Skip to content

Attraverso lo schermo: le emozioni tra cinema e cervello

Una nuova esperienza cinematografica

Lo sviluppo tecnologico degli ultimi anni ha portato con sé la necessaria rivalutazione dell’esperienza cinematografica.

SmartTV, computer, tablet e smartphone sono i principali dispositivi che oggi consentono agli spettatori-utenti di guardare i film in qualsiasi momento della giornata e in qualsiasi posto si trovino. Se in passato vedere un film prevedeva una serie di passaggi obbligatori come recarsi in un luogo preciso, il cinema, a un orario preciso di proiezione, mettendosi in coda per acquistare il biglietto, oggi ciò non è più necessario: in viaggio, camminando, stando seduti sul divano o sdraiati nel letto, il nuovo spettatore può scegliere di guardare un film semplicemente impugnando un telecomando o il proprio dispositivo mobile.

In ambito accademico questa nuova prospettiva cinematografica ha portato con sé dubbi e paure. Così come per l’avvento del sonoro, del colore e del digitale, l’innovazione tecnologica ha indotto molti autori a definire questa svolta storica come la causa della fine del cinema.

Anne Friedberg nel saggio The End of Cinema: Multimedia and Technological Change sostiene che l’avvento del XXI secolo ha comportato una “drastica” trasformazione del cinema il quale, supportato da nuovi dispositivi «has become embedded in – or perhaps lost in – the new technologies that surround it»: l’abbandono del grande schermo a favore di quello utilizzato dai new media sembra segnare la fine del cinema.

Il regista Peter Greenaway aggiunge che non è il cinema in quanto medium comunicativo a essere in declino, bensì la forma cinematografica che ha dominato il XX secolo: il cinema classico. Egli sostiene che la specificità di questa tipologia di cinema consiste nel coinvolgere lo spettatore passivamente, immergendolo nel buio della tradizionale sala cinematografica. Per il regista, in relazione all’avvento della nuova tecnologia «cinema-as-a-medium is not dead, but because its dominant form is dead one should not use the word cinema to describe the new form that has appeared or the medium in which it has appeared».

Che sia corretto o meno definire questa nuova esperienza spettatoriale come cinematografica, una cosa è sicura: il cinema, uscendo dalla sala di proiezione, ha rimodulato i propri connotati e dato forma a qualcosa di nuovo. Le immagini cinematografiche viaggiano ora su nuove piattaforme, si possono trovare nei new media e comportano una visione su nuovi schermi e in nuovi luoghi; sembra evidente che il cinema di oggi sia ovunque e che, ben lontano dal suo declino o sparizione, stia espandendo i propri confini.

A tal riguardo Francesco Casetti ha approfondito l’analisi della nuova forma cinematografica in relazione alla sempre più frequente presenza dei film nella nostra quotidianità.

Egli definisce il Post-cinema come “cinema rilocato”, fuoriuscito dalla sala buia e approdato su nuovi devices, mantenendo però la solita portata emotiva che lo contraddistingue.

Secondo l’autore la rilocazione del cinema sembra muoversi in due direzioni distinte dando luogo a diverse esperienze spettatoriali: da una parte rende disponibile altrove ciò che si vuole vedere, dall’altra ricrea fuori dalla sala cinematografica le condizioni ottimali per la fruizione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Attraverso lo schermo: le emozioni tra cinema e cervello

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Denise Perego
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Teorie della Comunicazione
  Relatore: Andrea Pinotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi