Skip to content

La Famiglia: un soggetto economico

Sud Europa: il mix di bassa natalità e bassa occupazione femminile

Paradossalmente i paesi del Sud Europa, che per motivi religiosi e culturali, professano maggiormente il supporto al tradizionale ruolo di famiglia, fanno molto meno degli altri.

Opinione condivisibile con parte del cattolicesimo è la denuncia dell’assenza di una gamma di politiche family-friendly che includano l’accesso ai servizi di cura, l’integrazione tra orari di scuola e di lavoro, l’incoraggiamento del lavoro part-time.

Tutte politiche con importanti implicazioni per la relazione tra fecondità e partecipazione femminile, che continua a peggiorare, in contrasto con la restante Europa dove la compatibilità tra lavoro e nascite è cresciuta.

La situazione tipica dell’area mediterranea è quasi opposta a quella sinora descritta. Italia, Spagna, Portogallo e Grecia hanno un inefficiente sistema di asili pubblici, la cui funzione è prevalentemente sostituita dalle reti parentali, soprattutto i nonni.

La scarsa diffusione del part-time fa sì che le donne abbiano più difficoltà a trovare un lavoro compatibile con i tempi richiesti dallo svolgimento dei doveri di casa.

Se vi fossero più lavori part-time inoltre si potrebbe far fronte al problema della rigidità degli orari degli asili nido, invece si verifica che le donne sposate tendono a non lavorare, e se lo fanno è quasi sempre a tempo pieno e tale da non poter avere un gran numero di figli.

Tuttavia si è osservato che per la Spagna gli individui che sono disoccupati o lavorano part-time probabilmente ritardano la formazione di una famiglia, dato che conferma il condizionamento delle opportunità di lavoro sulla formazione di una famiglia.

Nel Sud Europa i congedi e gli assegni legati a maternità o paternità non sono così temporalmente lunghi come nella restante Europa, pertanto il rientro nel mercato del lavoro da parte delle mamme può essere più ostico.

Focalizzando il caso italiano, vi sono più forti rigidità nel mercato del lavoro e più imperfezioni del sistema pubblico di assistenza e cura dei bambini, il quale è obsoleto, poiché organizzato in un’epoca in cui la donna non era considerata nel mercato del lavoro, ma impegnata solo nelle mansioni domestiche.

Gli unici altri possibili impieghi femminili rientravano nel settore pubblico o nell’insegnamento.

Un altro fenomeno osservato in questa zona è il costante declino della natalità dalla metà degli anni ’80 del secolo scorso, che pare ancora più strano, essendo Grecia, Italia e Spagna i paesi tradizionalmente più fecondi.

Il “Southern model’’ mostra un basso livello di aiuti e la protezione sociale per la famiglia è molto più fornita dalla solidarietà familiare e parentale che dallo stato.

Di conseguenza l’erogazione bassa di servizi pubblici e di aiuti alla famiglia condiziona la donna nella scelta di lavorare o meno, scoraggiandola soprattutto per impieghi full-time.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Famiglia: un soggetto economico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elvira Ciociano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Floro Ernesto Caroleo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

famiglia
welfare
politiche sociali
becker
bargaining
conciliazione lavoro-famiglia
economia de lavoro
collective approach

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi