Skip to content

Il ruolo dell'Infermiere nella Riabilitazione Cardiologica

Identificazione del paziente che necessita della Riabilitazione Cardiologica

Grazie ai continui progressi nelle tecniche operatorie, nella protezione miocardica e nelle cure perioperatorie si è assistito negli ultimi anni, in Italia, ad un significativo cambiamento della tipologia del paziente cardiopatico.

Tuttavia, se la progressiva riduzione della durata dell’ospedalizzazione ha diminuito in maniera considerevole il decondizionamento fisico, la degenza breve e orientata alla soluzione esclusiva del problema acuto, non consente un adeguato intervento di stratificazione del rischio residuo, che è invece in grado di realizzare la riabilitazione cardiologica, la quale consente di effettuare una valutazione funzionale e globale dell’individuo, e di attuare tutte le strategie terapeutiche ed educazionali per la ripresa di un buono stato di salute.

Infatti, qualche anno fa tali programmi venivano essenzialmente proposti a pazienti sopravvissuti ad un infarto miocardico non complicato ed avviati all’ attività fisica (che ricordiamo essere la componente principale dei suddetti programmi), in modo tardivo dopo l’esito acuto, adesso alcune strategie riabilitative sono state proposte con successo anche ai pazienti post IMA e post-angioplastica, altresì a coloro che hanno subìto un intervento di bypass aortocoronarico o di sostituzione valvolare, ed è stata particolarmente utile anche in pazienti con scompenso cardiaco cronico. (29) (30)

Risulta pertanto evidente che, questo nuovo contesto sanitario, abbia fatto si che le indicazioni alla cardiologia riabilitativa subissero importanti variazioni in rapporto all’evoluzione demografica e alla caratteristica dei pazienti. Da questa evidenza ne scaturisce la necessità di selezionare delle categorie per le quali il trattamento riabilitativo è da considerare non solo utile ma imprescindibile, e di valutare in modo sistematico nel singolo paziente anche le autonomie, la comorbilità e la deprivazione: gli indici come la scala Functional Independence Misure, l’ indice di Charlson e la Cumulative Illness Rating Scale, permettono di definire in modo oggettivo, adeguato e a priori, i pazienti da privilegiare nell’accesso alle strutture cardio-riabilitative. (31)

Il criterio principale per la selezione dei pazienti da avviare al percorso riabilitativo è il livello di rischio: sebbene si “favoriscano” i pazienti a rischio più elevato, risulta tuttavia necessario riformulare l’offerta riabilitativa, mettendo a disposizione anche per i pazienti a medio e basso rischio un servizio di riabilitazione che sia, seppur non di tipo ospedaliero ma ambulatoriale, altrettanto valido ed efficace.
Le Linee Guida Nazionali riportano le categorie principali alle quali si rivolge il percorso riabilitativo dove, per ogni classe di pazienti, verranno identificati quelli a più elevato rischio:
- pazienti sottoposti ad interventi cardiochirurgici;
- pazienti con recente sindrome coronarica acuta;
- pazienti con scompenso cardiaco;
- pazienti candidati o portatori di dispositivi (pacemaker, defibrillatore, ecc). (32) (33)

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'Infermiere nella Riabilitazione Cardiologica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Molinari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Carlo Vigorito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cardiologia
riabilitazione
infermiere
infermieristica
riabilitazione cardiologica
medicina interna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi