Skip to content

Il CAmbridge Neuropsychological Test Automated Battery (CANTAB) per la diagnosi preclinica dei disturbi cognitivi dell'adulto

La demenza frontotemporale

La demenza fronto-temporale (FTD) è una sindrome caratterizzata da degenerazione circoscritta dei lobi prefrontali e temporali anteriori. La manifestazione più comune è una grave alterazione della personalità e della condotta sociale, caratterizzata da inerzia e perdita di iniziativa o disinibizione sociale e distraibilità, con funzione mnestiche relativamente preservate.

I test del CANTAB sono stati utilizzati in uno studio condotto da Rahman del 2006 in cui veniva somministrato il Ritanil a otto pazienti con FTD. Il Ritanil è un farmaco efficace nel “normalizzare” il comportamento decisionale dei pazienti, in modo tale da renderlo meno rischioso. I test usati in questo studio erano il Pattern Recognition Memory (PRM), lo Spatial Span (SSP), l’Intra/Extra Dimensional set shifting (IED), lo Spatial Working Memory (SWM), lo Spatial Recognition Memory (SRM), il Cambridge Gamgling Task (CGT) - specifico per la valutazione dei comportamenti a rischio - e il One-Touch Stockings of Cambridge (OTS). Il CGT è un task che simula un reale processo decisionale: diverse possibilità di scelta, associate a conseguenze più o meno vantaggiose. Le probabilità di vincere o di perdere sono rese esplicite dal rapporto tra caselle rosse e blu. L'attività richiede ai partecipanti di decidere se uno stimolo sarà nascosto dietro una scatola rossa o una scatola blu. Ai partecipanti viene quindi chiesto di scommettere una parte dei loro punti a sostegno della decisione.

Al test CGT i pazienti con demenza frontotemporale assumevano più rischi nella scommessa rispetto ai controlli. Somministrando una singola dose (40 mg) si è visto che il Ritanil è efficace per riportare nella norma i processi decisionali dei pazienti con demenza frontotemporale, anche se non ci sono stati effetti significativi su altri aspetti della cognizione, tra cui la memoria di lavoro, lo spostamento dell'attenzione e l'apprendimento.
La Demenza Fronto-Temporale rappresenta la classificazione diagnostica di sindromi molto eterogenee, accomunate a livello istopatologico da un interessamento dei lobi frontali e temporali, il cui più comune correlato neuropatologico è la deposizione di corpi di Pick.

Il gradiente prevalentemente frontale versus temporale della neurodegenerazione si accompagna a correlati clinici e cognitivi distinti, rappresentati rispettivamente da una sindrome a espressione comportamentale e neuropsichiatrica, con declino delle funzioni esecutive quali flessibilità cognitiva, memoria di lavoro, e pianificazione, e da una sindrome a espressione corticalmente “posteriore” con deficit del linguaggio e della memoria semantica (Rahman et al, 1999). Le misure neuropsicologiche classiche di attenzione, memoria, linguaggio e funzioni esecutive non mostrano sufficiente capacità di differenziare la demenza fronto-temporale e la malattia di Alzheimer.

Studi con la batteria CANTAB condotti su pazienti bvFTD hanno permesso di chiarire ulteriormente le funzioni cognitive maggiormente interessate dal declino, in stretta relazione con substrati neurali specifici all'interno della corteccia prefrontale. Benchè tipicamente i deficit a carico delle funzioni esecutive comportino un deterioramento nelle capacità di memoria di lavoro spaziale, le prestazioni dei pazienti bvFTD al test Spatial Working Memory della batteria CANTAB non hanno fatto registrare punteggi deficitari rispetto ai controlli sani, a differenza di quanto avviene nel medesimo test per i pazienti con malattia di Parkinson.

Il risparmio della memoria di lavoro spaziale nei pazienti bvFTD, a fronte di un marcato deficit a carico della presa di decisione, può essere spiegato dalla differenza anatomica delle regioni prefrontali coinvolte: mentre le sezioni ventro-mediale ed orbito-frontale – base anatomo-funzionale delle abilità di presa di decisione - sono particolarmente affette dalla neurodegenerazione in questi pazienti, le regioni dorsolaterali – determinanti per la efficienza della working memory- sono relativamente risparmiate. Ciò vale anche per le rispettive proiezioni con le regioni dello striato e i network fronto-sottocorticali specifici (Rahman et al, 1999).

Lee et al. nel 2003 hanno esaminato la funzione mnestica dei pazienti con demenza frontotemporale somministrando il Delayed Matching to Sample (DMS) e il Paired Associates Learning (PAL). Le loro prestazioni sono state poi confrontate con quelle di pazienti con malattia di Alzheimer descritte da Swainson et al. (2001). Mentre i pazienti con demenza di tipo Alzheimer hanno mostrato difficoltà in entrambi i test, la performance di quelli con demenza frontotemporale non era significativamente peggiore di quella dei controlli.

Questi risultati confermano che i test di memoria episodica, soprattutto per la posizione degli oggetti nello spazio, possono essere utili nella diagnosi precoce e per differenziare la demenza frontotemporale da quella di tipo Alzheimer. L'uso combinato dei due test, infatti, potrebbe chiarire la natura della demenza: se un paziente ha difficoltà nello svolgere i test, questa potrebbe suggerire che la demenza non è frontotemporale ma anzi potrebbe essere di tipo Alzheimer; se invece la prestazione è pari a quella dei controlli, allora la demenza di Alzheimer va esclusa ed è possibile che si tratti di demenza frontotemporale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il CAmbridge Neuropsychological Test Automated Battery (CANTAB) per la diagnosi preclinica dei disturbi cognitivi dell'adulto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giada Tanaceto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica e della Salute e Neuropsicologia
  Relatore: Lucilla  Parnetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alzheimer
deficit cognitivi
parkinson
malattie neurodegenerative
test neuropsicologici
funzioni cognitive
test computerizzato
cantab
fase preclinica
fase precoce

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi