti sul cuore isolato delle tre specie precedentemente indicate hanno mostrato effetti contrattili opposti indotti da NO (Garofalo et al. 2009), con evidente effetto inotropico positivo nelle due specie di pesci-ghiaccio, il C. hamatus e il C. aceratus - più evidente nel C. aceratus - e significativo effetto inotropico negativo nella specie a sangue rosso (T. bernachii) 20. Inoltre è stato osservato che mentre nel C. hamatus gli effetti contrattili indotti dal NO erano cGMP-dipendenti, sia nel T. bernacchii sia nel C. aceratus erano cGMP-indipendenti. Allo stato attuale della ricerca le possibili spiegazioni di queste differenze non sono note.

Come anticipato all’inizio di questo paragrafo, sul sistema NO sono stati condotti molti studi che ne hanno dimostrato la profonda importanza in un ampio spettro di ruoli nel Regno animale.
In funzione di questo, ci si attende (cfr. Garofalo et al., 2009) una revisione di alcuni modelli a lungo mantenuti per la biologia degli Icefish, nel contesto dello scenario dischiuso dalla biochimica e fisiologia del NO.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Icefish, i pesci che persero i globuli rossi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Ludovica Toraldo Serra
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: UNICAL
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Biodiversità e Sistemi naturali
  Relatore: Filippo  Garofalo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biodiversità
ossido nitrico
icefish
pesci ghiaccio
chionodraco
thunnus albacares

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi