Skip to content

La poetica della casualità in Film rosso di Krzysztof Kieslowsi

'Il Decalogo': dieci brevi film, dall'amore alla morte


Durante la lavorazione di Senza fine Kieslowski sta già pensando ad un film estremo, crudo, che parla della condanna a morte di un assassino. Piesiewicz, attratto dalla contraddizione del tema, propone al regista un' idea che lo ossessiona da anni: realizzare un film sul Decalogo, sui dieci comandamenti dell'Antico Testamento su cui anche gran parte della giurisprudenza si fonda. A Kieslowski la proposta piace e pensa di dirigere solo l'episodio Non uccidere, lasciando ad altri giovani registi i restanti episodi. Successivamente, nei diciotto mesi di stesura della sceneggiatura che scrive insieme a Piesiewicz, viene rapito dalla potenzialità delle dieci storie e decide di dirigere tutti e dieci gli episodi. Le sceneggiature vengono proposte alla Televisione Polacca, che le tiene bloccate per un anno prima dell'arrivo dell'approvazione definitiva del progetto da parte dei vertici.

Il finanziamento della Televisione di Stato è però troppo esiguo; Kieslowski allora decide di rivolgersi al Ministero della Cultura per realizzare due lungometraggi da due episodi del 'Decalogo' ('Il Decalogo' è costituito da dieci storie della lunghezza di circa cinquanta minuti l'una). Nascono così Breve film sull'uccidere e Breve film sull'amore. Complessivamente ci vollero cinque anni per realizzare il progetto dei dodici film, uno sforzo produttivo enorme per la Televisione Polacca e per il regista. 

Piesiewicz ebbe l'ispirazione al 'Decalogo' mentre si trovava nel Museo Nazionale di Varsavia, alla vista di un dipinto polacco del XIV secolo che raffigurava le Tavole della Legge. Nel dipinto si “raccontavano” i dieci comandamenti con dieci scene di vita quotidiana. In tutto questo risaltava la libertà espressiva dell'artista, che esprimeva la vita quotidiana del suo tempo, con le sue difficoltà e la crisi dell'uomo di fronte alla legge. Tutto questo senza enfatizzare il rapporto Dio-uomo, proprio come nel condominio dove si svolgono i dieci episodi del 'Decalogo'.

Un luogo per raccontare le vicissitudini dell'uomo, dove la caratteristica divina dei dieci comandamenti è a volte solo allusiva, per introdurci nel mondo tutto umano che  Kieslowski ci vuole raccontare. Dice lo stesso regista: “Non credo che i comandamenti siano la legge fondamentale della religione ebraico-cristiana. Per me sono solo dieci frasi, ben scritte, che cercano di regolare i rapporti fra la gente. E sono interessanti perché nessuna ideologia li ha mai messi in discussione. Quel che mi affascina, dei comandamenti, è che tutti siamo d'accordo sul fatto che siano giusti, ma al tempo stesso li violiamo, tutti i giorni. M'interessano perché consentono di indagare sulla doppiezza dell'uomo”.

Ciò che muove tutto il film è la volontà di capire il mondo è l'impossibilità di capirlo. Il dualismo tra l'osservazione esterna degli eventi della vita, la loro “casualità” e l'indecifrabilità dei rapporti umani che si muovono a volte irrazionali spinti dalla forza delle emozioni. È qui che assume significato “l'uomo del mistero”, il personaggio interpretato da Artur Barcis, che è presente in tutti gli episodi tranne che in uno, in quanto in fase di montaggio il regista polacco si rese conto che in quel contesto risultava fuori luogo. Un personaggio silenzioso che osserva; è presente, ma non interviene, testimone degli eventi drammatici dei personaggi. È l'incarnazione del mondo, degli altri, che si sfiorano senza fermarsi e che pure avrebbero potuto cambiare gli eventi. Il suo sguardo è a volte compassionevole a volte indifferente: presente ma assente. Non una presenza divina-terrena, ma semmai un frammento di Dio che è in tutti noi, secondo il pensiero spinoziano.

Perché avvengono determinati avvenimenti? Da questa domanda arriva la spinta degli uomini verso qualcosa di non-terreno, l'esigenza di un Dio giudice e motore della vita, per rifuggire all'idea del caos il ricercare a tutti i costi il perché è una trappola, niente dimostra che se le cose accadono ci sia necessariamente una finalità e soprattutto che ci sia bisogno di questa per comprendere la vita. Come dice lo stesso Kieslowski: “in generale il “messaggio” dei dieci film, se esiste, è di cercare Dio in altre cose che vadano oltre Dio”.

Kieslowski e Piesiewicz descrivono una realtà fondata sulle relazioni interpersonali, dove ognuno e completamente esposto all'altro. Non è un caso se nel 'Decalogo' la cinepresa si sofferma spesso sugli scambi di sguardi. La “spiegazione” profonda della vita sta negli eventi in quanto catena infinita di concause di cui è impossibile risalire all'origine. Ed è da questo che nasce quello che noi chiamiamo “il caso”.

La realtà esiste dall'esperienza, conosciamo quello che ci circonda perché qualcuno ci dice che quel qualcosa viene chiamato in un certo modo. In questo modo un albero è un albero, una foglia è una foglia e l'amore è un sentimento. L'esperienza ci porta a riscrivere continuamente la realtà, e ogni volta il nuovo che nasce, si fonda sulle ceneri del concetto-pensiero precedente. I personaggi dei dieci episodi vengono portati da Kieslowski e Piesiewicz ad un punto di crisi, tanto da riconsiderare i loro valori. Una parte di loro muore e una parte nasce. E su questo principio che si muove tutto 'Il Decalogo': un percorso in continuo cambiamento. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La poetica della casualità in Film rosso di Krzysztof Kieslowsi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Nappi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Sergio Scavio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

krzysztof kieslowski
cinema
francia
juliette binoche
claudio nappi
il decalogo
irène jacob
jean-louis trintignant
la casualità
julie delpy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi