Skip to content

Occultismo, potere, tesori nascosti e magia d'epoca nazista nel racconto Verwandlungen di Kurt Schwitters

Le radici dell'antisemitismo: tra credenze e riti esoterici

Quali furono le idee che spinsero Hitler a progettare il genocidio di un popolo? Quali le radici dell’arianesimo e dell’odio razziale? E poi, riflettiamo un attimo … quant’è imperscrutabile il mistero della vita e quanto è piccolo l’uomo che, quale granello di questo mistero, su un piccolo pianete roteante dell’infinito universo, tenta da sempre di andare alla scoperta del principio della vita e di dare le più geniali e bizzarre spiegazioni a quei fenomeni che stanno al di là della sua portata umana?...

Pertanto, culti, credenze e religioni hanno sempre spinto gli uomini a riunirsi in gruppi e associazioni che hanno elaborato rituali di venerazione, o pratiche magiche per richiamare delle energie cosmiche. L’arianesimo e il fascino della magia nutrito da Hitler e dalla sua cerchia di fedeli, mi ha indotto a ricercarne un po’ le origine, a leggere ciò di cui vari autori ci hanno informato grazie ai loro scritti.

Un buon excursus della compagine mistica che condusse al nazismo è quella fornita da Gary Hyland nel primo capitolo del suo testo I Segreti Perduti della Tecnologia Nazista. Hyland pone le radici del suo racconto nell’Inghilterra vittoriana del 1867, dove Robert Wentworth Little fondò la Società rosicruciana inglese. Nonostante fosse necessario mantenere la segretezza, i membri della Società, che aveva lo scopo di studiare e interpretare la scienza arcana, cercavano sempre di restare in contatto con i membri delle stesse società estere per tenersi aggiornati sui rituali praticati.

Nel 1875, tuttavia, un altro gruppo mistico si diffuse in Gran Bretagna ed in tutta Europa, mettendo in ombra i rosicruciani: i teosofi. La teosofia si presentava come una sintesi di molte religioni, «un prodigioso cocktail di “buddismo esoterico”», offriva «l’istituzione di una “fratellanza universale” dell’uomo” e una gerarchia di maestri segreti». La cofondatrice di questo gruppo era la benestante russa Madame Elena Blavatskij, che dopo aver compiuto un viaggio in Oriente sostenne di avere sviluppato capacità telecinetiche. In Germania la teosofia deviò in senso nazionalistico il suo originale percorso diventando “ariosofia”. In Germania queste associazioni cominciarono a rappresentare lo spirito di un popolo profondamente deluso dal Kaiser. Lo spirito antisemita fu esplicitamente dichiarato da un ex monaco cistercense Adolf Josef Lanz, che nel 1905 assunse l’immaginario e aristocratico titolo di Joerg Lanz von Liebenfels.

Questi pubblica un periodico antisemita, Ostara, incentrato sulla spiegazione degli antichi miti ariani, propagandando l’idea dell’ebraismo quale causa dei mali della Germania e del mondo. Altro asse portante della sua dottrina razziale era l’idea di «un’energia psichica universale» incarnata dal prototipo ariano biondo, con gli occhi azzurri. Di conseguenza tutti gli altri gruppi razziali «dovevano essere “epurati” e offerti in sacrificio agli dei pagani creatori e protettori degli ariani».

Inoltre, von Liebenfels tentò di spiegare, nella pubblicazione Theozoology, le differenze razziali secondo una prospettiva evoluzionistica. Ben presto, acquistato un castello prospiciente il Danubio, cominciò a riunire lì un gruppo di seguaci per formare l’Ordine dei Nuovi Templari, issando una bandiera con il simbolo della svastica. Nel 1909 Hitler visitò il castello alla ricerca dei vecchi numeri della rivista Ostara. Inoltre, si pensa che anche il futuro capo delle SS facesse parte del gruppo e che per i rituali svolti nel suo Ordine Nero avesse ripreso le pratiche di Ostara.[...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Occultismo, potere, tesori nascosti e magia d'epoca nazista nel racconto Verwandlungen di Kurt Schwitters

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Toscano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lingue e culture europee, euroamericane e orientali
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Renata  Gambino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

occultismo
bunker
mago
merz
kurt schwitters
oro nazista
kalanag
helmut schreiber
verwandlungen (metamorfosi)
energia vril

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi