Skip to content

Hoda Sharawi e il movimento internazionale delle donne (1919-1947)

Il ruolo dell’istruzione femminile tra gli anni Venti e gli anni Trenta

L’istruzione per le donne a tutti i livelli e in tutti i campi fu un obiettivo cardine del movimento femminista egiziano. Nessuna scuola secondaria statale per ragazze era esistita durante il dominio coloniale. Quindi, una volta raggiunta l’indipendenza, l’Unione Femminista Egiziana, appena costituitasi, si batté sin dal principio per la costituzione di scuole secondarie femminili. Per Badran:

Nel promuovere l’istruzione per le donne, le femministe hanno continuato il processo iniziato nel XIX secolo dallo stato egiziano, un processo troncato con l’occupazione coloniale. Se gli egiziani maschi soffrivano di una mancanza di istruzione statale, le donne egiziane erano state molto più svantaggiate dalle politiche di educazione coloniale. A causa della mancanza di scuole statali adeguate per le ragazze, quelle donne egiziane che avevano frequentato la scuola erano state generalmente istruite in istituzioni straniere (francesi, britanniche, americane, italiane e così via) che impartivano un’inculturazione occidentale. Durante l’occupazione coloniale Bahithat al-Badiyah e Nabawiyah Musa avevano avanzato richieste per l’istruzione secondo fini che erano contemporaneamente femministi e nazionalisti.


Il femminismo egiziano tentò di rimediare ai danni compiuti dall’occupazione britannica e lo stato, nel complesso, si mostrò sufficientemente attento alle proposte delle donne. L’Ufe si batté per l’istruzione femminile a tutti i livelli: primaria, secondaria e universitaria. Durante i suoi trentatré anni di esistenza questo obiettivo poté dirsi parzialmente realizzato. Nella primavera del 1923 l’Ufe tenne il suo primo incontro di massa e in quella sede le femministe vollero lanciare una petizione allo stato per fornire alle scuole secondarie per le ragazze lo stesso curriculum di quello offerto nelle scuole maschili. La richiesta fu presentata al Primo Ministro, insieme a una risoluzione dell’Iwsa realizzata al congresso di Roma del maggio 1923. Poco dopo, il ministro dell’Istruzione, Ali Mahir, informò Hoda Sharawi riguardo ai progetti per una scuola secondaria per ragazze. Aprì così la Scuola Secondaria per Ragazze Shubra nel 1925, trentasette anni dopo la prima scuola secondaria statale per ragazzi. Quattro anni dopo, le donne egiziane ottennero i loro diplomi di scuola secondaria per la prima volta dal 1907, quando lo aveva ottenuto, in misura eccezionale, Nabawiyah Musa.

Sempre nel 1925 accadde un evento, inerente il campo dell’istruzione, fondamentale per la storia egiziana: la conversione di un’università egiziana privata, creata durante l’occupazione coloniale, in un’istituzione statale ribattezzata Università Fu’ad I, intitolata al primo sovrano dell’Egitto indipendente. Lo statuto proclamò l’università aperta a tutti gli egiziani ma le porte furono chiuse alle donne. Tuttavia in quel 1925 il governo inviò un gruppo di donne in Inghilterra con delle borse di studio: Kawkab Hifni Nasif (sorella di Bahithat al-Badiyah), Hilanah Sidarus, Tawhidah ‘Abd al-Rahman, Anisah Naji, Habibah Iwis e Fathiyah Hamid entrarono nella facoltà di Medicina dell’Università di Londra. Le femministe spinsero per il diritto delle donne di entrare nell’Università egiziana e il rettore della stessa, ‘Ahmad Lutfi al-Sayyid e pochi altri dell’amministrazione, incluso il decano Taha Husayn, sostennero le loro richieste. Fu così che al-Sayyid permise a un piccolo gruppo di donne di immatricolarsi nel 1929. Quattro entrarono nella
facoltà di lettere: Suhayr al-Qalamawi nella Letteratura araba, Fatma Salim nei Classici, Zahirah ‘Abd al-’Aziz e Fatma Fahmi in Filosofia, Na’imah al-Ayyubi in Giurisprudenza. Al-Qalamawi avrebbe voluto studiare scienze, ma il decano britannico della facoltà di Scienze non acconsentì, ciò nonostante nel 1930 altre donne poterono accedere a questa facoltà298. L’Unione Femminista Egiziana, attraverso la propria politica e i propri canali di informazione, faceva una grande pubblicità a queste studentesse, sostenendo con vigore la battaglia per l’eguaglianza rispetto agli studenti maschi.

Le donne egiziane e il lavoro
Negli anni Trenta del secolo scorso la questione del lavoro retribuito assunse un ruolo centrale nella campagna femminista. Le donne egiziane della classe media, anche grazie all’opera dell’Ufe, avevano iniziato a diplomarsi presso le scuole secondarie statali e a laurearsi ed erano pronte a trasferirsi in nuovi posti di lavoro. Le donne della classe media rappresentavano una sfida assai minacciosa alla cultura patriarcale. Attraverso l’occupazione retribuita le donne potevano emanciparsi dal ruolo di semplici custodi del focolare domestico.

Come abbiamo accennato, negli anni Venti del secolo scorso, il Ministero dell’Istruzione nominò Nabawiyah Musa come ispettrice delle scuole femminili, ma ella interpretò quest’atto come una tattica per rimuoverla dalla posizione maggiormente indipendente di preside di una scuola, piuttosto che come una iniziativa che portasse le donne ad incarichi di alto prestigio; tuttavia, per Badran costituisce un importante precedente. Negli anni Venti del secolo scorso il Dipartimento della Salute Pubblica, che divenne un Ministero nel 1936, coinvolse anche le donne come ispettrici, specialmente nei servizi di assistenza materna e infantile.

Nel 1933 Hoda Sharawi chiese che le donne laureate fossero assunte dal governo, specialmente nei Ministeri dell’Istruzione e della Sanità Pubblica e raccomandava anche ai comuni di assumere delle donne. Dopo l’introduzione di alcune leggi sul lavoro per le donne nel 1933, l’Ufficio del Lavoro del Ministero degli Interni, sotto pressioni femministe, creò il nuovo ruolo di ispettrice delle lavoratrici nelle fabbriche e negli stabilimenti commerciali ingaggiando Na’imah al-Ayyubi per questa responsabilità. A metà degli anni Trenta, con la crescita dell’industria cinematografica egiziana e l’aumento delle importazioni di pellicole straniere, il Ministero degli Interni creò il ruolo di censore e assunse Zaynab Kamil, una donna, per occuparne il posto.

La nomina di una donna a censore del cinema sollevò obiezioni in Parlamento: il deputato ‘Abd al-Wahhab Muhammad Salim protestò affermando che le donne erano troppo emotive per questo incarico. Badran sottolinea come un censore donna potesse pronunciarsi su questioni di moralità pubblicale: nella cultura patriarcale erano gli uomini a decidere in materia.
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Hoda Sharawi e il movimento internazionale delle donne (1919-1947)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Proia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Storia e Società
  Relatore: Daniela Rossini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 284

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

benito
mussolini
egitto
ipazia
carrie
ester
lombardo
sharawi
hoda
catt

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi