Skip to content

L'insegnamento della preistoria nella scuola italiana

Il reclutamento

Prima di parlare della formazione dei docenti di storia in Italia, è doveroso un excursus sui sistemi di reclutamento in generale. Le peculiarità del sistema italiano, dovute a contingenze storiche e a precise scelte politiche, fanno sì che accanto ai canali “ufficiali” di reclutamento coesistano vie alternative dovute a provvedimenti di carattere sanatoriale.

Già dall’Unità d’Italia, dato il forte tasso d’analfabetismo e la carenza d’insegnanti, «si cercò di supplire reclutando ex combattenti o individui semplicemente alfabetizzati, preparati alla meglio con corsi magistrali semestrali». Si procedette alla nomina «per appello diretto, prescindendo dalle vie del concorso. Fu questa la prima sanatoria nella scuola italiana che generò una categoria non prevista dalla legge: quella dei cd. legittimati».
Dal 1947 aumentano le leggi speciali per sistemare il personale docente precario senza esame: «Questo metodo fu talmente pervasivo che rappresentò il normale sistema di assunzione in ruolo, proprio in luogo del concorso».

La situazione diventa drammatica negli anni ’70. Con l’industrializzazione e le conseguenze del cosiddetto baby boom, che portano l’espansione della scuola di massa, la richiesta di insegnanti si fa molto alta. Si riesce a soddisfare questa richiesta utilizzando personale non di ruolo, cioè a tempo determinato, che diventa una parte cospicua dell’intera categoria: «La proporzione degli insegnanti precari rispetto al loro numero complessivo diviene parossistica raggiungendo quasi la soglia del cinquanta per cento.

Questa opzione ha però un’implicazione che produrrà un condizionamento stabile nel tempo. L’aver generato una schiera di dipendenti statali scarsamente tutelati è una non trascurabile concausa della loro massiccia sindacalizzazione». Tutto ciò viene accompagnato «dalle istanze rivendicative che, in poche parole, coincidono con l’estensione e il consolidamento delle pratiche di sanatoria già ampiamente sperimentate in precedenza».

Questa pratica della sanatoria si consolida nel tempo fino ad arrivare ad oggi. Infatti, accanto al percorso universitario post laurea abilitante (SSIS prima e TFA poi), che prevede una selezione, un tirocinio e un esame finale, si è creato un “doppio percorso” che permette ai docenti con anni di servizio di accedere direttamente al percorso formativo .

In sintesi, perciò, la categoria dei docenti, frutto di questo sistema complesso, è estremamente variegata. Nei prossimi paragrafi si analizzeranno i sistemi di selezione e formazione degli insegnanti di storia, ma non bisognerà però dimenticare che molti dei docenti non hanno dovuto superare tali selezioni e rispettare i requisiti richiesti, o perché hanno usufruito di percorsi agevolati permessi dalle sanatorie o per questioni anagrafiche (i requisiti richiesti non hanno valore retroattivo).

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'insegnamento della preistoria nella scuola italiana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Filomena Martori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Marta Rapi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

preistoria
riforma scuola
formazione docenti
programmi ministeriali
libri di preistoria
normativa scolastica
insegnamento preistoria
potenzialità didattiche
libri scolastici
manuali scolastici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi