Skip to content

Alla ricerca del padre perduto

Il Padre Oggi

Siamo così giunti al padre odierno, "l'assente inaccettabile" di Risè, con la sua "evaporazione" per dirla come Recalcati, o "rarefazione", seguendo l'espressione di Zoja. Con tale termine l'autore vuole comprendere sia la frequenza con cui le donne allevano da sole i figli (regressione dell'uomo verso il maschio), sia la rarefazione dei riti di passaggio all'età adulta mediate da figure paterne autorevoli. Quello che sembra venire a mancare è un principio verticale, capace di costituire un modello per la crescita, a vantaggio di un principio orizzontale incapace però di innescare processi fondati sulla responsabilità.

L'effetto è quello di retrocedere sempre più verso la dimensione del branco, verso l'irresponsabilità. In passato i padri rappresentavano, nell'immaginario collettivo, la responsabilità ma, quando questa è venuta meno, la mente paterna, unitamente a quella della collettività, ha cominciato ad entrare in crisi e a smarrirsi, arrivando ad un "collasso psicologico". L'uomo moderno, anche se ancora intenzionato a costruire la paternità, a differenza dell'uomo appartenente all'antichità, non promuove la nascita psicologica del figlio come figlio e del figlio come padre all'interno della società: nell'ultimo paio di generazioni tutto è cambiato. L'immagine del gruppo famigliare tradizionale è quasi dissolto; nuovi assetti si sono venuti delineando – si pensi al progressivo aumento di divorzi e le inevitabili conseguenze psicologiche e sull'organizzazione di vita quotidiana dei figli – e compare quindi una diade prima sconosciuta: il padre con un figlio piccolo.

Nel caso estremo, ben esaminato da Zoja, i nuovi padri possono essere associati a una nuova stereotipia. Il padre attuale, in effetti, è frequentemente raffigurato giovane, bello, seminudo, in jeans e a torso nudo: è ridotto a corpo e quindi il ruolo paterno sembra sottolineare il passaggio a un accudimento primario del bambino. Tradizionalmente, nella società occidentale, che è quella in cui viviamo e quella in cui vive anche il resto del mondo a causa della globalizzazione, e che nel bene e nel male è una società patriarcale, il padre esercita la funzione di intervenire nell'educazione dei figli dopo la madre, insegnando loro come si sta nella società. Semplificando, in una fase cosiddetta primaria, il figlio è affidato alla madre, o a chi esercita quella che chiamiamo "funzione materna", che in questa fase accudisce fisicamente il bambino e si prende cura di soddisfare i suoi bisogni.

Il bambino, però, non può soltanto avere bisogni, desideri, istinti da soddisfare immediatamente, e nella fase secondaria, si inizia quindi a insegnargli la limitazione dei bisogni proprio per introdurlo nella società e nella famiglia, che è una micro-società. Zoja, in un'intervista rilasciata il 18 settembre 2012 a Elena Petrassi, ha dichiarato che per "funzione paterna" intende proprio la capacità di dire di "no", di limitarsi, di imparare la disciplina, che è un fatto tutto culturale che ben si addice alla figura paterna, anch'essa creazione artificiale. A tal proposito Giancarlo Trentini (2001), psicologo sociale milanese, ha fatto distinzione tra" codice affettivo paterno", le cui regole interne possono essere rappresentate dalla "normatività", "riconoscimento della competenza", "meritocrazia" e "verticalità gerarchica", e "codice affettivo materno", predominato da un principio di equivalenza fra tutti i membri di un gruppo famigliare, che sottende "protezione", "appartenenza", "orizzontalità". [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Alla ricerca del padre perduto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Alberti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Alberto Zatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 27

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

padre
figura paterna
antichità, mito e figura paterna
figura paterna e modernità
storia della figura paterna
evoluzione del padre
figura paterna dalla preisotria ai tempi moderni
padre perduto
padre di oggi
padre ritrovato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi