Skip to content

Il velo tra moda e sicurezza

Stilisti “islamcool” tra Oriente ed Occidente

La tendenza al look islamico sembra ormai esplosa ed inarrestabile. Si sta assistendo ad una contaminazione tra più modelli. La moda occidentale è da tempo influenzata da indumenti tipici di alcune comunità musulmane; sempre più spesso si vedono in località balneari donne occidentali che indossano caftani marocchini o tuniche pachistane. I sari bengalesi in India sono indossati anche da cristiani ed hindu. I shalwar kamiz pachistani vengono utilizzati anche da altre comunità religiose come i sikh e gli hindu. In Africa occidentale, alcune donne musulmane indossano, in luogo delle tradizionali vesti nere lunghe, abiti colorati con ampi turbanti.

Un ottimo esempio di contaminazione tra Occidente ed Oriente è rappresentato dalle creazioni della stilista Mona Mohanna nata in un villaggio nel sud del Libano nel 1970 e madre di due bimbi.

Il 1 agosto 1989 si trasferisce in Italia, scappando dalla guerra in atto a Beirut, per frequentare la scuola di Progettista di Abbigliamento e successivamente si stabilisce a Milano, dove segue un master in Fashion Design presso la Domus Academy concludendo con una tesi sulla “Seduzione Controllata”, dove spiega il concetto di seduzione pudica per tutte quelle donne che vogliono esprimere la bellezza del corpo e non della nudità. La tesi viene pubblicata da una prestigiosa rivista del settore. Nel 1999 Mona esce con la sua prima collezione a Firenze. La stilista di origini libanesi in tutte le sue collezioni cerca di coniugare in modo nuovo e creativo lavorazioni e tessuti tradizionali del Medio Oriente e dell’Asia abbinando le esigenze, gli stili ed i gusti delle donne occidentali.

Attualmente ha uno showroom a Milano ed il suo brand viene venduto in 120 negozi italiani. La sua clientela è multietnica. La produzione dei capi d’abbigliamento e degli accessori viene sempre realizzata in Libano ed in Siria da collaboratori scelti personalmente in laboratori di cucito ubicati in zone svantaggiate. I tessuti utilizzati da Mona sono sete stropicciate con tinture artigianali, garze di lana tessute a telaio, perle di vetro soffiate e bottoncini cuciti a mano. Mona per le sue capacità nel 2002 vince il premio Ismu come imprenditore immigrato, nel 2006 riceve il “Premio Europeo Terziario Donna” dalla Camera di Commercio di Milano, nel 2009 partecipa al Convegno patrocinato dalla Commissione Pari opportunità Regione Veneto “Il confine del velo”, al Convegno Internazionale presso l’Università Cattolica “Ethical Fashion. Moda Critica” e alla prima edizione italiana della Fiera sulla Moda Etica, “Ethical Fashion Show”.

Un altro esempio di contaminazione arriva dall’atelier dello stilista turco Atil Kutoglu classe 1968 . La sua boutique ad Istanbul racconta le contaminazioni tra Oriente ed Occidente, Europa ed Asia. La sovrapposizione dei due stili crea atmosfere luminose e contemporanee con elementi di arredo moderni e ricercati di gusto internazionale ma al tempo stesso con oggetti ed elementi decorativi che appartengono alla cultura ottomana. Dalla sala che affaccia sulla strada, attraverso la vetrina, è possibile notare affisso al soffitto una riproduzione dei motivi di un antichissimo tappeto ottomano esposto nel museo della città.

Nella seconda grande sala, tinteggiata di bianco, galleggia al centro un grande scrigno a forma di cigno, bianco all’esterno e di ottone lucidato all’interno, che contiene una sfera luminosa rivestita di piume naturali, sintesi tra gesto minimalista ed il profondo Oriente. Atil nasce ad Istanbul nel 1968 e decide di trasferirsi a Vienna dove nel 1992 presenta la sua prima collezione. Atil è famoso per aver disegnato abiti a celebrità appartenenti a culture differenti aggiungendo sempre quel pizzico di ciò che sono le sue origini. Pertanto non deve sorprendere vedere le creazioni del designer turco indossate sia da Hayrunnisa Gül, moglie dell’ex presidente turco Abdullah Gül, sia da Naomi Campbell.

Non tutti gli stilisti musulmani puntano alla contaminazione delle due culture. Grandi designer islamici hanno messo a disposizione il loro talento per famose griffe, riuscendo addirittura a creare un loro marchio. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il velo tra moda e sicurezza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Luisa Fasulo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: relazioni ed organizzazioni internazionali
  Relatore: Gian Maria  Piccinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

velo islamico
copricapo
hijab
burqa
chador
niqab
islamic fashion
veli
khimar
shayla

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi