Skip to content

La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani

Il terrorismo transnazionale e i nuovi metodi di azione e reclutamento

Dopo, aver analizzato il terrorismo sotto il profilo storico, si è potuto diversificarlo per categorie, infatti, come già sostenuto nei paragrafi precedenti, vi è un terrorismo politico, uno nazionalista e uno fondamentalista. Questi anche se diversi tra loro, in quanto si basano su ideologie diverse, tuttavia, hanno alcune caratteristiche comuni, ossia l'utilizzo della violenza con lo scopo di sovvertire l'ordine interno al paese in cui si manifesta.

A partire dalla fine del vecchio millennio, il terrorismo è diventato una delle forme più importanti di lotta politica nella dimensione internazionale. Con la comparsa di questa nuova forma di terrorismo, sono emerse le prime difficoltà degli Stati nel gestirlo. Infatti ciò che si è potuto attestare è che il terrorismo interno si differenzia da quello internazionale, oltre perché si rivolge a soggetti diversi, anche perché gli strumenti di lotta del governo all'interno sono più efficaci di quelli che lo stesso governo può rivolgere all'esterno. L'internazionalizzazione del terrorismo è stata la conseguenza di un percorso che ha avuto inizio a partire dalla Seconda Guerra Mondiale, il cui teatro principale fu l'area mediorientale. In quest'ottica, ai fini della nostra analisi, ha particolare importanza il caso del terrorismo arabo-israeliano, in quanto le operazioni portate a compimento da quest'ultimo, nel tempo, hanno assunto un carattere internazionale.

Difatti, tale internazionalizzazione del terrorismo si manifesta, la prima volta, con l'attentato all'ambasciata statunitense a Teheran, durante la rivoluzione iraniana del 1979. Tale avvenimento fu la diretta conseguenza della Guerra Fredda, dell'atteggiamento assunto dagli Stati Uniti d'America, i quali sfruttarono le tensioni esistenti tra i vari movimenti islamici e l'URSS, con lo scopo di dar vita ad un'organizzazione la cui azioni sarebbero state dirette contro i sovietici, come avvenne. Dunque i servizi segreti degli Stati Uniti d'America con l'aiuto dell'Inter Service Intelligence Agency (ISI), al cui interno poteva contare su agenti pakistani e dell'Arabia Saudita, cominciò a reclutare guerriglieri algerini, egiziani, sauditi, sudanesi. Non tutto ciò che appare un successo, poi risulta esserlo, infatti ciò che al momento rappresentò un successo per la strategia saudi-americana, in realtà, in seguito segnò il primo passo per la creazione del terrorismo transnazionale.

Come si è potuto assistere nel corso degli anni, le organizzazioni musulmane militanti a livello internazionale, quali Hamas, Hezbollah, Jihad islamica, al Qaeda e, la più recente, Isis nel perseguire i loro intendi hanno utilizzato metodi violenti divenendo, così, il simbolo del terrorismo internazionale. Tali organizzazioni si basano su un'articolazione complessa e fortemente gerarchizzata, in cui le operazioni da portare a termine vengono pianificate accuratamente.
Pertanto, a tal fine, in vari paesi come il Pakistan, lo Yemen, l'Afghanistan, la Siria, vi è stata la creazione di campi d'addestramento, per il reclutamento di terroristi. All'interno di questi, bambini, adolescenti e adulti, provenienti da diversi Paesi e da differenti realtà sociali e culturali, vengono addestrati con corsi intensivi sul terrorismo.[...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Zaccagnino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Giulia Caravale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

human rights
counter terrorism
united kingdom
terrorism act 2000
anti-terrorism, crime and security act 2001
investigatory powers act 2016
counter-terrorism and security act 2015
justice and security act 2013
terrorismo nel regno unito
terrorismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi