Skip to content

A scuola di salute mentale con il teatro

La percezione delle malattie mentali nella popolazione generale

Nel momento in cui ci si appresta a ricercare la presenza di programmi di sensibilizzazione sullo stigma associato alla malattia mentale, è fondamentale conoscere qual è lo stato attuale di conoscenze, quali le opinioni e gli atteggiamenti della popolazione riguardo alla malattia mentale. Ciò è stato possibile grazie ad una rilevazione, condotta negli istituti superiori italiani di nove regioni, così distribuiti:
il 43% al nord
il 34% al centro
il 21% al sud.

L’indagine è stata condotta attraverso la somministrazione di un questionario semistrutturato anonimo, il quale si proponeva di indagare l’immagine che gli studenti associano al concetto di persona affetta da malattia mentale, le conoscenze su tale argomento, le principali fonti di informazione e la vicinanza o meno di questi temi al vissuto quotidiano dei giovani. Le risposte rivelano una buona percentuale di studenti che segnala correttamente i nomi di alcune malattie mentali, un’altra buona percentuale però che ritiene erroneamente disturbi psichici malattie come AIDS, cirrosi, sclerosi multipla. Si rileva confusione anche riguardo all’eziologia della malattia mentale.

Tra gli atteggiamenti negativi spesso pregiudiziali va segnalato quello relativo alla pericolosità: sono molti quelli che ritengono che le persone con malattie mentali possano essere più violente e che il loro comportamento possa essere difficilmente anticipato. C’è un sostanziale accordo sulle capacità creative associate a malattia mentale e sul fatto che queste persone non dovrebbero essere isolate. Interessante è la valutazione sui livelli e le fonti di informazione: la maggior parte del campione si ritiene non molto informato e le poche informazioni che possiede provengono soprattutto da giornali e televisione; come è noto, però, tali notizie non vengono sempre filtrate attraverso una valutazione tecnica e scientifica corretta.

Il discorso su media e malattia mentale verrà affrontato con maggior precisione nel capitolo successivo.
Un’altra fonte importante di formazione/informazione viene individuata nella scuola. La richiesta di informazione viene dagli stessi giovani e certamente una migliore conoscenza può contrastare la diffusione di aspetti pregiudiziali e lasciar spazio a comprensione e costruzione di una nuova immagine culturale del malato psichico. Il Royal College of Psychiatrists ha commissionato nel 1998 un'indagine su un campione di 3000 intervistati, per stabilire quali affermazioni meglio si associavano a diverse patologie psichiatriche, tra cui depressione maggiore, attacchi di panico o fobie, schizofrenia, demenza, disturbi alimentari, alcolismo e dipendenza da sostanze.

Le affermazioni tra cui gli intervistati potevano scegliere erano: "Pericoloso verso altri", "imprevedibile", "difficile da contattare", "si sente diverso da te", "deve biasimare solo se stesso per la propria condizione", "potrebbe farcela solo se volesse", "non migliorerebbe mai, anche se trattato", "non guarirà mai".
La dipendenza da sostanze, l'alcolismo e la schizofrenia sono risultati i disordini associati a maggiore stigmatizzazione.

Per 2/3 degli intervistati i pazienti schizofrenici erano "pericolosi", il 50% riteneva che fossero "imprevedibili" ed un altro 50% li definiva "difficili da contattare". Una percentuale sostanzialmente maggiore di intervistati ha espresso opinioni positive a proposito di pazienti affetti da depressione maggiore, attacchi di panico, demenza e disturbi alimentari.
La categoria di intervistati che ha espresso pareri più negativi è stata quella dei giovani tra i 16 e i 19 anni, facendo, quindi, di questi ultimi, un potenziale bersaglio interessante per una campagna di corretta informazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

A scuola di salute mentale con il teatro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Bronzini Bedini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Vito Minoia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi