Skip to content

Hilda Doolittle e la riscrittura del Mito di Elena: Proposta di Traduzione di Helen in Egypt

H. D. e il Re-visionismo

Lo shock derivato dalla rivoluzione industriale di fine Ottocento sfociato nelle guerre mondiali, l’affondamento del Lusitania del 1915, i bombardamenti di Londra, generarono ferite profonde e difficili da cicatrizzare in Hilda. Fatali, angosciosi, luttuosi e dolorosi avvenimenti, hanno scosso H. D. tanto in salute che nelle relazioni personali e nelle certezze poetiche e storiche; hanno eroso Hilda alla base di sé stessa come quelle bombe che erodevano edifici e spazzavano via persone. Tuttavia, secondo DuPlessis, si stabilisce un collegamento intimo in H. D. tra le due guerre paragonabile a quella tra il Vecchio Testamento ed il Nuovo: il primo imposta i problemi, facendo profezie che possono essere comprese e riscattate nel secondo (Career). Di fatto, la prima war-phobia di Hilda diventerà il mezzo attraverso cui, grazie al sostegno di Freud e di Bryher, la poetessa formerà uno studio critico delle radici della guerra, delle sue cause ed effetti, che le permetterà di affrontare con animo nuovo la seconda. Hilda vuole registrare, assorbire e trasformare la situazione politico-sociale della realtà in cui vive e fornire una soluzione che possa redimere l’intera umanità e ri-creare una società libera dalla guerra.

Nata e cresciuta nella comunità morava dell’Unitas Fratrum, non può non sentirsi coinvolta nella storia nella quale ormai si riversano ideologie mortifere, estremismi, distruzione e violenza e non può non scorgere nei valori moravi quello spiraglio di salvezza di cui necessita il mondo, vittima di atroci nazionalismi dittatoriali. L’arma attraverso cui combattere e sconfiggere il male della società occidentale è il perduto concetto di amore: amore per sé stessi, amore per il prossimo, amore per la famiglia: come affermava il Conte Zinzendorf, fondatore della comunità morava in Pennsylvania, “Love institutes the very life and soul of belief, Love is the spiritus universalis of a true religion” (Gollin).

In un mondo caduto in balia del patriarcato vige un sistema sociale nel quale predomina il maschile, nel quale potere, autorità e beni materiali sono di proprietà dell’uomo e nel quale, secondo varie teorie tra cui anche quella di Bachofen, si riuniscono valori di forza, eroismo, guerra, associati poi ad oscurità, odio, disordine, armi e quindi rovina, caos e morte. Friedman sostiene che, presentandosi il mondo patriarcale così potente e diffuso ad inizio Novecento, quindi come negazione di vita e amore, il fine ultimo di H. D. è ri-concedere al mondo i valori femminili, i valori matriarcali quali amore, pace, ordine, gioia e la fertilità di questi stessi valori (Creating).

Per mettere in pratica questo piano Hilda si avvale di un solo mezzo attraverso cui svelerà i terrori figli di una generazione di soppressione del mondo femminile: le parole. Si fa vivo H. D. un senso di “personal initiation” esploso nella poesia profetica di Trilogy, che introduce al mondo il personaggio, emblema dell’Amore necessario al nuovo secolo, che redimerà l’intera umanità: The Lady, una signora vestita di bianco che porta con sé un libro bianco, “the Book of Life”, le cui pagine sono tutte da scrivere, poiché non sottomesse al giudizio patriarcale (Psyche 183).

Una donna proteiforme la Lady che un palinsesto di significati ed una moltitudine di interpretazioni vedono in nelle divinità Iside, Afrodite, Astarte, Ishtar, Nefti, Artemide, Teti, ma anche come la stessa H. D., prescelta messaggera di una nuova era femminile, di una nuova mitologia femminile, al femminile e del femminile. The Lady è “Love Creator” che nelle sue opere si riflette in vari personaggi mitologici: in Helen in Egypt è Teti-Iside; in Sagesse è Grand Mer; in Vale Ave è Lilith; in Hermetic Definition è Iside. H. D. fonde in The Lady antiche divinità multiformi che incarnano il potere ri-generativo dell’amore in un mondo moderno ridotto a pezzi dal suo opposto. Il suo messaggio d’amore porta redenzione alla “city of ruin” attraverso una mitologia femminile ri-sorta.Sostiene Friedman che:

[the] recognition of traditional forms of misogyny leads […] to an affirmation of the poet’s power to purify patriarchal images of woman and to resurrect the Goddess as the spirit of regenerative Love in the modernist nightmare (Psyche 243).

Pertanto H. D. giunge alla conclusione che è necessario re-instaurare una solidarietà tra donne, ri-considerando, re-interpretando e ri-correggendo figure mitiche femminili come Elena, Euridice, Circe, Calipso, Cassandra per dare loro una voce che differisca dalla secolare caricatura stereotipata maschile e maschilistadominanteche categorizzano la donna sotto una duplice identità:la donna-angelo, virtuosa e passiva sottomessa, come Maria o Ifigenia e la donna-fatale, pericolosa e tentatrice, come Eva o Elena. Sarà questa profonda ed attenta cura verso i miti, fondamenti dei sistemi sociali del mondo, a spiegare il desiderio di ri-costituire la civiltà occidentale e, di conseguenza, a portare H. D. a riprendere il primo mito della prima donna emblema di bellezza e peccaminosità, Elena di Troia.

H. D. torna indietro nel tempo, scava profondamente nel passato per raggiungere le radici della tradizione patriarcale: mira a conoscere il suo nemico fino all’osso e a confrontarsi con lui. Trova il punto di partenza di questo maschilismo nell’Iliade ed in tutti quei miti della Guerra di Troia che hanno generato una costante struttura palinsestica di ogni guerra che l’ha seguita.

A questo punto Benanti suppone che H. D. si sia resa conto che la semplice ma divina Lady in bianco non sarebbe stata sufficiente a far rinascita la fenice del mondo dalle ceneri della guerra ed è per questa ragione che indaga un principio primo androgino che possa riconciliare maschile e femminile, superando ogni concezione dualistica del divino. Giunge al mito di Elena che ri-esamina interamente in Helen in Egypt, prodotto di ri-scrittura epico-drammatica: H. D. cerca di ri-costruire la donna primordiale e, dichiara Benanti, recupera “l’Elena-dea, una forma della Grande Madre che unisce in sé, come Demetra, i molteplici aspetti dell’identità femminile, una figura che la tradizione culturale patriarcale sembra aver cancellato” (in H(ilda) 82; 85).

Sarà proprio in Helen in Egypt, primo poema mitopoietico e re-visionista femminile, che Hilda Doolittle riuscirà ri-marginare la duplice immagine-cicatrice canonica patriarcale dell’Elena adultera colpevole della guerra di Troia e dell’Elena fedele vittima dell’imbroglio di Zeus: l’intento è recuperare la memoria perduta della donna.
In questo suo percorso di ri-scoperta e re-visionismo saranno poi illuminanti e di fondamentale ausilio ed imprescindibili nel suo poema epico femminile le tradizioni gnostiche ed esoteriche,la Cabala, l’astronomia e l’astrologia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Hilda Doolittle e la riscrittura del Mito di Elena: Proposta di Traduzione di Helen in Egypt

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Donatella D'Anniballe
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Marina Camboni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 249

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

h.d.
hilda doolittle
helen in egypt
mito di elena

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi