Skip to content

Il guscio della libertà

La sublimazione e l’aggressività

Se è la società a imporre le sublimazioni all’individuo, queste sono il risultato della repressione. La sublimazione può essere vista come posizione intermedia tra la repressione e la catena sciolta del principio del piacere. E’ un modo per soddisfare le esigenze dell’io senza che entri in gioco prepotentemente la repressione.

Come già detto la nostra civiltà è fondata sulla repressione degli istinti ed è innanzitutto progresso del lavoro; il lavoro fondamentalmente è non libidico e l’energia di cui necessita va sottratta agli istinti primari (sessuali e distruttivi). Non solo gli impulsi lavorativi ma anche i rapporti sociali contengono di questi impulsi. Così la sfera principale della civiltà si presenta come sublimazione che implica desessualizzazione.

Freud considera come sublimazioni dell’energia sessuale le operazioni spirituali più elevate come attività artistiche e scientifiche, visti come lavori che offrono soddisfazione libidica, ma nella sublimazione rientrano anche i legami sentimentali che tengono uniti i singoli membri di un gruppo culturale. Si possono segnalare due tipi di sublimazione: la prima, appunto non repressiva esemplificata in attività spirituali elevate, scienza e arte, la seconda è la sublimazione nel lavoro manuale che può essere fonte di soddisfazione libidica ma che tende a essere repressivo. Nelle formazioni culturali l’attività sessuale è desessualizzata, socializzata in forme di lavoro; si utilizza l’energia sessuale per una nuova realizzazione.

La psicoanalisi osserva la connessione dove “le più alte realizzazioni dello spirito sono in relazione con la repressione”. Il concetto di sublimazione pone quindi in relazione le attività culturali; costruzioni spirituali e sessualità, corpo e anima, individuo e società. La sublimazione cambia sia lo scopo che l’oggetto dell’istinto: “quel che originariamente era un istinto sessuale trova una realizzazione che non è più sessuale ma alla quale è attribuito un più elevato valore sociale e etico”. L’energia delle forze sessuali è quindi distolta dal fine sessuale e volta ad altri scopi di maggior valore sociale.
Le sublimazioni sono negazioni del corpo che contemporaneamente lo affermano poiché compiono la proiezione del corpo represso nelle cose.
Ma le sublimazioni non sono sufficienti per appagare.

Freud ammette che nella pura curiosità intellettuale c’è una certa repressione sessuale. Le più alte sublimazioni non costituiscono in realtà una via d’uscita dalla repressione. Non tutta la libido può essere sublimata: le sublimazioni sono incapaci d’appagare in modo completo. La desessualizzazione implica una componente di morte nella vita del corpo; per questo non potrà mai soddisfare l’istinto di vita. La sublimazione non risolve il conflitto.

Le restrizioni all’Eros finiscono coll’indebolire gli istinti di vita e così rafforzano e liberano le forze stesse contro le quali furono chiamate in campo, cioè le forze distruttive. La cultura esige sublimazione continua e l’Eros che ne è indebolito slega gli impulsi distruttivi. In questo modo sviluppandosi sotto rinunce progressive la civiltà tende all’autodistruzione. Il lavoro faticoso e alienato, ben difficilmente soddisfa le inclinazioni individuali. L’aggressività nasce perché la libertà resta rinchiusa nel corpo.

Domanda quindi ideale all’uomo sembra essere: ti senti espresso?
Del resto l’espressione è il vero darci vita, il vero sentir vivere l’interiorità elaborata, e più essa è elaborata e colma di libido più cerca sofisticherie e metodi e interfacce per uscire dal guscio del corpo e esternarsi. La difesa contro un’aggressività più forte dovrebbe rafforzare gli istinti sessuali; solo un Eros forte può legare efficacemente gli istinti distruttivi; solo un Eros forte può far fronte all’aumento di aggressività che deriva dal reprimere se stessi.

E questo è ciò che appunto la civiltà sviluppata non è in grado di fare, poiché proprio la sua esistenza stessa dipende da controlli.
Concludiamo questo capitolo citando parole di Erasmo da Rotterdam, parole che sembrano assolutamente calzare alla linea della nostra trattazione: “ I meno infelici invece, sembrano quelli che restano più vicini all’istinto”…”morirai bene se bene hai vissuto”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il guscio della libertà

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federico Montanari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Giovanni Giorgini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi