Skip to content

La rappresentanza politica dal medioevo all'età moderna

I regimi democratici rappresentativi moderni, le elezioni, il diritto naturale moderno

Gli Stati moderni, bisogna prendere atto, non sono tutti democratici e “rappresentativi” della volontà del popolo, anche oggi, ancora esistono degli Stati totalitari, illiberali, autoritari che non riconoscono i diritti fondamentali dell’uomo che dovrebbero spettare ad ogni uomo naturalmente secondo la teoria giusnaturalista.

In questa categoria, nostro malgrado, rientrano anche i grandi Stati moderni come la Cina, la Corea del Nord, Iran, e il nuovo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante noto anche con l’abbreviazione di “Isis”.
I regimi autoritari sono caduti uno dopo l’altro, le dittature di inizio ‘900, i regimi Comunisti, le dittature militari sudamericane, ecc., mentre la democrazia si afferma come la forma di governo più usata al mondo e si diffonde sempre di più.
Amartya Sen nel suo libro “La democrazia degli altri. Perché la libertà non è un'invenzione dell'Occidente” sostiene che “la libertà non è un'invenzione dell'Occidente con i suoi valori di uguaglianza, pluralismo, tolleranza, ma una aspirazione universale comune a tutti gli uomini.”

La Democrazia nonostante i suoi difetti si afferma come il modello più usato, gli Stati che adottano il modello democratico continuano ad aumentare, i popoli oppressi bramano la democrazia con le sue libertà e spesso si ribellano al giogo della dittatura manifestando pacificamente o con vere e proprie rivoluzioni.
“Democrazia significa potere del popolo. La migliore specificazione di questo potere è stata data da Abraham Lincoln, Presidente degli Stati Uniti d’America, nel suo discorso di Gettysburg, il 19 novembre 1863, nel pieno della Guerra Civile, quando si impegnò a fare sì che «il governo del popolo, dal popolo, per il popolo» non sparisse dalla faccia della terra.
Più precisamente, il potere del popolo può essere identificato in tutte le modalità con le quali il popolo prende direttamente senza mediazioni decisioni politicamente rilevanti. Lasciando da parte la possibilità di revoca (recall) degli eletti, tuttora praticata negli USA, ma che si trovò anche nello Statuto della Comune di Parigi (1871), molto apprezzato da Karl Marx…

Un'altra definizione su cui concordano molti politologi è: "La Democrazia è un regime contraddistinto dalla garanzia reale di partecipazione politica della popolazione adulta maschile e femminile, dalla possibilità di dissenso, opposizione e competizione politica.”89
Questa definizione può essere completata da un'altra definizione, in forma di elenco, è la Democrazia minima: Un regime per essere considerato democratico deve avere almeno;
* Suffragio universale.
* Elezioni libere, competitive, ricorrenti e corrette.
* Più di un partito.
* Diverse, libere e alternative fonti di informazione.

Riassumendo nei regimi democratici:
- la competizione politica è aperta e responsabile (o almeno dovrebbe esserlo);
- la partecipazione politica è libera (libera espressione del voto e del dissenso);
- vi è certezza del diritto, la democrazia come procedura, limiti ben definiti all’esercizio del potere: certezza del diritto.
- il rispetto di alcune cruciali garanzie istituzionali e dei diritti da promuovere (suffragio universale; elettorato passivo; diritto di competere per il sostegno elettorale; libertà di associazione e organizzazione; libertà di pensiero e di espressione; pluralità delle fonti di informazione; elezioni libere, competitive, corrette; istituzioni che rendano le politiche del governo dipendenti dal voto.

I moderni Stati Occidentali sono definiti anche “Stati di diritto”, indipendentemente dalla forma di governo assunta che siano monarchie parlamentari, repubbliche parlamentari/ presidenziali o semipresidenziali) poiché in essi sono riconosciuti e tutelati i
diritti naturali individuali dell’uomo (giusnaturalismo) e in essi vige il principio rule of law, ovvero il rispetto della legge.
Il rule of law è principio di tradizione inglese risalente al Medioevo affermatosi con Magna Charta Libertatum.
La legge è permanente e ad essa tutti gli uomini debbono obbedire; perfino il Re è sottomesso al diritto; ancora oggi è una pietra miliare della common law su cui è stata costruita la costituzione inglese.

Con l’illuminismo e i suoi grandi teorici politici T. Hobbes, J. Locke, J. J. Rousseau, I. Kant con le rivoluzioni liberali la sovranità passa alla Nazione, al popolo, la dignità umana assurge a valore primario, anteposto allo Stato, il cui rispetto legittima l’esercizio del potere pubblico da parte delle istituzioni, che, per converso, sono obbligate a proteggerla.
I diritti umani sono, dunque, connaturati alla moderne forme di Stato democratiche occidentali, la persona è al centro di tutto, lo stesso concetto di sovranità nazionale è stato concepito per proteggere l’individuo, che è la ragion d’essere dello Stato, e non il contrario.
I diritti dell’uomo riguardano innanzitutto, storicamente e sostanzialmente, i rapporti tra l’individuo e il potere, quest’ultimo è tenuto a rispettarli è a farne da garante affinché siano rispettati da tutti.

Numerosi sono state i documenti e le tappe che hanno sancito le libertà e i diritti fondamentali dell’uomo e hanno portato la nascita del Liberalismo.
Lo Stato (nello Stato di diritto) riconosce alla persona i suoi diritti inviolabili affermatisi con la Rivoluzione americana e francese, ed è pertanto tenuto a far sì che siano rispettati effettivamente.
Oggi i diritti fondamentali umani sono oramai riconosciuti sia a livello nazionale che internazionale grazie alla firma e al recepimento di accordi, trattati, convenzioni e protocolli internazionali, come la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo (1948), la Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (1950), la Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea (Nizza 2000).
La loro tutela è affidata sia agli Stati firmatari sia ad organi giurisdizionali come la “Corte europea dei diritti dell'uomo” (abbreviata in CEDU o Corte EDU), o la Corte penale internazionale sotto l’egida delle Nazioni Unite a cui è affidato l’arduo compito di sanzionare le violazioni.

Gli Stati sono tenuti al rispetto dei diritti umani fondamentali e L’ONU ne promuove il riconoscimento e il rispetto, (gli Stati e/o i funzionari colpevoli rispondono individualmente dei crimini commessi) anche se bisogna riconoscere che il loro riconoscimento non significa applicazione. Di fatto in molti Paesi (anche nei cosiddetti Paesi civili seppur in modo minore) essi non trovano applicazione, restano solo inchiostro su delle pagine.

Di solito, se uno Stato commette delle violazioni dei diritti umani nei confronti dei propri cittadini, richiama a sua difesa il principio di sovranità statale che limita la giurisdizione della comunità internazionale per la loro tutela.
Se ogni individuo nasce libero ed uguale, come mai ancora oggi ci sono persone in stato di schiavitù?
Come mai se ogni individuo ha diritto all'istruzione, ancora oggi ci sono milioni di persone analfabeti?
Come mai se c’è la libertà di opinione ed espressione ci sono migliaia di persone imprigionate per aver espresso il proprio pensiero?
Come mai se ogni individuo ha diritto all’assistenza alla protezione sociale (al cibo), ci sono migliaia di persone che muoiono di fame?

A questi interrogativi è difficile dare una risposta, bisogna prendere atto che i diritti umani sebbene siano riconosciuti da un punto di vista giuridico dalla quasi totalità dei Paesi, essi nella realtà non trovano applicazione universalmente. Basta leggere un giornale per rendersi conto che in tutto il mondo essi vengono violati, massacri, discriminazioni ed esecuzioni per motivi religiosi, conflitti armati ecc.
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La rappresentanza politica dal medioevo all'età moderna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Grandi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2014-15
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Alberto Clerici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

la rappresentanza politica concetto ed etimo
l'alto medioevo
basso medioevo “i comuni"
le monarchie assolute
a rivoluzione francese
gli elogi di montesquieu
i regimi democratici rappresentativi moderni
weber - tipi di potere-
la natura giuridica della rappresentanza
crisi della rappresentanza italiana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi