Skip to content

"Io trovo i miei versi intingendo il calamaio nel cielo": sentimento religioso e ispirazione poetica nella poesia di Alda Merini

Alda Merini: la «ragazzetta milanese» nata «a primavera»

La produzione religiosa femminile raggiunge l’apice della sua composizione anche grazie alla poetessa milanese Alda Merini (classe 1931), la quale, attraverso numerose liriche, “canta” il suo disperato bisogno di fede. Tutto inizia quando, a causa della Seconda Guerra Mondiale, l’adolescente Merini – non potendo iscriversi alle scuole medie per soddisfare il personale bisogno di studio – attraversa una vera e propria crisi nervosa, che si trasformerà ben presto in una crisi mistica, tanto che la «ragazzetta milanese», nata «a primavera», penserà addirittura di entrare in convento. Infatti, in una lettera del 1946 – intestata all’“Istituto S. Pietro Canisio di Riva San Vitale, Svizzera” – una suora, rispondendo ad una domanda fattale dalla giovane Alda Merini riguardo l’eventualità di una vocazione, la richiama alla prudenza e la invita a verificare se la sua “chiamata” è davvero così sentita. La religiosa, inoltre, chiede alla ragazza di riflettere anche sulle rinunce e i sacrifici che la vita monastica comporta.

Ma, forse, Alda Merini vede nel convento solo una possibilità di continuare gli studi per colmare le sue lacune ed è proprio per questo motivo che la scelta religiosa di questo periodo si fa via via più lontana, sebbene rimangono nelle sue poesie – sia passate sia future – frequenti tematiche mistiche.
Alda Merini, però, riesce comunque a trovare il “suo” convento in quello che è il circolo letterario di Via del Torchio e, così facendo, la poesia inizia a diventare la sua quotidiana, costante ed irrinunciabile preghiera, tanto che, di lì a poco, arriva la tanto attesa pubblicazione della prima raccolta poetica, La presenza di Orfeo (1953).

Ma negli anni a seguire qualcosa va storto: dopo l’uscita della sua quarta raccolta, dal titolo Tu sei Pietro (1962), i nuovi componimenti non ricevono più l’apprezzamento di un tempo e, a poco a poco, la Merini inizia ad allontanarsi da quella cerchia di amici e intellettuali in cui, fino a poco tempo prima, ne faceva parte. Sono anni intensi e duri questi; anni che metteranno alla prova il fragile equilibro della poetessa milanese che, a causa dei continui insuccessi professionali – accompagnati anche da problemi personali – tocca il fondo ed entra nell’ospedale psichiatrico «Paolo Pini» di Milano.

Durante il suo internamento la poesia è sospesa – così come la sua vita – e rimarrà sospesa per ben dieci anni. All’interno del manicomio, però, si risveglia in lei quel sopito sentimento religioso: l’esperienza infernale del ricovero la fa sentire vicina a Gesù Cristo, le permette di capire cosa ha provato il Messia sulla croce e la incoraggia a non mollare. Nonostante la “Passio Christi” vissuta, la poetessa – lentamente ma caparbiamente – torna alla vita ed una volta uscita dal manicomio riconsegna la sua voce alla poesia.

È il 1984 quando sposa in seconde nozze il poeta Michele Pierri, decidendo di trasferirsi con lui a Taranto: gli anni della cosiddetta «Taranto bella»44 le giovano e, proprio nell’‘84, viene dato alle stampe il suo indiscusso capolavoro, La Terra Santa, il cui titolo rimanda al conosciuto episodio biblico.
Ma anche qui, a Taranto, la Merini riscopre le fragilità psicologiche di un tempo: l’amato Michele Pierri muore e lei ripiomba indifesa in quel vortice di crisi violente che da sempre l’accompagnano. Decide, quindi, di tornare a Milano e cerca di recuperare in fretta le amicizie perdute. Sono anni di solitudine e silenzio poetico, che, però, non impediscono ad Alda Merini di tornare sulla scena letteraria: gli anni Novanta, in particolar modo, le regalano grandi soddisfazioni, permettendole anche di vincere ambitissimi premi. Nel 2000, con L’anima innamorata, decide di dare una svolta esclusivamente religiosa alla sua produzione poetica, tanto che inizia a scrivere una serie di poemi a carattere “mistico-sacrale” curati da Arnoldo Mosca Mondadori per l’editore Frassinelli.

Il flusso mistico-religioso della Merini, d’altronde, non si è mai interrotto – era già presente nelle prime raccolte liriche (si veda, ad esempio, Tu sei Pietro) – anche se solo negli anni Duemila emerge prepotentemente. La religiosità meriniana che ne viene fuori è ambigua ed originale al tempo stesso, poiché è dominata da un desiderio costante di fisicità e di amore carnale.
I personaggi religiosi – al contempo sorprendentemente umani – delle sue liriche (come Gesù, Maria e San Francesco) la accompagnano verso quelle che saranno le sue ultime raccolte poetiche e, soprattutto, verso gli ultimi anni della sua vita.
Una vita ricca e turbolenta insieme quella di Alda Merini, la quale, in seguito a un tumore causatole dalle sue amate sigarette – di cui non riusciva proprio a fare a meno –, si spegne il 1 novembre del 2009 all’ospedale San Paolo di Milano.
A nulla è valsa la proposta dell’amico Maurizio Costanzo di costruire una fondazione a suo nome dove poter conservare i documenti, le poesie e gli scritti della poetessa milanese: «Lei non vuole, vuole mantenere i suoi ricordi nel solaio nella sua vecchia, amata casa del Naviglio». E così è stato.

Questo brano è tratto dalla tesi:

"Io trovo i miei versi intingendo il calamaio nel cielo": sentimento religioso e ispirazione poetica nella poesia di Alda Merini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Di Pofi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Letteratura italiana, filologia moderna e linguistica
  Relatore: Rino Lazzaro Caputo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alda merini
raccolte cristologiche
fede e alda merini
misticismo in alda merini
poesia religiosa alda merini
ossimori nella poesia della merini
letteratura religiosa femminile
dimensione sacra merini
poesia e religione
anima-corpo in alda merini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi