Skip to content

Il colpo di Stato dei Quattrocento ad Atene. Metodi di attuazione e aspetti istituzionali

Terrorismo e intimidazione

Nell'organizzazione del colpo di Stato, insieme alla diffusione di propaganda antidemocratica e all'infiltrazione nelle istituzioni, gli oligarchi utilizzano le eterie per fiaccare la resistenza del demos tramite una brutale azione di intimidazione. I leader democratici e coloro che si oppongono alla congiura vengono sistematicamente assassinati, in un clima di palese impunità per i colpevoli:

[66, 2] E nessuno degli altri cittadini per paura faceva più opposizione, vedendo che i partecipanti alla congiura erano tanti; ma anche se qualcuno si opponeva, subito moriva in un modo opportuno e non si indagava sui colpevoli né si punivano i sospetti, ma il popolo se ne stava tranquillo ed era così atterrito che chi non subiva alcuna violenza già riteneva di fare un guadagno, anche se era costretto al silenzio.

L'unico personaggio assassinato citato da Tucidide è il demagogo Androcle, colui che in quel momento era alla testa del demos. Secondo lo storico, le ragioni dell'omicidio risiederebbero innanzi tutto nel suo rilevante ruolo politico, in secondo luogo perché “era stato fra i principali responsabili della cacciata di Alcibiade”. Queste circostanze sono simili a quelle dell'uccisione di Iperbolo, avvenuta a Samo negli stessi giorni: in ambedue i casi la vittima è un leader della fazione democratica, uccisa “con modalità e intenti da attentato terroristico”, segno che entrambe le morti sono da inserirsi nel medesimo progetto di sovvertimentodell'assetto democratico.

Il clima di intimidazione si completa con il già citato controllo da parte degli oligarchi degli interventi e delle decisioni dell'assemblea e del Consiglio dei Cinquecento e con il fenomeno del trasformismo politico: molti di coloro che sostengono la congiura provengono infatti dalle fila dei democratici, in primis gli stessi Pisandro, Frinico e Teramene, e ciò contribuisce a ingigantire le dimensioni della cospirazione agli occhi del popolo disorientato. Il trasformismo mina inoltre la fiducia fra i membri del fronte democratico, i quali “si avvicinavano l'un l'altro nutrendo reciproci sospetti di complicità in quei fatti”. Ciò è una delle principali cause che spiegano la mancanza di reazione popolare al colpo di Stato.

Quello della scarsa resistenza del demos è uno dei temi maggiormente dibattuti per le vicende del 411: Martha Taylor ad esempio, interpretando le parole di Thuc. VIII, 68, 4 “non era cosa da poco privare della libertà circa cent'anni dopo la caduta dei tiranni il popolo di Atene” in senso ironico, afferma che nell'Atene del V secolo non ci fosse un forte attaccamento alla democrazia, e ciò sarebbe dimostrato proprio dalla mancanza di reazione popolare di fronte aivari tentativi di affermazione oligarchica.

Come tuttavia sostiene Cinzia Bearzot, tale tesi può essere confutata analizzando la veemente risposta agli attacchi antidemocratici a Samo: a differenza di Atene, infatti, nell'isola dell'Egeo il tentativo di Pisandro e degli altri congiurati di instaurare un solido regime oligarchico è del tutto fallimentare. La sostanziale differenza con quanto avviene nello stesso periodo nella madrepatria è la presenza di una forte leadership democratica, su cui i soldati della flotta potevano fare affidamento: mentre ad Atene i membri più eminenti della fazione democratica vengono assassinati o ridotti al silenzio dalle eterie, lasciando il popolo sgomento e impossibilitandolo ad una reazione unitaria, a Samo si affermano leader come Trasibulo e Trasillo, che guidano la risposta dei soldati ateniesi e la successiva restaurazione della democrazia.

Dunque il trasformismo, il controllo della dialettica politica tramite l'infiltrazione di uomini nelle istituzioni e l'eliminazione dei capi democratici, senza contare le difficoltà belliche cheAtene stava vivendo in quel momento, hanno impedito una reazione efficace da parte della fazione democratica. Laddove questi fenomeni non hanno avuto luogo o hanno avuto una portata minore, come appunto a Samo, la risposta popolare è stata tempestiva e le trame dei congiurati non hanno avuto successo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il colpo di Stato dei Quattrocento ad Atene. Metodi di attuazione e aspetti istituzionali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Perucca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Francesca Berlinzani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

atene
democrazia
oligarchia
alcibiade
colpo di stato
tucidide
guerra del peloponneso
pisandro
antifonte
411

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi