Skip to content

Disturbi alimentari e Alessitimia: studio empirico in un campione di adolescenti non referred

Aspetti neurobiologici correlati ai disturbi alimentari

I disturbi del comportamento alimentare (DCA), meglio descritti dal DSM 5 come Disturbi della nutrizione e dell'alimentazione, dal punto di vista eziopatologico, sono attualmente considerati come il risultato di aspetti multifattoriali interconnessi, in quanto fortemente influenzati da variabili individuali, familiari e socio-culturali che concorrono a creare le nostre abitudini alimentari e di vita. Tuttavia, in questo paragrafo affronterò più da vicino l'importanza del contributo biologico e genetico coinvolto nella loro manifestazione. In questo contesto, vengono distinti fattori genetici e biochimici.

I primi comprendono la vasta gamma di varianti geniche che conferiscono ad un individuo la vulnerabilità specifica allo sviluppo di un DCA; i secondi sono rappresentati dai neurotrasmettitori, neuropeptidi e ormoni periferici coinvolti nella regolazione del comportamento alimentare (Castaldo, Scognamiglio, & Monteleone, 2009). Numerosi studi evidenziano una frequenza significativamente più alta di AN e BN nei familiari di pazienti con diagnosi DCA rispetto ai familiari di soggetti sani. In particolare, è stata dimostrata una co-aggregazione dell’AN e della BN nei familiari di primo grado di sesso femminile di probandi con AN o BN, con un rischio relativo per l’AN pari a 11,3 e 12,3, rispettivamente, e un rischio relativo per la BN pari a 4,2 e 4,4, rispettivamente (Strober, Freeman, Lampert, Diamond & Kaye, 2000).

Questi dati ci permettono di elaborare considerazioni riguardo l'esistenza di geni specifici che predispongono i soggetti a sviluppare disordini alimentari. Tuttavia, abbiamo spesso precisato quanto questi disturbi siano, in realtà, il risultato dell'interazione di molteplici fattori e gli studi familiari appena citati, non distinguono tra la componente genetica e quella ambientale della trasmissione. Pertanto, l'attenzione dedicata ai gemelli monozigoti (MZ) e dizigoti (DZ) rappresenta un'alternativa valida ed efficiente per quantificare la differente influenza della componente genetica rispetto a quella ambientale nel determinismo di un tratto fenotipico. Le divergenze esistenti in una coppia di gemelli monozigoti (MZ) sono secondarie all’azione dei soli fattori ambientali, per cui prevale in questo caso la componente genetica.

Le differenze, invece, tra i DZ possono essere dovute sia a fattori genetici sia a fattori ambientali. Allo stesso modo, è stata evidenziata una concordanza maggiore tra AN o BN nei gemelli MZ rispetto ai gemelli DZ e, dunque, una rilevanza maggiore dei fattori genetici rispetto a quelli ambientali nella familiarità dei DCA (Thornton, Mazzeo & Bulik, 2011). Gli studi effettuati sui gemelli, infine, hanno esaminato non solo le componenti ambientali e genetiche, ma anche la rilevanza dei tratti fenotipici correlati con l’alterato comportamento alimentare come l’alimentazione incontrollata, il vomito autoindotto, la ricerca della magrezza e la restrizione alimentare evidenziandone un’elevata trasmissibilità (Thornton et al., 2011).

Si può, dunque, affermare che negli ultimi anni la ricerca scientifica e clinica ha orientato l'attenzione nei confronti della componente alimentare evidenziando la stretta connessione tra la sfera psichica e i meccanismi che regolano l'assunzione del cibo e, quindi, l'importanza fondamentale che riveste l'integrazione di entrambe le componenti per una complessiva ed esaustiva valutazione del problema. Il bilancio energetico viene controllato da un complesso insieme di sistemi fisiologici in equilibrio che forniscono segnali di sazietà e di fame al cervello e che regolano la capacità dell’organismo di consumare energia. La regolazione dell'assunzione di cibo rappresenta un equilibrio tra la fame (processo eccitatorio del bisogno di energia) e tra i processi inibitori di sazietà per porre fine al consumo alimentare (Braine, 2009). Il ricercatore G. C. Kennedy, propose per la prima volta la teoria del lipostato e chiamò in causa il Sistema Nervoso Centrale (SNC) il quale svolge un ruolo dominante di controllo dello stato metabolico, influenzando l’attività di altri sistemi e ricevendo informazioni da essi (Cuzzolaro, 2004). Nel SNC, i circuiti che controllano la presa alimentare, come molte altre funzioni omeostatiche, sono distribuiti in regioni celebrali differenti e, tuttavia, l'ipotalamo rimane una delle aree di maggiore interesse per la comprensione dell'assunzione di cibo (Castaldo et al., 2009).

Effettivamente, il cervello deve ricevere in qualche modo informazione sulla quantità di grasso accumulato da un individuo in modo tale da poter regolare il suo comportamento alimentare e la sua spesa energetica. Ma come fa il cervello a valutare la quantità di grasso presente nel corpo come depositi adiposi e di conseguenza come controlla che non scenda/salga al di sopra/sotto di certe soglie? (Cuzzolaro, 2004). L’ipotalamo è sottoposto ad un flusso continuo di segnali provenienti dalle aree cerebrali superiori e dalla periferia, dotati di azione oressizzante o anoressizzante, che lo informano in tempo reale circa le condizioni energetico-nutrizionali dell’organismo (Castaldo et al., 2009). Assume, dunque, un'importante funzione integrativa, fondamentale al fine di orchestrare una risposta equilibrata per il mantenimento dell'omeostasi energetica (Braine, 2009). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Disturbi alimentari e Alessitimia: studio empirico in un campione di adolescenti non referred

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Michilli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia clinica e tutela della salute
  Relatore: Silvia Cimino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anoressia
bulimia
dsm
trauma
tesi
adolescente
disturbo alimentare
alessitimia
post-traumatico
binge eating

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi